Dataset Preview Go to dataset viewer
text (string)timestamp (string)url (string)
Per raggiungere il campo attraversiamo la striscia d’asfalto che porta verso la provinciale numero 13. Mettiamo a rischio la nostra incolumità in un territorio di auto e camion. Sullo sfondo, i profili della Grigna e del Resegone. Più vicini, quelli del solito ipermercato di provincia, e delle villette a schiera che avanzano tra le coltivazioni. È lo sprawling, l’avanzata del cemento. Da questo lato dalla strada, invece, è ancora regno contadino. Almeno per ora. Torniamo a Caponago (Mb), Brianza pura, dove ha avuto i natali il progetto “Spiga e madia”. Ne parlammo su Ae nel gennaio 2009: in un territorio “spaesato”, il Comitato “verso il Distretto di economia solidale della Brianza” (Desbri) e la “Retina” dei gruppi di acquisto locali danno vita a un progetto di produzione di frumento, molitura, panificazione e distribuzione in un raggio di 20 chilometri. Si comincia da zero, nel 2007, senza alcun di finanziamento, quando una famiglia del Desbri (quella di Roberto Brambilla) affida un campo al progetto. Parte la conversione al biologico e una collaborazione con la cooperativa sociale “Cooperativa agricola fraternità” (Co.a.Fra.) della Cascina Nibai di Cernusco sul Naviglio (Mi), con il mugnaio e il panettiere. Filiera corta e prezzo giusto, in una zona dove la coltivazione di frumento per l’alimentazione umana era estinta: un successo che oggi coinvolge 30 gruppi di acquisto, 450 famiglie, tra “mangiatori” di pane e semplici acquirenti di farina, tanto da finire anche in una puntata di Report, a metà aprile 2011. La tv però non dice che questa è una storia che rischia di non avere un lieto fine: Roberto mi mostra i confini del campo sulla mappa catastale. Sembra un incubo, ma è la realtà: il progetto della nuova tangenziale di Milano, la Tangenziale Est esterna milanese (Teem) prevede che nel bel mezzo del campo venga realizzata una delle rotonde che portano ai caselli. Un disastro. Dopo quattro anni “Spiga e madia” rischia di essere spazzato via da una spianata di cemento e traffico. Franco Viganò, di Cascina Nibai, guarda il piccolo campo adiacente al suo e non ha dubbi: “È trattato chimicamente, fra poco non sarà più fertile”. Ovvero, è a rischio desertificazione. Mi spiega il suo metodo, la rotazione triennale. Qui le leguminose, là le colture “sarchiate”, e infine quelle autunnali e invernali. Un ultimo pezzo di terreno è coltivato a erba medica, “per far riprendere bene il terreno”. Il nome lo dice, la sapienza è contadina. Due anni fa è finita la conversione al biologico (“utilizziamo solo compost, 500 quintali a ettaro”). Dove due anni fa c’era il grano da cui stata ricavata la farina utilizzata per fare il pane che sto mangiando -omaggio di Roberto- ora ci sono i piselli (“la soia è troppo a rischio ogm”). Dove ora c’è l’erba medica (7 ettari circa, su un totale di 18) a ottobre si pianterà il grano. O almeno, si dovrebbe, rotonda permettendo. Facciamo due conti insieme: un campo biologico produce 35 quintali di grano a ettaro, il 75% in peso è la farina. Fanno quasi 200 quintali di farina. “La novità -mi dicono Roberto e Franco, quasi all’unisono- è che questa volta non è solo il contadino a opporsi a un progetto di cementificazione. Qui ci sono centinaia di famiglie che vedono minacciato un progetto cui lavorano da tanto tempo”. E che ormai li ha abituati a pane buono a prezzo equo. Ovvero a un benessere irrinunciabile. “Le siepi che delimitano il campo e lo separano dalla strada, indispensabili per la certificazione bio, le hanno piantate i gasisti, rispondendo a una richiesta di aiuto di Franco” mi spiega Giuseppe Vergani, uno dei coordinatori della Retina. Non appena saputo dell’ipotesi di tracciato delle bretelle della nuova tangenziale, il “Comitato verso il distretto di economia solidale della Brianza” ha inviato al ministero dell’Ambiente una serie di osservazioni. Nella lettera, datata 8 aprile 2011, si fanno le pulci al progetto. In particolare, il documento svela alcune incongruenze del tracciato definitivo, risalente al febbraio 2011, rispetto al progetto preliminare approvato dal governo nel 2005. Il nodo sta tutto nelle previsioni di aumento del traffico: lo studio non è stato infatti affidato a un soggetto indipendente dalla concessionaria (che si chiama Tangenziale Esterna spa), e dà risultati assai differenti rispetto ai precedenti studi condotti in ambito istituzionale, e propedeutici all’accordo di programma sottoscritto nel 2007 dal ministero delle Infrastrutture, dalla Regione Lombardia, dalle Province di Milano e Lodi e da 5 Comuni in rappresentanza dei 66 enti interessati dall’opera. Le previsioni di traffico sono ovviamente anche alla base del piano finanziario dell’opera, che non è mai stato divulgato agli enti locali. La lettera si concentra sul peggioramento della qualità dell’aria e sul clima acustico, sulle conseguenze per il suolo e le acque, e su quelle ovvie per l’agricoltura. Le richieste finali sono chiare: una riedizione di uno specifico studio sul traffico e l’inserimento nelle valutazioni della realizzazione dei tratti di metropolitana previsti a suo tempo, che il traffico dovrebbero ridurre. Anche il Comune di Agrate, interessato dall’opera, si è lamentato della versione definitiva del progetto, in contrasto con l’accordo di programma del 2007. Ecco il testo di un comunicato stampa diffuso a febbraio: “Si prende atto che ad oggi l’accordo di programma è stato disatteso. Nulla è stato definito per gli altri impegni sottoscritti nell’accordo, in particolare quelli per noi più importanti: spostamento del casello autostradale A4 e prolungamento della linee metropolitane M2 ed M3. Per la realizzazione dei prolungamenti delle metropolitane non è stata destinata né dallo Stato, né dalla Regione alcuna risorsa, né tanto meno è stato definito un credibile piano finanziario con la ripartizione dei costi. Stante il quadro attuale, i Comuni dell’‘Associazione per la realizzazione della Tangenziale Est esterna di Milano e il potenziamento del sistema della mobilità dell’Est milanese e del Nord lodigiano’ chiedono al ministero delle Infrastrutture ed alla Regione Lombardia di assumersi la responsabilità e di pronunciarsi in modo chiaro su come intendono attuare l’accordo di programma sottoscritto”. Il 6 aprile anche Legambiente Lombardia è tornata sul progetto di tangenziale, inviando a tutte le autorità competenti e agli enti coinvolti le sue osservazioni, in un documento di 10 pagine che si conclude così: “Si ritiene che il progetto definitivo della Tangenziale Est esterna di Milano e delle opere connesse non possa garantire un effettivo ed efficace miglioramento del quadro della mobilità dell’est milanese, a fronte della certezza del verificarsi di gravissimi impatti ambientali, paesaggistici ed urbanistici, nonché di rilevanti danni al sistema produttivo agricolo. Si chiede pertanto che esso non venga approvato. Il documento spiega le “13 ragioni per un solo no” alla Teem: “Il principale punto su cui continuiamo ad insistere è il grave imbroglio istituzionale ai danni dei comuni, che nel 2007 hanno sottoscritto un accordo in cui, in cambio dell’imposizione del tracciato autostradale, la Regione prometteva potenziamenti e nuove opere di mobilità ferroviaria, promesse scritte sulla sabbia: una vera impostura. Ma la critica fondamentale ha a che fare con i gravi effetti ambientali dell’opera: un vertiginoso consumo di suolo agricolo, in gran parte all’interno del Parco Sud, e un inevitabile aumento di traffico, che non potrà che peggiorare il livello di congestione e di inquinamento, sia nei comuni di cintura che nel capoluogo lombardo”. Ad ascoltare le proteste dovrebbe essere Tangenziale Esterna spa (costituita il 14 gennaio 2009) è la società concessionaria per “la progettazione, la realizzazione e la gestione della nuova Tangenziale Est esterna di Milano”, affidata tramite gara pubblica di project financing dal committente Cal (Concessioni Autostradali Lombarde) spa. Cal spa, costituita nel febbraio 2007, è controllata in modo paritetico da Regione Lombardia, attraverso Infrastrutture Lombarde, e dal ministero delle Infrastrutture, con Anas. Dietro Tangenziale Esterna ci sono nomi noti, costruttori e coop rosse: Impregilo (15,50%), Pizzarotti (7,90%), Coopsette (4,185%), C.M.B (4,09%), Unieco (4,09%), C.M.C. (3,235%). Il principale azionista, però, è Tem spa (57%), che a sua volta appartiene a Autostrade per l’Italia spa (Benetton, 32% delle azioni), Milano Serravalle Milano Tangenziali spa (32%), Asam spa (14,99%), Società autostrada Torino-Alessandria-Piacenza spa (8%) Autostrade Lombarde spa (8%), Intesa Sanpaolo (5%) e Provincia di Milano (con lo 0.01%). Giuseppe pensa al suo campo: “Il cascinotto lo utilizziamo per la festa del raccolto. Vorrà dire che la prossima la faremo in autogrill…”. È nata solo nel 2009, ma già la provincia di Monza e Brianza detiene alcuni record. Per iniziare, è la più urbanizzata d’Italia: il 53,2% della superficie è occupata da suoli artificiali, secondo i dati del Rapporto 2010 del Centro di ricerca sui consumi di suolo, curato da Legambiente, Istituto nazionale di urbanistica e Dipartimento di architettura e pianificazione del Politecnico di Milano (Inu edizioni, 22 euro). Come se non bastasse, Monza e la Brianza “ospitano” trentacinque imprese edili per ogni chilometro quadrato. Sono 13mila in tutto, e come spiega Antonino Brambilla, vicepresidente della Giunta provinciale e assessore alla Pianificazione territoriale, “non stanno con le mani in mano”. Il richiamo della Commissione europea, che considera il suolo una risorsa “non rinnovabile”, non scuote l’Italia. E se altrove (in Repubblica Ceca, ad esempio) viene considerato una risorsa ambientale, da noi il suolo è esclusivamente una variabile urbanistica. È lo è ancora di più da quando la fiscalità dei Comuni dipende dal mattone. Anche a Monza è aperto un fronte con gli enti locali: l’elaborazione del Piano territoriale di coordinamento provinciale (Ptcp) è fiaccata dalla resistenze dei sindaci che, racconta ancora l’assessore Antonino Brambilla, fanno la fila davanti al suo ufficio “terrorizzati dall’idea che nel territorio da loro amministrato vengano individuate aree agricole strategiche”. Ovvero da non cementificare. E non è un caso se la “campagna di primavera” dall’Associazione nazionale dei Comuni italiani (Anci) è servita a convincere il governo nazionale che è “buona cosa” finanziare la spesa corrente dell’ente destinando a questa fino al 75% degli oneri di urbanizzazione, i contributi che il privato che lottizza paga all’ente locale e che dovrebbero tradursi in pubblica illuminazione, spazi di verde attrezzato, asili nido e scuole materne, mercati di quartiere, delegazioni comunali, chiese e altri edifici religiosi, impianti sportivi di quartiere, centri sociali e attrezzature culturali e sanitarie. Il giochino vale almeno 3 miliardi di euro all’anno. La misura, introdotta in via straordinaria con la finanziaria 2005, è stata prorogata anche con l’ultimo decreto “milleproroghe”.
2020-02-22T22:24:31Z
https://altreconomia.it/una-rotonda-sul-pane/
Niente rivincita di Cardiff. La Juventus viene travolta dal Real Madrid nell’andata dei quarti di finale di Champions League e, salvo miracoli al Bernabeu fra otto giorni, anche quest’anno devono salutare l’ossessione della coppa dalle grandi orecchie. Mattatore della serata un Cristiano Ronaldo strepitoso che firma il 3-0 con una doppietta (eccezionale la rovesciata con cui realizza il 2-0), mentre dall’altra parte Dybala, che un anno fa proprio ai quarti e proprio all’Allianz Stadium strapazzò il Barcellona, lascia la squadra in inferiorità numerica a metà ripresa. Allegri deve fare a meno degli squalificati Benatia e Pjanic. In difesa Barzagli vince il ballottaggio con Rugani, mentre Bentancur gioca a centrocampo con Khedira. In avanti Douglas Costa, Dybala e Alex Sandro a supporto di Higuain. Pronti, via, e dopo tre minuti il Real è già in vantaggio. A timbrare il cartellino, manco a dirlo, è Cristiano Ronaldo. La Juventus prova a reagire con Dybala e Higuain, ma la retroguardia blancos è attenta. La traversa salva Buffon sulla botta dal limite di Kroos al minuto 36. E’ ancora monologo spagnolo ad inizio ripresa con Cristiano Ronaldo che sfiora il raddoppio. Ma al 64esimo Buffon nulla può sulla splendida rovesciata del portoghese che infila il 2-0 e raccoglie gli applausi di tutto lo stadio. La Juventus è tramortita e quando Dybala si fa espellere per doppia ammonizione va definitivamente a tappeto. Marcelo trova il 3-0, Buffon nel finale viene nuovamente salvato dalla traversa (questa volta su tiro del neo entrato Kovacic). Finisce 3-0. Una dura lezione di calcio per la Juventus che esce a pezzi dalla sfida con i campioni in carica (è la sconfitta più pesante subita dai bianconeri all’Allianz Stadium). Ma è anche una pesante sentenza per il calcio italiano che dimostra ancora una volta di essere parecchio indietro rispetto alle grandi d’Europa (un dato fra i tanti, in Italia la Juventus è un fortino inespugnabile e nelle ultime 11 giornate ha subito solo un gol, in Europa ne ha presi sei nelle ultime tre partite). Lo strapotere delle merengues è accentuato anche da un Cristiano Ronaldo in forma strepitosa. Il portoghese continua a frantumare record su record: nono centro in sei gare contro la Juve, primo calciatore a segnare in 10 gare di fila e ora sono 119 in Champions. Numeri niente male per un giocatore che, secondo un (presunto) giornalista, nella Juventus avrebbe fatto panchina. Magari a fare da riserva a Dybala, esaltato con troppa fretta da certa stampa sportiva (non basta una grande partita a fare di un giocatore un fuoriclasse), o a Pipita Higuain che quasi sempre nelle sfide che contano ritiene opportuno mettersi da parte e non dare fastidio. Alla Juventus toccherà riprovarci l’anno prossimo (al netto di miracoli fra una settimana). Sperando magari di non ritrovare il Real Madrid e Cristiano Ronaldo. Sfottò a parte, credo che la differenza tra la Juventus e le Big europee sia abbastanza netta. Tra l'altro ricordiamoci che agli ottavi anche un normale Tottenham mise in difficoltà i bianconeri. Ora aspettiamo che Sconcerti ci spieghi perché la juve è stata superiore e il risultato è bugiardo, ma che al ritorno si potrà fare l’impresa. Sempre che non giochi quello che da loro farebbe il panchinaro (come ebbe a dire, perspicacemente, l'anno scorso, poco prima della finale di Champions): pare ne abbia fatto una questione personale (in meno di 5 anni 9 reti con 11 tiri tentati). P.S.: Peccato per l’espulsione del pallone d'oro Dybala: con lui la remuntada al Bernabeu sarebbe stata una sentenza già scritta. Il Real ci è stato superiore. Purtroppo dobbiamo ammetterlo. Ci ha schiacciato sotto tutti i punti di vista e la loro vittoria è stata più che meritata.
2018-10-16T04:52:16Z
http://www.calciomania90.com/2018/04/champions-league-2017-2018-andata-dei.html
Non sappiamo ancora, a pochi giorni dal voto, chi sarà l’uomo – nel caso specifico, la persona – più potente del mondo. Ma diverse cose le sappiamo, comunque, già adesso. Primo, che questa persona sarà o totalmente irresponsabile o irrimediabilmente mediocre (o, più esattamente, del tipo “sa tutto ma non capisce nulla”); al punto di essere, rispettivamente odiata e disprezzata dagli elettori americani ( e questo, sia detto per inciso, dovrebbe favorire la Clinton; l’odio, in definitiva, mobilita più del disprezzo). Secondo, che la campagna stessa è stata la peggiore a memoria d’uomo, anche perché tutta centrata sulla delegittimazione che dico sulla criminalizzazione dell’avversario/nemico (e con dei metodi tali da far impallidire gli stessi autori del Watergate). Terzo, che questa campagna potrebbe essere vinta da chi, tra i due contendenti, sarà in grado di lanciare l’ultima manciata di fango senza che l’altro abbia il tempo di rilanciare la sua. Sarà, allora, il caso di domandarsi cosa sia successo ad un sistema politico-elettorale che, a detta di chi ha tentato di introdurlo nel nostro paese, avrebbe garantito un elevato livello non solo di governabilità ma anche di rappresentanza. A dire il vero i “padri fondatori” si erano preoccupati di garantire la seconda anche a, possibile, scapito della prima; nel senso di non favorire la tendenza del presidente a diventare una specie di re, magari illuminato, ma assoluto. Di qui, il ruolo di sempre possibile contrappeso di Camera e Senato, anche grazie alle elezioni “midterm”. Di qui, la “costituzionalizzazione” delle competenze degli stati e la valorizzazione della dimensione locale della classe politica; per tacere della Corte suprema. Di qui, infine, il divieto del terzo mandato. Ma c’era un altro pericolo, rispetto al quale la Costituzione e le leggi erano impotenti. Ed era quello dell’implosione del sistema per eccesso di conflittualità. Evento che si è puntualmente verificato; e con esiti quasi sempre a somma zero e in molti casi , e non metaforicamente, estremamente sanguinosi. E che si sta verificando oggi. E per due ragioni: perché lo scontro in atto è esistenziale, riguarda, insomma, la natura stessa dell’America; e perché i partiti, e in particolare quello repubblicano, sono incapaci di gestirlo in modo razionale. È riesplosa la lotta di classe: leggi il tentativo di eliminare totalmente l’eredità di Roosevelt e dei suoi successori, con il ritorno allo stato minimo e alla totale libertà d’impresa. Ed è esploso un conflitto etnico-razziale, con la reazione dei “poveri bianchi”di fronte ad un futuro in cui si vedono condannati all’emarginazione e all’abbandono dall’alleanza tra borghesia “liberal”, classe operaia organizzata, neri e ispanici. Il vecchio partito repubblicano, quello dei Reagan, di Bush padre e di Kissinger avrebbe cavalcato il problema con prudenza: estrema attenzione ai problemi del business e della libertà d’impresa, un po’ di moralismo anti radical chic, politica estera muscolare ma attenta alla realpolitik, estrema prudenza sui temi etnico-razziali. Ma questo partito non c’è; al punto che i suoi pochi esponenti rimasti in circolazione sono oggetto di una vera e propria caccia all’uomo. E non c’è più perchè, in un contesto di bassa affluenza alle urne, di collegi blindati e di primarie che consentono al primo gruppo organizzato di passaggio una opa ostile nei confronti dell’establishment, il partito è oggi governato non da professionisti soddisfatti ma da fanatici frustrati. E perché questi fanatici frustrati accomunano nel loro odio lo stato, i nemici interni ma anche “Washington”, insomma l’èlite al potere, sia essa democratica o repubblicana. E questo spiega perché i “repubblicani responsabili”non siano riusciti a contrapporsi a Trump: come lui hanno cavalcato l’onda dell’odio anti democratico, anti Obama, anti immigrati; e allora l’unica loro differenza rispetto al magnate ( e che ci indurrebbe a tifare per lui, astrattamente s’intende) è che quest’ultimo considera anche loro come bersaglio nel lancio del fango. A questo punto, in un confronto senza contenuti e senza regole, tutto diventa permesso. Utilizzare ogni mezzo per distruggere l’avversario; coinvolgere apertamente, mettendone in discussione l’obiettività, Fbi e Corte suprema, minacciare il carcere per il proprio avversario e, infine, roba che non usa più nemmeno in una sperduta repubblica africana, contestare preventivamente l’esito del voto. Nessun lavacro è in grado di rendere Trump un inquilino presentabile della Casa bianca. E il suo partito avrà bisogno di una lunga cura di disintossicazione; e dai risultati incerti. Per la Clinton un semplice consiglio; se una campagna facile e a prova di bomba, basata sull’argomento incontrovertibile della personalità del suo avversario è stata fino all’ultimo in bilico, segno che qualcosa non funziona. E non funziona in America.
2019-04-19T08:44:52Z
http://www.avantionline.it/grandezza-e-miseria-del-bipartitismo-americano/
Cosa vedremo da Bonnie? Bonnie è decisamente in una posizione dove le sue azioni nel finale di stagione e le azioni che dovrà intraprendere nel primo episodio la porteranno in un posto piuttosto oscuro dove starà sull’orlo del precipizio oppure deciderà di cadere o fare un passo indietro. Ci sarà un super cattivo in questa stagione? Ci sarà un super cattivo, e quest’anno, faremo qualcosa di leggermente diverso nel senso che non sappiamo o non vogliamo dire chi sarà subito. Il mistero è su chi sia questo cattivo perchè ovviamente è qualcosa o qualcuno di nuovo, e non sappiamo chi sia. Quindi questa è una domanda che ci chiederemo molto nei primi episodi mentre costruiamo la nostra prima sorta di rivelazione sul chi sia il cattivo in questa stagione. Vuoi giocare sul fatto che sia Katherine (Nina Dobrev) che Elena (Nina Dovrev) sono vampire? Non vedo l’ora che arrivi il giorno in cui Katherine sentirà il bisogno di tornare in città e si troverà faccia a faccia con Elena vampira. Non posso dire niente. Non so quando succederà – se sarà prima o dopo, ma sarà sicuramente fantastico quando succederà. E sul nostro cittadino umano, Matt (Zach Roerig)? Matt ha molto da guadagnarsi nella sua vita e nella sua testa. Lui è rimasto in vita e Elena è morta. Perchè? Cosa lo rende meritevole? Ora, noi, come pubblico, sappiamo perchè amiamo il nostro Matt Donovan, ma lui ha bisogno di provare a se stesso cosa lo rende meritevole di far parte di un gruppo di persone straordinarie. Come può essere straordinario a modo suo, anche se lui si sente ordinario. Cosa succederà a Jeremy (Steven R. McQueen)? Jeremy adesso è l’uomo di casa, per davvero, e anche se Elena si sentirà in dovere di proteggerli tutti non sarà così veloce nel dargli le redini della casa. Quindi dovrà cercare la sua strada e il suo posto. La cosa che non dobbiamo dimenticarci è che ha un’eredità di famiglia sulle spalle come cacciatore di vampiri, e abbiamo un nuovo cacciatore in arrivo in città. Quindi, si. Sono sicura che ci saranno degli scontri tra il nuovo cacciatore e l’eredità di famiglia del nostro Gilbert. Meredith (Torrey DeVitto) dovrà fare i conti sulla decisione che ha preso? Meredith ha dovuto prendere una grossa decisione. E’ stata appena catapultata nel centro di questo universo soprannaturale. Vuole restarci, o vuole uscirne? Vuole diventare la nuova amica di bevute di Damon, o vuole mantenere le distanze? Qual è il suo futuro? Quindi la vedremo porsi queste domande molto presto.
2013-05-22T02:27:57Z
http://www.lovelysucks.it/julie-plec-sul-nuovo-cattivo-bonnie-cattiva-e-katherine-contro-elena/
Lascia un commento Da Montanelli al niente:dove è finita la libera stampa di destra? Analizzare il giornalismo per capire la società, o almeno una parte di essa. Questo è stato il vero comune denominatore di un pomeriggio passato ad ascoltare ottimi giornalisti discutere sul tema che dà il titolo all’articolo. Luca Telese, Flavia Perina, Massimiliano Lenzi e Luciano Lanna, personalità diverse, storie diverse, un amore in comune, quello per la scrittura. Dopo un breve excursus storico sul giornalismo di destra, alcuni dei presenti hanno iniziato a riportare aneddoti e spaccati di vita vissuta, di come ad esempio, un tempo fosse “facile” in alcune redazioni, come quella del Giornale, fare carriera solamente grazie alla propria bravura, solo grazie al saper raccontare bene o meno bene il mondo di quegli anni. Dai vari racconti sono emersi fatti alquanto impensabili per chi, come me, ha da sempre visto quel tipo di giornali(di pseudo-destra) molto inclini al volere di chi comanda ed in maniera non troppo velata. Non avevo mai sentito parlare di un’anima ghibellina del giornalismo di destra o addirittura di un DNA dei giornalisti che lavoravano in quelle redazioni, più vivace dei loro colleghi politicamente contrapposti. Che l’Italia non è un paese per giovani dovrebbe essere ormai un dato di fatto. Dico dovrebbe perchè c’è chi, come il presidente dell’Alitalia e numero un della Piaggio Roberto Colaninno, afferma che se i giovani in Italia non lavorano è perchè hanno perso quella voglia di rischiare che è sinonimo di voglia di lavorare, negando tutte quelle evidenze sociali ed anche culturali che denunciano l’esistenza di un vero e proprio problema strutturale. Basti pensare agli ultimi dati Istat che vedono attestarsi il tasso di disoccupazione giovanile al 28,9%. 5 commenti Saremo noi ad uccidere la carta stampata? Continua il nostro viaggio dentro la rete per capire come e cosa sta cambiando nelle nostre vite.Le teorie che si trovano su questi argomenti sono a volte un po’ bislacche, ma spesso si trovano spunti interessanti su cui potersi confrontare. Partiremo dal titolo, per poi allargare il discorso e porci altri interrogativi. Quello che oggi vi chiedo è: per quanto tempo ancora saremo disposti a pagare per ottenere dei contenuti, cioè giornali, libri, o informazioni di ogni genere?Vi porto un piccolo esempio, voi oggi state leggendo il nostro blog e state ricevendo quello che io ho deciso di trasmettervi. Se oltre al nostro visitaste altri 10 blog quotidianamente, magari piattaforme specifiche, quindi con maggiori informazioni di vostro interesse e non generici come molti quotidiani, non avreste l’impressione di scegliere solo quello che veramente desiderate sapere, e non notereste l’inutilità del caro vecchio giornale? Qualcuno di voi risponderà (i più nostalgici) : ”vuoi mettere, leggere il giornale, aprirlo, sfogliarlo, sentirlo tuo e basta!” , certo, c’è un bel po’ di spirito retrò, e se vogliamo anche un fascino antico, ma andiamo a vedere il pratico, ed allora potrei controbattere dicendo che, per avere una copia del quotidiano o della rivista bisogna uscire a comprarlo, pagarlo, e poi quando si è finito questo rituale bisogna lavarsi le mani (infatti anneriscono i polpastrelli!) e buttarlo nel cassonetto giusto, e poi una volta finito il ciclo, aspettare un nuovo giorno e rieseguirlo.Sono punti di vista, ma la comodità che ci dà il digitale, l’assenza di ingombro ed il poter leggere le news quando ancora si sta nel letto, non sono qualità da bistrattare.Altri di voi diranno: “si ma la qualità delle notizie è diversa!”.Io dico:”forse”, se si sceglie bene cosa leggere, i contenuti a volte non risultano inferiori, tutt’altro, e soprattutto, i blog, gli spaces, e tutti quei siti che danno spazio ai non professionisti come noi, hanno aperto quella finestra creativa che è insita nell’uomo e che lo porta a raccontare, condividere e confrontare le proprie opinioni senza beccarsi un soldo.Quindi se tra qualche anno autori, edicolanti e l’indotto di questo settore diminuiranno a dismisura non ci sarà da sorprendersi.Credo sia utile a questo punto guardarci indietro per capire che non siamo di fronte a qualcosa di mai visto, ma solo al ciclico avanzamento della storia, guardando dentro casa nostra ad esempio, sapete dirmi quanti sarti, spazzacamino, calzolai c’erano fino a venti anni fa nel nostro ridente paesino? E adesso?Il continuo rinnovamento apporta modifiche sostanziali nel tessuto sociale e cambia le professioni, raramente le elimina, il segreto per sopravvivere è non farsi trovare impreparati.Pensateci blogger e parliamone insieme! 2 commenti Crea un sito o un blog gratuitamente presso WordPress.com.
2017-06-22T12:04:29Z
https://puntofuturo.wordpress.com/tag/giornalismo/
il mio bimbo ha 4 anni, e ha uno degli incisivi e i due canini superiori, completamente cariati e consumati. La cosa strana è che questo processo mi sembra che sia cominciato già con lo spuntare dei dentini, infatti ebbi l’impressione che l’incisivo fosse spuntato addirittura già scheggiato. Il mio timore è che prima che il bambino cambi i denti possa sopraggiungere un ascesso. Il dentista che lo ha visitato mi ha consigliato di non fare niente, mentre la mia pediatra non è d’accordo, per lei andrebbero estratti. Come devo comportarmi? Tra l’altro il bambino è bruxista, e data l’età, gradirei qualche consiglio. la cosa più importante è capire la causa di queste carie diffuse. Dalla sua descrizione sembra trattarsi di una sindrome della bottiglia che sostanzialmente è associata all’assunzione di bevande zuccherate per dormire (camomilla, latte miele, succhi). In tal caso vanno lentamente sospese le abitudini viziate, si comincia ad utilizzare un gel al Fluoro per rallentare il processo e poi si valuta in base alla profondità delle carie se riparare o estrarre mettendo un mantenitore di spazio. Il bruxismo a questa età è molto frequente e di solito scompare con l’eruzione dei molari permanenti, si può valutare l’eventuale presenza di precontatti. Un pedodontista le farà una diagnosi corretta e le consiglierà la migliore terapia.
2018-03-19T16:35:57Z
https://www.noimamme.it/i-nostri-specialisti-on-line/scrivi-alla-dentista/dentini-cariati-e-consumati-a-4-anni.html
Stasera alle ore 20:30 si gioca l'anticipo del girone Est di serie A2 tra Hertz Cagliari e Gsa Udine. Situazione infermeria per i due club: indisponibile nelle fila di Cagliari il giovane Ezio Gallizzi, impegnato nel torneo Under 18 Next Generation Cup con la rappresentativa della Dinamo Sassari; per Udine Trevis Simpson (distorsione alla caviglia) e Francesco Pellegrino (lombalgia) sono partiti con la squadra dopo avere svolto parte dell’allenamento di giovedì dando buone risposte allo staff medico. Alessandro Iacozza (allenatore) - “Vorrei prima di tutto spendere due parole per Riccardo Paolini, una persona di grande spessore oltre che un allenatore preparato, esperto e capace di ottenere sempre il meglio dai giocatori a disposizione. Una persona che ha lasciato un bellissimo ricordo dovunque sia andato e lo stesso ha fatto qui a Cagliari. Anche per questo è stato la prima persona che ho chiamato quando mi è stata proposta la panchina, la prima persona dalla quale ho ricevuto un incoraggiamento sincero. Prendo tra le mani una eredità importante che accolgo con profondo senso del dovere e la massima voglia di far bene. I nostri prossimi avversari sono i friulani della GSA Udine, squadra che ha 10 punti in classifica e che è reduce da una sconfitta a Jesi dopo aver vinto quattro partite consecutive. Il roster si compone di 10 giocatori tra i quali spiccano i due USA Simpson e Powell, oltre ad un gruppo di giocatori esperti come Cortese, Pinton e giovani di grande futuro. In panchina Demis Cavina, uno dei migliori allenatori dell’intera A2, con il quale ho avuto il piacere di poter lavorare a Veroli. Noi veniamo da una buona ed intensa settimana di lavoro. Il gruppo ha dimostrato buona lena e tanta voglia di dimostrare di poter competere in questo difficilissimo campionato. Siamo consapevoli che arrivati a questo punto ciò che conta veramente è la capacità di dimostrare in campo quanto di buono facciamo in settimana”. Demis Cavina (allenatore) - “Abbiamo analizzato tutti insieme il quarto periodo dell’ultima partita che non è stato all’altezza, specialmente in fase difensiva. È proprio dalla difesa che dobbiamo ripartire per approcciare nel migliore dei modi la prossima trasferta perché siamo tutti consapevoli che le nette vittorie dell’ultimo mese sono nate in quella metà campo. La nostra squadra è stata costruita per correre ed il contropiede può nascere solo se lavoriamo duramente nella nostra metà campo. Daremo il massimo per proseguire il nostro cammino e regalare una gioia ai nostri tifosi del Settore D che seguiranno in massa la squadra anche nella trasferta più lunga della stagione”.
2019-05-25T09:08:20Z
https://www.pianetabasket.com/serie-a2/a2-stasera-l-anticipo-tra-hertz-cagliari-e-gsa-udine-169444
“Gustando s’impara a rispettare, assaporare e non sprecare!” Con questo messaggio, che è anche il titolo della pubblicazione, è in fase di distribuzione a tutti gli utenti della mensa scolastica a Poggibonsi l’opuscolo informativo prodotto da Cir Food, gestore del servizio di refezione. “Un impegno che si rinnova per veicolare e promuovere informazioni e comportamenti alimentari corretti per la salute e per l’ambiente – dice l’assessore alle politiche educative Susanna Salvadori – Un opuscolo del genere è stato realizzato e distribuito nel precedente anno scolastico. Quello nuovo contiene informazioni in parte assimilabili e riferibili al servizio ma anche altre nuove e con una spiccata declinazione verso il rispetto dell’ambiente”. L’opuscolo é destinato a tutti i bambini e le bambine che usufruiscono del servizio mensa. La distribuzione, iniziata, si completerà nelle prossime settimane e riguarderà nel complesso oltre 2mila opuscoli fra nidi, scuole dell’infanzia e scuole primarie. Nell’opuscolo vi sono chiaramente i menu calendarizzati (suddivisi per settimana e per stagionalità), altre informazioni utili sul servizio erogato (diete speciali, allergie, alimenti che possono contenere allergeni eccetera) e altre notizie come la piramide alimentare. Centrale è la promozione di buone pratiche relative ad esempio alla giusta porzione da mettere nel piatto per evitare gli sprechi ma anche all’importanza di fare movimento, di scegliere i prodotti di stagione per gustarli al massimo di gusto e potere nutritivo, e di scegliere prodotti del territorio a chilometri zero. “Le nostre scuole – dice Salvadori – hanno raggiunto obiettivi importanti in chiave di sostenibilità, in virtù di una serie di accorgimenti che sono già operativi. Negli scorsi anni, gradualmente, sono stati reintrodotti piatti di ceramica e bicchieri di vetro al posto di quelli monouso e sono stati installati distributori di acqua per ridurre l’uso di bottiglie di plastica. Il percorso e l’impegno proseguono, anche attraverso azioni di sensibilizzazione come quelle promosse da questo opuscolo”. Nella pubblicazione si parla di come ridurre gli scarti alimentari, fare una corretta differenziata e attuare piccoli grandi gesti che fanno bene a tutti, fra cui anche l’importanza di condividere i piccoli grandi gesti messi in pratica. L’opuscolo rientra nel programma di migliorie che ha caratterizzato la mensa scolastica negli ultimi anni in virtù di un percorso di condivisione portato avanti in seno al Comitato Mensa e di una serie di azioni sostenute da Cir Food nell’ambito del capitolato di gara. Azioni che hanno comportato anche modifiche strutturali con miglioramenti degli spazi legati al servizio mensa e delle attrezzature a disposizione. Un investimento complessivo di 264mila euro che ha portato alle modifiche plastic free ma anche alla ristrutturazione della cucina con l’installazione di nuove attrezzature, lavori alla dispensa e realizzazione di spogliatoi e servizi per i dipendenti.
2019-10-15T04:32:06Z
http://www.sienafree.it/poggibonsi/111887-poggibonsi-buone-abitudini-alimentari-in-un-opuscolo-per-tutti-gli-studenti
Annunci vendita e affitti Immobili commerciali a Padova. Sfoglia annunci gratis Immobili commerciali Padova e dintorni. Annunci gratuiti Padova di vendita case, annunci affitto case, annunci auto e moto nuove e usate, offerte lavoro, cerco lavoro, annunci incontri o qualsiasi altro tipo di annunci, nella tua città e in provincia. Cerca e trova un annuncio in questa categoria di annunci Case e contatta subito l'inserzionista. Se vuoi inserire il tuo annuncio Immobili commerciali in questa categoria, clicca su Pubblica Annuncio e scegli se desideri promuoverlo ulteriormente per ottenere una posizione di privilegio ma soprattutto, più visibilità rispetto agli altri annunci Padova. Annunci vendita Immobili commerciali a Padova, annunci affitti Immobili commerciali Padova e provincia. Scegli l'immobile che risponde alle tue esigenze e contatta l'inserzionista. Vuoi vendere una casa o vuoi metterla in affitto? Inserisci ora il tuo annuncio nella categoria degli annunci Case a Padova.
2019-02-23T12:30:22Z
http://www.eannunci.com/padova/annunci-immobili-commerciali
Il NL è un gioco complesso. Lo sappiamo tutti. E' vero, tutti i giocatori hanno 2 carte, ma il gioco va molto oltre le due carte che abbiamo in mano e le 5 sul board. Nei prossimi articoli vi esporremo 5 concetti molto importanti sulla teoria del NL Hold'Em.Oggi inizieremo parlando del "floating". Cosa è il "floating"? Il floating è una mossa con la quale chiamiamo una puntata in uno dei primi giri di bet – solitamente al flop – con l'intenzione di puntare successivamente, se le condizioni ce lo permettono. L'obiettivo del floating è quello di far foldare una mano marginale, ma comunque migliore della nostra, oppure quello di estrarre valore con la nostra mano marginale. Grazie all'esperienza ho scoperto che gli avversari migliori da floatare sono i giocatori TAG, ovvero coloro che sanno foldare una mano quando sono battuti, e quelli che c-bettano spesso (tranne me. Non floatatemi mai). Con quali mani possiamo floatare? Teoricamente, penso si possa floatare con qualsiasi coppia di carte che abbiamo in mano. Tuttavia, secondo me, le mani migliori per effettuare questa mossa sono piccole e medie pocket pair, middle pair legate al flop e draw deventi, ma non troppo forti. Secondo alcuni, in questi casi si tratta di value betting, ma per me sono a tutti gli effetti dei floating. Alcuni potranno obiettare che forse sarebbe stato meglio chiamare su quel turn che è quasi sempre blank. Tuttavia: a) molto spesso, anche quando ci limitiamo a chiamare, non riusciremo comunque ad estrarre altro valore al river; b) ci sono parecchie carte che non vogliamo vedere al river (A, K, Q, J, T e forse anche il 9 fanno parte del range del nostro avversario); c) vinciamo il piatto subito, senza dover arrivare allo showdown, e quindi senza dare informazioni al nostro avversario.
2018-05-26T15:45:00Z
https://www.pokerstarsschool.it/article/Concetto-1-5-il-floating
Come già detto precedentemente il nostro corpo comunica più di quanto noi vorremmo, le nostre emozioni e il carattere che ci contraddistingue è imprigionato nella muscolatura, tanto che i segnali involontari di comunicazione possono essere colti anche dall'atteggiamento corporeo. La postura varia con il variare delle emozioni e degli stati d'animo. Posizioni rilassate sono assunte quando si é in situazioni informali, ad esempio tra amici, infatti, ci sentiamo a nostro agio e non ci preoccupiamo di ciò che gli altri potrebbero pensare di noi. Vi sono poi posture che delineano l'atteggiamento assunto nella relazione: la persona sicura, dominante, di un ceto superiore all'altro solitamente ha un portamento eretto, al contrario, chi si sente subordinato o sottomesso tende a mostrarsi corporalmente più piccolo, incurvando le spalle e abbassando la testa. La facilità di comunicazione e la creazione di un buon rapporto comunicativo dipende molto dalla rigidità muscolare che abbiamo: se siamo tranquilli e sciolti il nostro interlocutore non avrà problemi a interagire con noi, se invece siamo rigidi e non sincronizzati nei movimenti ci saranno difficoltà di rapporto.
2017-10-23T09:34:18Z
http://moccla-graphicartoon.blogspot.com/2009/03/
4 maggio 2017 (Jamma) – “In manovra ci riguardano 4 provvedimenti, tre sul settore dei giochi e uno su quello dei tabacchi”. E’ quanto riferito dal vicedirettore dell’Agenzia delle dogane e dei monopoli, Alessandro Aronica, nell’ambito delle Commissioni riunite Bilancio di Camera e Senato questa mattina durante l’audizione sulle misure correttive di cui al decreto-legge n. 50 del 2017, recante disposizioni urgenti in materia finanziaria, iniziative a favore degli enti territoriali, ulteriori interventi per le zone colpite da eventi sismici e misure per lo sviluppo. “Per il settore dei giochi – ha spiegato – si interviene sulla cosiddetta tassa sulla fortuna, ossia la tassa sulle vincite. Viene raddoppiata per una serie di giochi per cui già esisteva, dove passa dal 6 al 12%. I giochi interessati sono quelli numerici a totalizzatore come il Superenalotto, le lotterie istantanee (Gratta e Vinci) e le Vlt. La tassa della fortuna riguarda anche il gioco del Lotto, qui però agisce in modo particolare, praticamente su qualsiasi vincita, mentre per gli altri giochi la tassa interviene solo per le vincite superiori ai 500 euro. Nel caso del Lotto l’aliquota è stata quindi innalzata solo di 2 punti percentuali, proprio perchè riguarda tutte le vincite. Un incremento di aliquota come per gli altri giochi avrebbe probabilmente portato ad un decremento della raccolta abbastanza sensibile. In ogni caso gli effetti del provvedimento sono stati stimati tenendo presente anche un certo calo del gioco che potrà essere indotto da questo tipo di intervento. Gli altri due interventi – ha proseguito Aronica – riguardano gli apparecchi da divertimento. Nel caso delle awp, che sono quelle macchine per cui il Governo ha previsto una riduzione del 30% e che sono presenti anche nei bar e nei tabacchi, il Preu era stato portato già al 17,5% lo scorso anno e ora è stato ulteriormente incrementato al 19%. Queste aliquote, lo ribadisco, sono commisurate alla raccolta. Tuttavia l’anno scorso si era anche consentito di abbassare il payout che era passato dal 74% al 70% e in corrispondenza di questo abbassamento del payout si è iniziato a registrare un cedimento della raccolta. Sulle vlt l’incremento del Preu è di mezzo punto percentuale, non necessariamente verrà traslato sui giocatori però è in astratto possibile che ciò avvenga” ha concluso Aronica.
2017-05-25T04:56:20Z
https://www.jamma.tv/politica/commissioni-riunite-bilancio-aronica-adm-illustra-provvedimenti-sui-giochi-abbassamento-payout-iniziato-registrare-cedimento-raccolta-101028
Il Sole 24 Ore parla di noi! Si è conclusa il 27 giugno la quarta edizione de “L’Innovazione nella Supply Chain”, riconfermando grande partecipazione e vivo interesse da parte dei più grandi protagonisti della Supply Chain. Un’altra giornata ricca di validi contenuti, momenti di confronto, aggregazione e condivisione di nuove idee per il futuro. Abbiamo affrontato i temi più sentiti del mercato di riferimento, dalla Supply Chain di fronte alla sfida della globalizzazione dei mercati alla complessità dell’era digitale, dalla simulazione per la predizione nella Supply Chain al tempo di Internet of Beings alla Logistica del futuro, passando per interventi da parte di autorevoli nomi del panorama nazionale e internazionale e con la preziosa esperienza dei Professori Roberto D. Cigolini (MIP), Roberto Pinto (Università degli Studi Di Bergamo) e Diego Liberati (Politecnico di Milano). Ci piace pensare che questo giorno continui ad essere un appuntamento fisso nell’agenda di ogni professionista e di ogni appassionato della Supply Chain. Se vorrai contribuire con qualche spunto o suggerimento per il 2019, saremo lieti di accogliere il tuo parere per poterci sempre migliorare. Abbiamo a cuore questo progetto, perchè crediamo che la condivisione delle esperienze nutra l’entusiasmo per ciò che facciamo così che ogni storia aziendale sia una storia di successo e di arricchimento personale. Ringraziamo i Relatori e le aziende partecipanti, i Patrocini ASSOLOGISTICA, ASSOLOMBARDA, A.N.I.P.L.A, SOS LOGISTICA, gli oltre 280 partecipanti all’evento e chiunque abbia contribuito alla realizzazione di questa importante giornata. Appuntamento al prossimo anno con la quinta edizione!
2020-05-31T04:16:53Z
https://www.logisticaefficiente.it/comunicati-stampa/il-sole-24-ore-parla-di-noi.html
Fuori provincia - "Una vergogna senza fine. È questo, senza mezzi termini, l’unico aggettivo che possiamo utilizzare per il comportamento di Esselunga". Ieri mattina, a fronte della dichiarazione di sciopero regionale unitario dichiarato da Cgil, Cisl e Uil, successivamente dichiarato anche a livello provinciale, hanno incrociato le braccia i lavoratori dei supermercati di Turigliano e piazza Matteotti per "richiedere una maggior sicurezza sul posto di lavoro e un contingentamento dell’orario che possa prevedere la chiusura nei giorni festivi, sulla scorta delle decisioni prese dalle altre catene di supermercati". "I lavoratori e lavoratrici si sono astenuti in massa – affermano i sindacati – convintamente e motivando tale scelta, anche a mezzo stampa, con senso di responsabilità, consapevoli del ruolo importante che rivestono in questo particolare periodo. Proprio per questi motivi le aziende devono fare in modo che tutti i lavoratori siano messi in condizioni di tutela fisica e morale. Contrariamente Esselunga ha reagito sostituendo i lavoratori in sciopero, lo ha fatto violando lo statuto dei lavoratori, come se i diritti di questi ultimi fossero sospesi, e lo ha fatto, ed è questo l’aspetto più grave e che deve essere denunciato, mettendo a rischio la salute dei dipendenti rimasti in negozio e dei clienti, che solo a parole dicono di voler tutelare, anteponendo ancora una volta ai diritti, alla salute e sicurezza il mero profitto aziendale". "Hanno fatto giungere, irresponsabilmente, personale dai negozi delle province di Lucca e La Spezia, violando apertamente il protocollo sulla sicurezza sui luoghi di lavoro del 14 marzo che stabilisce la sospensione di trasferte di personale da una sede produttiva all’altra e mettendo a rischio, conseguentemente, la salute dei dipendenti e dell’utenza. Esselunga non dialoga con chi chiede più tutele e sicurezza, perché “the show must go on”, sempre e ad ogni costo, ed il loro atteggiamento da “padroni delle ferriere” in barba ai diritti, alle normative e alla salute dei suoi dipendenti e clienti dimostra ancora una volta, qualora ce ne fosse bisogno, che l’unica cosa importante è il profitto. A poco servono le lettere di ringraziamento che ricevono i lavoratori e lavoratrici da parte degli amministratori delegati, servirebbero fatti e non parole... di quelle ce ne sono fin troppe spesso inutili".
2020-06-02T16:30:31Z
http://www.cittadellaspezia.com/Fuori-provincia/Economia/Sciopero-Esselunga-a-Carrara-chiamati-i-dipendenti-spezzini-308254.aspx
Natale, anno 1994. Barbie, Lego e Tamagochi nella lista dei regali stilata per Santa Claus. Unica consolazione a mitigare l’attesa fino al 25 dicembre: un piccolo calendarietto di cartone composto di 24 caselline, ognuna delle quali con un piccolo segreto al cioccolato firmato Kinder. È questo il ricordo della festa più bella dell’anno che conservo da quando ero piccola. Adesso prendi lo stesso concetto e adattalo al fatto che hai 26 anni: che ci metti nelle 24 caselline? Ti viene in aiuto Red Bull che ha preso 20 tra i migliori artisti con cui ha lavorato nel 2014 e ha chiesto ad ognuno di loro, in esclusiva, una nuova traccia che ci traghetti verso l’anno nuovo in fd. La prima uscita è firmata da una combo tutta al femminile: Tokimonsta x Iza. La prima è una musicista stratosferica di Los Angeles, la seconda una cantante e produttrice polacca di talento. Il progetto si chiama Red Bull 20 Before 15 e hai altre 19 uscite da scoprire e scaricare gratis. Hai visto che alla fine Babbo Natale esiste?
2019-01-17T14:06:37Z
https://www.dlso.it/site/2014/12/02/20-before-15-calendario-dellavvento-red-bull-20-tracce-in-free-download/
​Nel quadro dell’intensificazione dei servizi di prevenzione generale e di controllo economico del territorio, con particolare attenzione all’abusivismo commerciale, al sommerso da lavoro ed alla tutela della salute pubblica, i finanzieri del comando provinciale della Guardia di Finanza di Napoli hanno sequestrato un opificio clandestino, sito nella zona di Capodichino, adibito alla produzione di articoli in pelle. In particolare, i finanzieri del i Gruppo Napoli, a seguito di attività info-investigativa nello specifico settore di intervento durante l’azione di contrasto all’economia illegale e sommersa per la stagione estiva 2017, hanno scoperto un’attività di pelletteria completamente sconosciuta al fisco e priva di ogni autorizzazione che operava a pieno ritmo nella produzione di cinture, impiegava 5 lavoratori a nero, era priva di documentazione riguardante il corretto smaltimento di materiale altamente cancerogeno. Inoltre, durante il controllo è stato accertato che l’utenza elettrica che serviva l’opificio illegale era stata manomessa. Al termine del servizio, le fiamme gialle hanno posto sotto sequestro l’attività abusiva, le numerose attrezzature presenti (macchine da taglio, cucitrici, spillatrici), i prodotti grezzi, semi-lavorati e finiti pronti all’immissione in commercio, nonché mezza tonnellata di rifiuti speciali derivanti dalla lavorazione del pellame. Il titolare della ditta è stato denunciato all’a.g. Competente per furto di energia elettrica, inquinamento ambientale ed attività di gestione di rifiuti non autorizzata. Inoltre, per ciascun dipendente non regolarmente assunto, sarà irrogata la c.d. “maxisanzione” come prevede la normativa di settore.
2019-06-16T20:48:26Z
https://siac.gdf.it/Notizie/Pagine/Napoli11.aspx
E’ notizia fresca fresca, precisamente del recentissimo Consumer Electronics Show di Las Vegas, il “rilancio” di Sony al tavolo da gioco dei netbook. O forse dei sub-notebook. O, meglio, dei sub-subnotebook. O, invero, dei mega-cosini-quasi-tuttofare, oggetto dei desideri per molti (di noi...) nel mondo. Ci manca solo, stile (o style?) Cenerentola-Disney, un sottofondo musicale del tipo: “i Sony son deeesideeeri... di felicità!!!”. E magari – abbondandis... abbondandum, diceva Totò – come sottotitolo un bel: “Il mondo è bello perché è Vaio!”. Parlo, s’era capito, dell’appena atterrato Sony Vaio P: quel “nanocoso” multi colorato quasi tascabile, con hard disk – potendo scegliere tra un classico 60 giga roteante e un futuribile 128 giga SSD (roboante) – a dimensione... di portafoglio. Prezzi al (folto?) pubblico, da un minimo di 999 “euri” ad un massimo (scusate se è molto) di 1499. Dipende da quanto, lor signori e lor signore, lo vogliono grande. E soprattutto svelto, l’hard disk. Salta certamente all’occhio, sin da subito, un display extralarge da paura (in tutti i sensi, nel bene e nel male... da vedere con gli occhi e, probabilmente, gli occhiali). E’ inoltre caratterizzato da un sistema operativo “vero” – parola di Microsoft! – , da una tastiera di dimensioni dichiaratamente giapponesi, da una sezione “quasi completa” – si veda appresso! – WWAN 3G/HSDPA e... tanta voglia di fare. Un po’ mi ricorda, emotivamente parlando (non certo tecnologicamente, quelli erano altri tempi, i “fantastici anni 90”!) il glorioso Psion Series 5 che, per la cronaca, ancora tengo gelosamente conservato, fisicamente, in qualche cassetto dei ricordi. A quello, pensandoci ora, ci mancavano davvero tante cose... ma noi eravamo tanto felici ugualmente, come si dice spesso, con poco. La “P” di “Vaio P” – originariamente di chiara ispirazione “Pockettiana” – può, nel nostro idioma, di certo suggerire tante cose. “P” come Prezioso, “P” come Piccolo, “P” come Pratico. Speriamo anche “P” come Performante, Professionale e, perché no?, Poliedrico (o polivalente che dir si voglia). Un oggetto, per farla breve, in grado di consentici tante cose: dalle più “particolari”, come la navigazione Web nel bel mezzo di un tragitto in tram, comodamente appollaiati sullo strapuntino (sono tutti bravi a farlo in “aeroporto/imbarchi_intercontinentali/business_area”!), fino a quelle notoriamente “scontate”, come la connessione al server aziendale, alla ricerca di un documento “importante”, nel bel mezzo di una cena d’affari. Tra un fresco gamberetto in salsa rosè e una calda terrina di crème brûlée. Tante “P”, dicevamo, meno una: quella di Parlare. Nel senso “telefonico-classico” del termine (con Skype, MSN, e VOIP non vale!). Da questo... il “quasi completa” di cui prima, riferendomi alla sezione WWAN 3G/HSDPA (quindi UMTS) di cui il bel “nanocoso” è dotato. Pertanto, la domanda nasce spontanea: che costava infilarci dentro anche la possibilità di effettuare normali chiamate telefoniche se non, addirittura! (uauuuuu...), videochiamate? L’elettronica c’è proprio tutta: webcam, microfono e “casse” comprese (anche se sarebbe quanto mai d’obbligo, in tale circostanza, un auricolare bluetooth). E’ evidente che la scelta è solo di natura commerciale, quindi (da utente) criticabile. E continuo a chiedermi: ma quando la smetteranno, tutti i produttori, di costringerci a portarci dietro così tanti ammennicoli elettronici? (e, in caso di valigia, così tanti “alimentatorini”???). Al di là di questo, ci tengo a dichiararlo pubblicamente, il Vaio P è proprio un bell’oggetto. Come tutte le cose può essere migliorato e lo stesso varrà, a seguire, anche per il suo successore... quando sarà il suo turno. non costa neanche troppo. il mio subnotebook Vaio nel 2004 l'ho pagato uno sproposito (ma lo uso ancora e va che è una meraviglia), e poi.. c'è chi paga 600 euro per un telefono.!!!
2018-12-15T07:28:37Z
http://www.digitanto.it/Digitando/Digitando001.htm
I Medici 3, la terza stagione ci sarà? Si avvia a conclusione, con l’ultima puntata in onda questa sera, I Medici 2, la serie tv di Raiuno prodotta da Rai Fiction, Lux Vide, Big Light Production ed Altice Group. Una saga familiare, quella della famiglia fiorentina, che ha appassionato anche quest’anno numerosi telespettatori, e che si prepara ad essere esportata all’estero, come accaduto con la prima. Dato il grande successo di distribuzione internazionale e di ascolti (sebbene quelli della seconda stagione siano stati in calo), la casa di produzione di Luca e Matilde Bernabei ha deciso di raccontare la storia di Lorenzo il Magnifico (Daniel Sharman) tramite non una, ma due stagioni. La terza stagione de I Medici è già in produzione: le riprese, iniziate a fine agosto, si stanno effettuando a Roma e dintorni ed oltre a Sharman vedrà nel cast alcune novità. Innanzitutto, vedremo Francesco Montanari (protagonista nei mesi scorsi de Il Cacciatore su Raidue) nei panni di Girolamo Savonarola, colui le cui prediche fomentarono la rabbia dei fiorentino e portarono, nel 1494, alla cacciata dei Medici da Firenze. Nel cast, però, ci saranno anche Neri Marcorè e Gaia Weiss. Cambio anche alla regia: a dirigere la terza stagione sarà Christian Duguay, che prenderà il posto di Jon Cassar. Se le riprese sono già iniziate, è probabile che I Medici 3 vada in onda già nella prossima stagione televisiva, evitando quindi lunghe attese ai fan della fiction.
2020-03-28T17:05:38Z
https://www.ascoltitv.it/i-medici-3-stagione-riprese/
Il mondo dello MusicBiz è più che mai crudele, tutto è sempre più veloce, l’offerta è sempre più grande e solo in pochi e poche riescono veramente a combinare anche solo un singolo di successo, tanti vedono i loro sogni di gloria frantumarsi in pochi attimi. Mentre ai tempi di Maddy e JJ le vie erano uniche… ora c’è internet, c’è la TV, la radio, la discografia tradizionale, i brani in rete, i MySpace,… tutti questi canali sparano musica in continuazione, propinano nuovi artisti che nascono e muoiono dopo pochi mesi… e solo chi è veramente forte e fortunato ce la fa… (i paraculati del musicbiz moderno)! Ma il post e per capire… dove sono finiti? Vogliamo parlare di Teairra Mari, una ragazza di gran talento, che fino a un paio d’anni fa era la newcomer della Roc-A-Fella, una punta di diamante, era stata decantata come una grande star, stiamo aspettando ancora Second Round, il secondo album…. che però viene posticipato, viene ribaltato, viene annunciato e poi smentito… tanto che è la nostra prima persa per strada… n’do sta? Sempre nello stesso ambiente, c’è Brooke Valentine.. Physical Education il secondo lavoro … è stato abortito? .. l’hanno lanciata giù dal 10 piano della sua label? è troppo troiaccia del South per far successo? Mah, anche per lei venivano decantate “doti” fuori dal comune,… comincio a preoccuparmi, forse che queste “doti” erano solamente Physical? Lei sappiamo dov’è,… ma mi sa che Matthew Knowles (che io detesto) la stia prendendo per il … c….. si tratta di Miss Kelly Rowland… ma sto benedetto album quando uscirà? Mo si vocifera che è stato ancora posticipato, per lasciare spazio a….. la c***utissima sorella di Bee.. Solange Knowles (dio che nome… mi fa rabbrividire pensando all’estroso personaggio che abbiamo nella TV italiana)…. Mah! Speriamo in bene per la povera Kelly.. io ho sempre sostenuto che dopo la rottura delle DC avrebbe dovuto cambiare management per sfondare! Tra i girl group R&B abbiamo le Blaque, quelle che hanno cantato “I’m Good” dalla colonna sonora Honey, che si sono perse completamente di vista… arriverà qualcosa di nuovo? Anche le 3LW dopo una produzione fallimentare di JD non le ho più viste…. Nel mondo HipHop? Beh, grandi nomi sono semi-scomparsi, mi ricordo per esempio Mase, anche se sembra che stia lavorando a qualcosa, oppure mi viene in mente Fabulous che anche lui sta lavorando... ma pubblicare date d’uscita è diventato uno spauracchio con la paura di non vendere nemmeno 10 copie! E la grandiosa voce, Toni Braxton, (multi grammy award winner) che ne sarà di lei? Con chi è contrattata? Uhm… ma io la rivoglio! Insomma, potrei protrarre questo post all’infinito, c’è veramente da dire che questo sofraffolamento della scena ha portato tanti grattacapi a grandi artisti, ha fatto in modo che dei “Newbie” siano già stressati ancor prima d’iniziare, ed è quasi più facile vincere all’euromilions piuttosto che sfondare nel MusicBiz…. E voi quali “desaparecidos” vorreste ritrovare? Quali “newbie” pensate che siano sottovalutati o poco apprezzati? La discussione è aperta! 26/07/2017 - 19:16 26 1001 AGGIORNAMENTO!
2017-07-27T08:46:51Z
http://www.rnbjunk.com/dove-sono-finiti-persi-per-strada/
Total Parts Plus è lieta di annunciare la propria presenza con un’area espositiva all’evento DMSMS 2018 che si terrà presso il Nashville Music City Center nelle giornate dal 3 al 6 dicembre 2018. L’evento Diminishing Manufacturing Sources and Material Shortages (DMSMS) si svolge annualmente ed è focalizzato sull’identificazione e mitigazione dei problemi di approvvigionamento causati dall’obsolescenza, dalla perdita di fonti produttive, nonchè per la penuria di materie prime che possono portare alla fine del ciclo di vita di un prodotto. L’evento è volto ad aiutare le industrie a pianificare sistemi sostenibili in un ambiente di acquisizione accelerato. Total Parts Plus will be available to showcase our latest obsolescence and compliance management solutions. We help provide an all-inclusive solution for obsolescence tracking, compliance reporting, and data analysis. Join TPP at Booth 357 and stay up-to- on the latest industry trends, and learn new and exciting ways to sustain and grow your business. Event registration can be found at http://www.dmsmsmeeting.com/pages/attend.html.
2018-11-14T13:44:35Z
https://www.infodoc.it/tpp-partecipera-al-dmsms-2018/
Book Case 45 è una custodia in poliuretano a libro universale con una pratica chiusura magnetica. È la tua scelta ideale se vuoi proteggere il tuo smartphone con schermo fino a 4,5 pollici. L'ancoraggio tramite sticker di ultima generazione consente un'affidabilità totale; in più un'apertura posteriore correttamente dimensionata permette di non ostruire la fotocamera. Caratteristiche: Formato a libro per il miglior rapporto tra protezione, eleganza e praticità. Compatibilità con qualsiasi smartphone con schermo fino a 4,5 pollici, di qualsiasi marchio e anno di uscita. Per Smartphone con dimensioni massime: 135 x 67 x 9.5 mm Chiusura magnetica di elevata qualità. Recensioni Ancora nessuna recensione da parte degli utenti.
2017-03-30T20:17:21Z
http://www.smartphonestock.it/custodie/101098-sbs-custodia-book-universale-45-attacco-adesivo-rosa-8018417204791.html
Lo spiegone della sera: Il Calabrone e la Scienza. Capita spesso, durante una disquisizione, anche sulle scie chimiche, che l’interlocutore, una volta messo di fronte a prove o deduzioni, che fondano la base sulla scienza, ci definisca scientisti, inteso come una sorta di dispregiativo. In genere, il passaggio successivo, è che la Scienza non può spiegare tutto, che spesso si sbaglia e via discorrendo. Non credo che nessuno abbia mai affermato nulla di simile. Ma spesso, per comodo, i complottisti confondo questo assunto, col fatto che un fenomeno può essere spiegato nella sua interezza, come ad esempio le scie. Attualmente non esiste aspetto della formazione o caratteristica delle scie, che non abbia almeno un paper di studi al riguardo. 2 – Il Calabrone non può volare, lui non lo sa e vola lo stesso. Questa frase, mi è stata riportata un sacco di volte, e nelle intenzioni dell’interlocutore, si vorrebbe smontare il fatto che si possano usare argomentazioni scientifiche come base delle dimostrazioni sulla questione in discussione. Beh, tanto per capirci, la frase è una bufala. O meglio, agli inizi del ‘900, alcuni entomologi, provarono ad applicare le equazioni della resistenza dell’aria sull’insetto. I calcoli di allora, mostrarono che teoricamente, il Calabrone non poteva volare. Ma la Scienza, di fronte ad una situazione del genere, normalmente s’impegna a trovare l’errore. E così è stato. E non si trattava di un errore di calcoli, ma quanto più di applicazione di formule. Nel caso del Calabrone, si è utilizzato un modello lineare semplificato di profili alari oscillanti. Questo modello assumeva piccole oscillazioni delle ali e nessuna separazione del flusso d’aria attorno ad esse. Una migliore analisi del movimento delle ali del Calabrone (le ruota mentre le batte in alto e in basso), una misura precisa della velocità con cui batte le ali (circa 200 volte al secondo), e uno studio più approfondito della morfologia dell’ala vera e propria (inizialmente si credeva che fossero lisce, mentre si è notato che invece sono corrugate e questo cambia completamente la dinamica dell’aria su di esse), hanno portato alla conclusione, che la “forza bruta” insita nel volo del Calabrone, porti le sue ali a produrre costantemente uno stallo dinamico. Uno stallo dinamico, è una condizione in cui, mentre l’ala si muove ad alta velocità, supera l’angolo d’incidenza critica. A differenza dello stallo classico, uno stallo dinamico, per un breve momento, produce prima di perdere portanza, un potere di sollevamento maggiore di quanto farebbe l’ala se si muovesse linearmente nell’aria. Sfruttando questa caratteristica dello stallo dinamico, e producendolo in continuazione, il Calabrone riesce tranquillamente a sollevare il suo peso per aria. Questo fa la Scienza. Se viene trovato un errore, lo si cerca, lo si corregge e si va avanti. Il Calabrone ha mostrato sì un errore, ma non nei calcoli, ma nell’aver applicato quelli sbagliati invece di quelli giusti. Ha mostrato che si è data per scontata la sua meccanica di volo. Per le scie, il principio è lo stesso. I sostenitori spesso, non si rendono conto di aver fatto lo stesso errore, di continuare ad applicare le considerazioni sbagliate. Danno per scontato di conoscere le meccaniche che le generano, senza conoscerle effettivamente. Per assurdo, uno scienziato, se vedesse il 2 Giugno, un aereo che rilascia una scia di condensa da gas di scarico, a 1000 metri di quota, prima di credere ad una cospirazione, cercherebbe di capire se il modello attuale è sbagliato, se c’è qualcosa che non sa sull’atmosfera di quel giorno o sul tipo di ali e motore utilizzati, e via discorrendo. Aggiornerebbe cioè i modelli, a fronte delle nuove informazioni. Per fortuna però, le scie che vediamo nei cieli, continuano a rispettare TUTTI i principi della fisica e della chimica. Rispettano TUTTE le proprietà che ci si aspettano dal ghiaccio. Rispettano tutti gli studi compiuti dai meteorologi, dagli ingegneri aeronautici e dagli studiosi.
2018-02-25T19:18:50Z
http://lospiegone.blogspot.it/2014/06/il-calabrone-e-la-scienza.html
Meraviglie. Alla scoperta della penisola dei tesori (Fuori collana) de Alberto Angela está disponible para descargar en formato PDF y EPUB. Aquí puedes acceder a millones de libros. Todos los libros disponibles para leer en línea y descargar sin necesidad de pagar más. Reseña del editor Dalle vette delle Alpi alla Valle dei Templi siciliana, dalla rappresentazione ricca di simboli del Cenacolo di Leonardo, a Milano, alle immense pietre dei nuraghi sardi, in Italia le meraviglie sono ovunque. Le diamo per scontate, abituati come siamo a muoverci da una bellezza straordinaria all'altra: maestose rovine romane e sorprendenti chiese barocche, il genio del Rinascimento fiorentino e la luce del Settecento veneziano. Se ci soffermiamo a riflettere, scopriremo che non esiste un secolo in cui in Italia non sia stato creato qualcosa di incredibilmente prezioso. A essere dichiarati dall'Unesco Patrimonio dell'Umanità sono stati finora ben cinquantacinque siti in Italia, tantissimi considerate le dimensioni del nostro territorio, una densità che non ha eguali in nessun altro Paese del mondo. Questo libro è un viaggio nello spazio e nel tempo alla ricerca delle meraviglie italiane. Il nostro patrimonio è la nostra identità. Siamo noi. Abbiamo il dovere e la responsabilità di difenderlo. Questi siti esprimono la nostra storia comune, la diversità delle culture, la relazione fra l'uomo e l'ambiente naturale. Rappresentano l'anima e la memoria delle popolazioni e dei territori che le esprimono. Affermano il valore universale della bellezza e della curiosità, che è la nostra più grande ricchezza.
2020-01-20T20:48:29Z
http://gayroomforum.com/descargar/8839717692-meraviglie-alla-scoperta-della-penisola-dei-tesori-fuori-collana.html
Il posto era bello. Bella la casa, gli esterni, il giardino. Ma l'appartamento non corrispondeva totalmente alle foto viste sul sito. Nel sito mostrano solo le foto di un tipo di appartamento, ma questo l'ho capito solo all'arrivo. Nelle foto si vedeva un appartamento con soggiorno/cucina ampio con tv e una camera da letto. Nel nostro appartamento invece la tv era in camera da letto e il soggiorno non c'era, c'era solo una piccola cucinina con tavolo e sedie. Io avrei gradito la tv in cucina così se uno di noi avesse voluto dormire e l'altro no, non ci sarebbero stati problemi. Il mobilio poi era vecchiotto. Altro problema: nel nostro appartamento si sentiva un forte odore di gas. L'abbiamo segnalato ma il problema è rimasto per tutto il tempo del soggiorno comunque. Ultima cosa. Il giorno della partenza, ci hanno dato il libro ospiti e richiesto di scrivere una dedica o simili. Aiuto! Secondo me, il libro ospiti potevano esporlo da qualche parte, ma non obbligare le persone a scriverci per forza. Per altro, con loro davanti, sapendo di dovergli ridare il libro subito, che mai avremmo potuto scrivere? In ogni caso, uno fa una dedica spontanea se appunto la cosa fa piacere, ma noi non ci eravamo trovati poi così bene, quindi non avevamo nessun desiderio di scrivere alcunchè e la cosa ci ha imbarazzato non poco. Il nostro casale è un antica Torre Piccionaia del 1600, ristrutturata e adeguata ai tempi moderni per offrire ospitalità agrituristica nel completo benessere e relaxSi trova nella collina a fianco di Assisi , comodissima per raggiungere tutti i luoghi di maggior interesse dell’UmbriaIl casale é composto da 4 appartamentini che possono ospitare da 2 a 5 persone, c’è inoltre una piccola dependance suite ricavata da un’antica porcilaia-.I nostri appartamenti sono completi di tutto , –lenzuola, asciugamani e ogni accessorio per la cucina.La colazione è disponibile all’interno di ogni appartamento a richiesta, è possibile inoltre utilizzare il grande barbeque oppure pranzare all’aperto o in piscina.la piscina esclusivamente ad uso degli ospiti , inserita nella proprietà del casale, vi permetterà di rilassarvi nel fresco uliveto con un panorama fantastico che tutta la struttura ha nell’intera vallata di Assisi. TripAdvisor collabora con Booking.com e Priceline per consentirti di effettuare facilmente le prenotazioni presso Casale Favilluta. Ogni mese aiutiamo milioni di viaggiatori a trovare l'hotel ideale per le vacanze e i viaggi di lavoro, garantendo sempre i migliori sconti e offerte speciali.
2017-07-21T03:36:06Z
https://www.tripadvisor.it/ShowUserReviews-g187905-d1020721-r117590766-Casale_Favilluta-Assisi_Province_of_Perugia_Umbria.html
Sono stati prelevati il fegato inviato all’ospedale di Udine per un trapianto immediato e i reni trasferitii all’ospedale di Padova per due pazienti che potranno uscire dalla dialisi. Le cornee sono state inviate alla banca degli Occhi di Fabriano. All’ospedale di Urbino è stato effettuato un prelievo di organi su una paziente che era deceduta per emorragia cerebrale. Si tratta della quarta donazione di organi dall’inizio dell’anno. La paziente, dell’età di 72 anni, risiedeva a Ca’ Gallo. I familiari della deceduta, tenendo conto della generosità e dell’altruismo della loro congiunta dimostrato in vita, hanno dato il consenso alla donazione degli organi. «Le procedure di trapianto – scrive il coordinatore locale per il prelievo di organi e tessuti dell’Area Vasta 1, il dottor Paolo Brancaleoni – sono iniziate in tarda serata nel blocco operatorio dell’ospedale di Urbino e si sono concluse alle 3. Sono state effettuate dall’equipe del Centro Trapianti di Ancona e dal personale sanitario dell’ospedale di Urbino».
2018-03-23T07:00:47Z
https://www.flaminiaedintorni.it/2017/08/22/urbino-72enne-colpita-emorragia-dona-gli-organi/
A cura di Baldari L. (Bollettino dell'Istituto Italiano di Micropsicoanalisi. 41). Nel corso della vita ogni uomo ha provato l'esperienza della solitudine, e quando l'ha confrontata con gli altri si è accorto che non ne esiste una sola. Ognuno di noi ha un modo proprio di rappresentarsela, di viverla e, perché no, d'immaginarsela. Esiste dunque una solitudine diversa per ognuno di noi? Forse sì e, se spiegarla non è sempre facile, un tentativo è doveroso. Possiamo utilizzare le parole del Piccolo Principe per tradurre le immagini in forma scritta. «"Da te, gli uomini", disse il Piccolo Principe, "coltivano cinquemila rose nello stesso giardino... e non trovano quello che cercano" [...] "E tuttavia quello che cercano potrebbe essere trovato in una sola rosa o in un po' d'acqua" [...] "Ma gli occhi sono ciechi. Bisogna cercare col cuore"» (Saint-Exupéry, 1943, pag. 108). Partendo dall'uomo, queste parole esprimono la condizione umana d'oggi; proteso nel ricercare all'esterno i significati delle cose, non si rende conto che s'allontana sempre più dalla fonte originaria interiore. Con queste parole, il Piccolo Principe lancia un messaggio di ricerca ed indica la strada che è percorsa dai vari autori in questo volume (Ambrogio Zaia).
2017-09-20T05:44:16Z
https://www.libroco.it/dl/aa.vv/Alpes-Italia/9788865313534/La-solitudine/cw212513145186229.html
Michael Jackson si rifà "vivo" con "Xscape", l'album di inediti composto da otto nuovi brani, che sarà disponibile anche in edizione deluxe, contenente tutte le incisioni originali del Re del Pop. L'album postumo di Michael Jackson uscirà il 13 maggio ma già dal 2 aprile sarà disponibile in pre-ordine su iTunes. Michael Jackson si rifà "vivo" con "Xscape", l'album di inediti composto da otto nuovi brani, che sarà disponibile anche in edizione deluxe, contenente tutte le incisioni originali del Re del Pop. L'album postumo di Michael Jackson uscirà il 13 maggio ma già dal 2 aprile sarà disponibile in pre-ordine su iTunes. "Xscape", che uscirà sotto l'etichetta discografica Epic Records. "Senza lo straordinario contributo di Michael, la musica e gli artisti contemporanei non sarebbero quelli che conosciamo" sottolinea L.A. Reid, Presidente e Amministratore Delegato di Epic Records, che ha avuto accesso a tutto il materiale cantato del Re del Pop dopo l'apertura degli archivi di Jackson da parte della Estate. "Michael ci ha lasciato delle performance musicali che oggi siamo orgogliosi di presentarvi nella rilettura di alcuni produttori che hanno lavorato direttamente con lui o che hanno espresso il forte desiderio di farlo. - prosegue L.A. Reid - E' un onore per noi offrire queste canzoni al mondo intero". I fan di Michael Jackson, quindi, nell'ascoltare "Xscape" vi troveranno un sound contemporaneo che, promette L.A. Reid, non ha però stravolto essenza originale delle canzoni. Tra i produttori Timbaland, Rodney Jerkins, Stargate, Jerome 'Jroc' Harmon e John McClain. John Branca e John McClain, esecutori testamentari della Estate of Michael Jackson, hanno invece sottolineato: "Michael era sempre un passo avanti a tutti, cercava sempre di lavorare con nuovi produttori e creare nuove sonorità. Era sempre attuale. Per molti aspetti, questi brani riescono a cogliere quello spirito, e siamo grati a L.A. Reid per aver seguito questa strada".
2017-02-27T02:40:31Z
http://www.mainfatti.it/Michael-Jackson/Michael-Jackson-si-rifa-vivo-con-Xscape-Preordini-da-2-aprile-Uscita-13-maggio_060435033.htm
Ha al suo attivo quasi 17 anni di «servizio» per lo Stato. Quello stesso Stato che per altri 14 anni - quelli che vanno dal 1975, quando fu affiliato a Cosa nostra, al 1989, quando decise di saltare il fosso e di collaborare con la giustizia - ha combattuto uccidendo, raffinando droga, facendo insomma il criminale. Ma il passato di killer e chimico delle cosche di Francesco Marino Mannoia conta poco. Conta, invece, la storia recente, quella di pentito. E conta tanto da meritare una buonuscita da capogiro, circa un milione di euro. Una «liquidazione» di lusso, che, se erogata, gli permetterebbe, ai 55 anni, di consolidare la sua posizione negli Stati Uniti, dove da tempo vive, e non in miseria. È bufera sulla notizia choc che il pentito Francesco Marino Mannoia potrebbe ricevere, da sua richiesta, un milione di euro di liquidazione per lasciare il programma di protezione italiano. Bufera, e anche giallo. Da un lato infatti si sono le smentite ufficiali, quelle del Dipartimento di pubblica sicurezza (che parla di «notizie totalmente destituite di fondamento») e dell'ex sottosegretario all'Interno Alfredo Mantovano. Dall'altro lato però ci sono le notizie che circolano insistentemente da qualche giorno negli uffici giudiziari palermitani, notizie che confermano che l'istruttoria - della quale si occupa la stessa Procura di Palermo - è stata avviata, anche se per ora sono in corso solo gli accertamenti preliminari, quelli relativi alle vicende giudiziarie eventualmente in sospeso, e alle sentenze dei processi in cui Marino Mannoia ha testimoniato ed è stato ritenuto attendibile. C'è una lettera, inviata ai sostituti che si sono occupati di Marino Mannoia, avente come oggetto la «fuoriuscita dal programma di protezione del collaboratore di giustizia Marino Mannoia Francesco e capitalizzazione». Altra cosa è poi il calcolo della somma che spetterebbe al collaboratore come buonuscita. Normalmente, infatti, è pari a due anni dell'importo dell'assegno di mantenimento che viene erogato al pentito sottoposto al programma, due anni che possono diventare cinque qualora il collaboratore che sta uscendo dal programma presenti un progetto concreto, per esempio per avviare un'attività imprenditoriale. Ma Marino Mannoia è un pentito «doc». E siccome non è dato sapere quale sia il suo attuale «stipendio», è impossibile fare un calcolo esatto, anche se le indiscrezioni circolate a Palermo volano appunto ad un milione di euro, due miliardi delle vecchie lire. Com'è ovvio, è un vespaio di polemiche. «È una cifra ingiusta e addirittura irriguardosa nei confronti delle vittime di mafia che non hanno ottenuto ancora oggi il giusto risarcimento dallo Stato - tuona l'avvocato Michele Costa, il figlio del procuratore Gaetano Costa trucidato nell'agosto del 1980 - mio padre è una di queste vittime dimenticate. Che i pentiti debbano essere aiutati è una triste e amara necessità, ma da questo a farli diventare i registi dell'azione giudiziaria ce ne corre. Il milione è eccessivo. È il concetto di buonuscita che è sbagliato. Che si trovi un lavoro, non gli si deve garantire il benessere per tutta la vita». Di parere opposto Maria Falcone, la sorella del magistrato ucciso a Capaci il 23 maggio del '92: «Non mi scandalizza. Trovo giusto il principio. Il mafioso che si pente evita stragi, evita altri delitti». Indubbiamente Francesco Marino Mannoia è un collaboratore di rango. E per la sua scelta di saltare il fosso ha anche pagato un prezzo altissimo. Quando, nell'ottobre del 1989, si seppe che lui aveva deciso di seguire la strada di un altro pentito storico di Cosa nostra, Tommaso Buscetta, la mafia fu implacabile. E la sera del 23 novembre gli ammazzò la madre, la zia e la sorella, a Bagheria. Ma Francesco Marino Mannoia non si fermò. E continuò a parlare. A parlare e ad accusare. Sono tanti i processi incardinati proprio sulle sue rivelazioni. In Italia il più noto è forse quello contro il senatore Andreotti, la storia dell'incontro del sette volte presidente del Consiglio con Stefano Bontade pochi mesi dopo l'uccisione, il 6 gennaio del 1980, del presidente della Regione Piersanti Mattarella. Negli Usa, dove è sottoposto ai Marshall, Marino Mannoia ha collaborato ai dibattimenti contro John Gambino e sul traffico internazionale di stupefacenti, la sua area di competenza visto che era il chimico delle cosche, l'esperto della raffinazione dell'eroina. Oltre che un killer provetto, con sulle spalle 25 omicidi.
2017-12-13T05:34:19Z
http://www.ilgiornale.it/news/superpentito-mannoia-vuole-dallo-stato-milione-liquidazione.html
Nell’ambito del progetto regionale PATTERN finanziato dalla Regione Emilia Romagna con il “Bando per progetti di ricerca industriale strategica rivolti agli ambiti prioritari della strategia di Specializzazione Intelligente” (DGR 774/2015), è stato svolto uno studio di fattibilità per lo sviluppo di proposte adatte al programma Horizon 2020. L’obiettivo era quello di definire progetti con le massime ricadute industriali, tecnologiche ed economiche, stimolando la generazione di opportunità di business e l’avvio di nuove iniziative di ricerca. Da un’analisi accurata delle call appartenenti ai Work Program H2020 NMP (Nanotechnologies, advanced Materials and Production) e ICT (Information and Communication Technologies), maggiormente inerenti alle tematiche del progetto PATTERN e di interesse sia per i partner che per gli stakeholder del progetto, si è passati ad una seconda fase, che ha visto la ricerca e l’attivazione di contatti con partner internazionali potenzialmente interessati. Il risultato è stata la presentazione di una proposta progettuale dal titolo “Strategies and Predictive Maintenance models wrapped around physical systems for Zero-unexpected-Breakdowns and increased operating life of Factories (Z-BRE4K)” sotto la call H2020-FOF-09-2017, che ha visto il coinvolgimento di LIAM, CRIT e di SACMI. Questo progetto si propone di studiare nuove strategie di manutenzione preventiva per far fronte alle sfide poste dalle moderne evoluzioni dei macchinari nei processi manifatturieri. Il progetto Z-BRE4K è stato finanziato ed è ufficialmente partito pochi giorni fa (ottobre 2017) e il consorzio riceverà un contributo di circa 6 milioni di euro in tre anni e mezzo. Svilupperà 8 tematiche di manutenzione adattabili a livello di componente, macchina e sistema: predizione, diagnosi, prevenzione, stima, gestone e monitoraggio, sostituzione, sincronizzazione e sicurezza. La squadra di lavoro comprende rappresentanti sia del mondo accademico che dell’industria manifatturiera. Si tratta di 17 partner di diversi paesi europei (Italia, Spagna, Grecia, Regno Unito, Germania, Portogallo, Svizzera, Olanda, Belgio).
2018-10-22T16:27:07Z
https://www.crit-research.it/it/progetti/pattern-produce-nuove-opportunita/
In casa ormai la tecnologia è ovunque tra smartphone, notebook, consolle e tablet, oggetti utili sia per lavoro che per diletto e con i quali i figli hanno ormai confidenza. Ma quali sono i videogiochi sono adatti ai nostri bambini di 5 anni, 6 e 7 anni? Il PEGI ci aiuta a scegliere! I videogiochi per bambini di 5 anni sono tantissimi. Ecco la classifica dei migliori giochi in base alla piattaforma e in base all’età del bambino.
2017-03-26T10:37:18Z
http://www.notizie.it/videogiochi-bambini-5-anni-6-anni-7-anni/
Come era prevedibile, slitta l’esordio in pista del Porsche Club GT, il nuovo monomarca nazionale di “time attack” che vede protagoniste le 911 racing e stradali, promosso dal Porsche Club Umbria e ufficialmente riconosciuto da ACI Sport. Al primo round della stagione 2020 in programma sulla pista di Misano il 22 marzo sarà assegnata una nuova data di svolgimento. Il rinvio a data da destinarsi è dovuto alle ultime disposizioni nazionali in materia di Coronavirus. La nuova collocazione in calendario sarà valutata anche a seguito delle future decisioni sulle misure di contenimento di diffusione del coronavirus. Il nuovo calendario del Porsche Club GT, che al momento conferma il round di Imola dell’11 aprile come primo evento stagionale, sarà ufficializzato in seguito.
2020-06-02T10:55:20Z
https://www.pressracing.com/it/slitta-il-debutto-del-porsche-gt/
“I dati sono impietosi: quattro musei su 10 non hanno un account Twitter e 3 su 10 nemmeno uno su Facebook. Per non parlare di Instagram: solo il 15% ha avuto la lungimiranza di fare un’operazione semplice come aprire un account sul social più dinamico degli ultimi tempi e caricare le foto delle opere per attirare nuovi visitatori o anche solo per darsi un’immagine meno polverosa”. Si parla di musei italiani, questo era facilmente intuibile: e a parlarne è La Stampa, nell’annunciare un’inversione di tendenza che potenzialmente potrebbe mettere le istituzioni sulla giusta strada. “Un indice che permetterà ai 20 grandi musei nazionali di capire come si parla di loro sui social e di confrontare i risultati. È una rivoluzione per strutture che non hanno mai avuto molta disinvoltura con Internet e dintorni. Ed è una rivoluzione voluta dal Ministero dei Beni Culturali e in cui il ministro Dario Franceschini crede molto”. Lo status quo intanto deriva da un’analisi “realizzata dalla startup toscana Travel Appeal. Per un anno hanno adattato, su richiesta del Mibact, ai musei l’indice che in origine era stato creato per alberghi, ristoranti e mete turistiche. Ne è nato un algoritmo in grado di misurare i commenti in rete”. Primi risultati? “Ai primi posti per la soddisfazione generale si collocano la Galleria nazionale dell’Umbria che riceve il consenso del 93,95% dei visitatori, la Galleria Estense con il 91,29% e il Museo del Bargello con l’88,14%. Nella classifica sull’accoglienza, invece, è la Galleria Estense a classificarsi al primo posto accontentando il 98,74% dei visitatori, al secondo posto la Galleria Nazionale dell’Umbria con il 94,97% e al terzo il Palazzo Ducale di Mantova con il 91,03%”. “La mostra espone dieci fotografie tratte dal volume ‘II Quirinale’, edito dall’Istituto dell’Enciclopedia Italiana Treccani, che ieri è stato presentato dal presidente dell’Istituto, Franco Gallo, e dal direttore dei Musei Vaticani, Antonio Paolucci”. L’Unità riferisce che “il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, ha inaugurato ieri al Palazzo del Quirinale la mostra fotografica di Massimo Listri ‘Il Palazzo del Quirinale: suggestioni d’autore’, che sarà aperta al pubblico nella Sala di Augusto da martedì 1 a venerdì 15 marzo”. 8mila visitatori in 12 mesi: per un piccolo museo, neanche male come risultato. Questo è riferito al Gelato Museum Carpigiani di Anzola dell’Emilia (Bologna): e Italia Oggi ne racconta un po’ la storia, con l’esposizione di “decine di macchine originali, postazioni multimediali, 10 mila fotografie e documenti, oltre a preziosi strumenti ed accessori d’epoca”.
2019-08-20T16:52:28Z
https://www.artribune.com/tribnews/2016/03/lo-strillone-i-musei-italiani-alla-prova-dei-social-network-su-la-stampa-e-poi-ii-palazzo-del-quirinale-in-mostra-gelato-museum-carpigiani/
Change a Dog for a Train streaming ita, Change a Dog for a Train film streaming ita alta definizione HD, Change a Dog for a Train Filmsenzalimiti, Guarda Change a Dog for a Train streaming ita cb01 Skip to content.Tutto può cambiare (2014) Film Completo Streaming Italiano. Postato il 21 ottobre 2014. Guarda Tutto può cambiare (2014) Film Completo Streaming Italiano HD. ,Ghost Stories guarda film Ghost Stories Scaricare in English,,Ghost Stories Completamente gridò Un completo in English,,Ghost Stories VEDERE pellicola completo Ghost Stories VEDERE in streaming. Loro 2 film completo in alta definizione hd alta qualita’ italiano,Loro 2 streaming italiano,Loro 2 guarda Loro 2 completo streaming,Loro 2 streaming cb01 ita,Loro 2 streaming Loro 2 altadefinizione,Loro 2 scaricare Loro 2 openload.Acquisto on-line da un'ampia selezione presso il negozio Film e TV.Adriano, Il Cane Di Pompei - Hadrian, the Dog of Pompeii PDF Scaricare A delightful story of a special dog and the magical place he calls home. Follow Hadrian the Dog of Pompeii amid famous ruins and friendly tourists, and experience the adventure that changed his life. Overlord streaming ita hd, guarda Overlord altadefinizione, Overlord sub ita streaming, Overlord film completo italiano streaming, Overlord streaming italiano gratuit, Scaricare Overlord film completo.L'ORA PIÙ BUIA Scaricare Film Torrent Italiano - Download Gratis Online ultimi film in HD, completo 2018. Streaming Film Subita » Film Ita Completo » Ragazzo Di Campagna Alta Dafinizione Ragazzo Di Campagna Alta Dafinizione Per risultati ottimali, scrivi il titolo del film nella casella di ricerca.Istruzioni: Scarica gratis online film completo Il film segna il ritorno in Italia del regista Gabriele Muccino dopo tanti anni trascorsi in America. Nuovi film online sottotitolati in italiano. Aggiungi Danny the Dog tra i tuoi film preferiti Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV. , Image & Illusion FILM COMPLETO STREAMING ITALIANO GUARDARE,Image & Illusion FILM COMPLETO SUB ITA GUARDARE, Image & Illusion FILM STREAMING SUB ITA TUTTO IL FILM. Benvenuti, qui trovate Dylan Dog: Il Film in Streaming, un film di genere Azione / Commedia / Fantastico! Dylan Dog ha abbandonato il mestiere di indagatore dell’incubo e si è trasferito da Londra a New Orleans con il suo assistente Marcus. Guardare film streaming senza limiti completo in italiano, film streaming megavideo, scaricare film gratis, film da guardare, film streaming italiano.,Scaricare Aliens Ate My Homework Film Completo Italiano Gratis,Scarica Aliens Ate My Homework Film Completo in streaming in Italiano,Film Completo Aliens Ate My Homework Italiano in Streaming HD gratis AltaDefinizione. GUARDA Solo: A Star Wars Story STREAMING ITA FILM COMPLETO, VEDERE Solo: A Star Wars Story STREAMING ITA GRATIS, Solo: A Star Wars Story STREAMING ITALIANO., Show Dogs FILM STREAMING SUB ITA TUTTO IL FILM,Show Dogs CINEBLOG01,Show Dogs GUARDARE FILM, Show Dogs SCARICARE IN ITALIANO TORRENt, Show Dogs COMPLETO GRATIS,Show Dogs COMPLETO IN ITALIANO CINEBLOG01,Show Dogs VEDERE FILM COMPLETO ITA,Show Dogs VEDERE FILM STREAMING ONLINE,Show Dogs FILM ONLINE IN ITALIANO,Show Dogs FILM COMPLETO GRATIS.Il segreto di Italia (2014) Film Completo in Italiano Ogni maledetto Natale (2014) Film Completo in Italiano Un amico molto speciale (2014) Film Completo in Italiano. Schede di film, attori e registi. Un database completo di tutti i film con foto, recensione, trailer, cast, critica e produzione. Una guida alla programmazione cinematografica e programmazione TV.Condividi questo film ai tuoi amici Guarda The Grinch Film Completo Guarda The Grinch film completo online o scarica il miglior video HD 1080p gratuito su desktop, laptop, blocco note, scheda, iPhone, iPad, Mac Pro e altro ancora.Scheda film Qua la zampa! (2017) | Leggi la recensione, trama, cast completo, critica e guarda trailer, foto, immagini, poster e locandina del film diretto da Lasse Hallström con Dennis Quaid, K.J. Apa, Bryce Gheisar, Juliet Rylance.Ghost Stories trama film completo vede protagonista un docente di psicologia il Professor Philip Goodman scettico nei confronti del sovrannaturale Gli viengono affidati 3 casi di paranormale.Migliori siti in streaming Film e serie TV. Artisti in questo film Elenco completo. Mater Rock. George Carlin Parodia musicale. Altri spettatori hanno acquistato Elenco completo. Il bianco Natale di Topolino - E' festa in casa Disney Per tutta la famiglia. Il re leone Per tutta la famiglia. Dinosauri Per tutta la famiglia. Rapunzel - L'intreccio della torre Per tutta la famiglia. Herbie Il Super Maggiolino Per tutta la famiglia. L'Era. Black Dog – Streaming Ita Gratuito. Termini popolari: Black Dog streaming ita, Black Dog Film Streaming Ita Completo, guarda film gratis Black Dog, guardare film Black Dog gratis, Scaricare Black Dog film alta definizione, Black Dog streaming sub ita, streaming film gratuito Black Dog completo, Black Dog streaming online HD-720p Video. Dogtooth in Streaming Ita: ecco il modo per guardare in italiano il film Dogtooth in streaming hd. Ecco come scaricare in hd gratis il film Dogtooth: ecco i link per vedere in alta definizione il film Dogtooth in hd ita.….TOY STORY 4 Download Italian Torrent Scaricare Gratis Online ultimi film in HD, completo 2018. Dopo la partenza di Andy per il college, Woody, Buzz e compagni hanno trovato una nuova casa. Il sale della terra (2014) Film Completo in Italiano Words and Pictures (2014) Film Completo in Italiano Ogni maledetto Natale (2014) Film Completo in Italiano.Scary Movie 5, ecco l'elenco completo delle sale. Cerca il cinema più vicino a te in cui è programmato il film Scary Movie 5. 0 Share Scary Movie 5 - due nuove clip in italiano. In attesa di.
2019-07-19T03:49:03Z
http://tabledetravaildebout.tk/hote/scaricare-a-dog-story-il-film-completo-jigi.php
Assicurati un ottimo prezzo per ★Central Studio★ WiFi, Netflix, A/C, Self Check-in, valutato di recente dagli ospiti con un punteggio di 9,1. Uno dei nostri bestseller a Salonicco! Situato in una zona centrale di Salonicco, l'hotel sorge a breve distanza dalla Rotonda e dall'Arco di Galerio.- WiFi e Netflix, aria condizionata e check-in self-service. Dispone di WiFi gratuito, aria condizionata, tostapane e macchina da caffè. La struttura dista 1,2 km dalla Chiesa di Agios Dimitrios. L'appartamento presenta 1 camera da letto, una TV a schermo piatto e 1 bagno con vasca e set di cortesia. A vostra disposizione una cucina. La struttura dista 1,4 km dal centro espositivo di Salonicco e 1,9 km dalla Torre Bianca. L'Aeroporto di Salonicco dista 16 km. Quando vuoi soggiornare presso ★Central Studio★ WiFi, Netflix, A/C, Self Check-in? > Central Studio in the HEART OF the historical CITY CENTER > Self Check-in > Free Netflix > Central and Bright Studio. >Coffee / dining table. > Internet - WiFi. > Cooling / Heating air conditioning system. > 1 double bed with anatomic-orthopedic mattress (26cm) > 1 flat smart TV (43 ") with FREE Netflix > Kitchen equipped with the necessary appliances > Fully equipped bathroom with shower > Iron and hair dryer > Direct access to a bus stop and a taxi. > Supermarkets, pharmacies, coffee shops, bakeries, gas station, all close to the studio. I love traveling around the world and meeting new people! Leggi prima di prenotare ★Central Studio★ WiFi, Netflix, A/C, Self Check-in accetta le richieste speciali. Aggiungile nel prossimo passaggio! Siete pregati di comunicare in anticipo a ★Central Studio★ WiFi, Netflix, A/C, Self Check-in l'orario in cui prevedete di arrivare. Potrete inserire questa informazione nella sezione Richieste Speciali al momento della prenotazione, o contattare la struttura utilizzando i recapiti riportati nella conferma della prenotazione.
2019-04-20T16:34:25Z
https://www.booking.com/hotel/gr/central-studio-wifi-netflix-a-47-c-self-check-in.it.html
Colpo di scena nella sesta puntata di Amici 2019 Serale. Quale? La serata inizia con un eliminato a sorpresa tra Mameli e Valentina. La diretta di sabato 4 maggio, infatti, si apre con una sfida eccezionale al televoto tra il concorrente della squadra Bianca e la ballerina dei Blu (eliminata nella scorsa puntata). Com’è andata a finire? I votanti da casa hanno premiato Mameli (col 52% delle preferenze) e Valentina è stata definitivamente eliminata da Amici. Inoltre, chiamati ad esprimersi in diretta, anche i professori hanno confermato il verdetto. Pertanto, Mameli resta in gara e l’eliminazione di Valentina è, ancora una volta, definitiva. Ecco il video Witty tv / Mediaset col momento tratto dalla puntata di stasera.
2020-01-18T23:02:13Z
https://www.superguidatv.it/amici-2019-serale-eliminato-a-sorpresa-tra-mameli-e-valentina-il-verdetto-video/
Revolut è un'innovativa carta prepagata con cui puoi inviare e ricevere denaro in tutto il mondo senza limitazioni. È un progetto che sta riscuotendo un successo straordinario, soprattutto per la grande facilità con cui puoi svolgere qualsiasi operazione. Ed anche per via della comodità che riguarda il fatto di non dover pagare commissioni aggiuntive di solito previste con molte altre carte di credito. I vantaggi della Revolut carta non sono soltanto questi. Se infatti utilizzi questo metodo di pagamento con grande frequenza, questa soluzione potrebbe fare al caso tuo. Se utilizzi la carta di credito con molta frequenza, potrebbe essere lo strumento che stai cercando. La carta di credito per gestire i tuoi risparmi in modo intelligente. Se vuoi sapere Revolut come funziona, è davvero facilissimo. C'è una cosa che devi sapere fin da subito. Centinaia di utenti l'hanno adottata come propria carta di credito per l'incredibile facilità con cui ti permette di gestire tutto il denaro sul tuo conto. Per accedere a questa, ed altre fantastiche funzioni, devi soltanto seguire la procedura di attivazione della Revolut Italia. Ad esempio puoi selezionare la visualizzazione del conto a livello mensile. Oppure puoi impostare un limite di spesa specifico, il quale - se superato - impedisce ulteriori transazioni. La Revolut card Italia è molto apprezzata anche per altri motivi. Questa, infatti, ti permette anche di preimpostare degli obiettivi economici. Raggiungendo questi traguardi potrai mettere da parte dei risparmi che con il passare del tempo si trasformeranno in delle cifre molto interessanti. Tra gli aspetti più apprezzati nelle Revolut recensioni c'è il fatto che puoi ricevere notifiche istantanee per qualsiasi genere di pagamento effettuato tramite la carta. Ed il servizio è talmente veloce che ti arriverà la notifica sullo smartphone ancor prima dell'emissione dello scontrino. In questo modo puoi tenere traccia di tutte le tue spese in modo semplice ed efficace. La carta di credito Revolut è anche un'ottima compagna di viaggio. Il conto a cui è legata infatti supporta oltre 15 valute differenti. Puoi usarle in tutto il mondo per effettuare comodamente i pagamenti. Ma attenzione: se paghi in valuta diversa dall'euro dovrai aggiungere anche una piccola commissione (pari allo 0,5% dell'intera transazione) nel caso in cui le transazioni effettuate superino i 6000€ nell'arco di un mese. E con questa carta puoi anche prelevare denaro in tutto il mondo, arrivando a ritirare in un colpo solo fino ad un massimo di 200€. Se invece vuoi ritirare una cifra maggiore con la Revolut carta di credito, ti toccherà versare una commissione pari al 2%. Infine, pagando 1 dollaro al giorno puoi accedere ad una polizza assicurativa che ti manterrà al sicuro da brutte sorprese nel corso dei tuoi viaggi. Con l'aiuto di questa carta puoi ricevere ed inviare denaro in tutto il mondo in un batter d'occhio. Devi soltanto premere un pulsante ed avviare la transazione. Al resto ci penserà la carta prepagata Revolut. Se vuoi personalizzare ogni trasferimento di denaro, puoi anche aggiungere delle note a questi o addirittura delle immagini. Puoi anche automatizzare alcune transazioni attivando l'apposita opzione chiamata pagamenti ricorrenti che trovi sull'app per lo smartphone. Un sacco di utenti hanno voluto dire la loro a proposito della carta Revolut opinioni. Ed hanno apprezzato moltissimo la sicurezza offerta da questo servizio. Infatti, nel malaugurato caso in cui tu smarrisca la carta di credito, niente panico. Attraverso l'app per lo smartphone puoi bloccarla nel giro di qualche secondo. Se poi riuscissi a ritrovare la carta perduta potrai sbloccarla nuovamente ed utilizzarla come facevi prima. C'è un altro aspetto riguardo la sicurezza della Revolut carta prepagata di cui voglio parlarti. Riguarda la possibilità di gestire il proprio conto corrente in ogni suo aspetto. Puoi modificare le preferenze riguardo i prelievi dal bancomat e per i pagamenti online. E puoi anche attivare un'ulteriore sistema di sicurezza basato sulla geolocalizzazione. Funziona in modo semplice. Una volta fornita la tua posizione GPS, puoi trovare in ogni momento il punto esatto in cui si trova la carta di credito. E se quest'ultima si trova lontano da te, Revolut la blocca immediatamente, rendendo impossibile utilizzarla. A differenza di moltissime altre carte di credito in circolazione, con Revolut puoi gestire facilmente anche le criptovalute. Bitcoin, Ethereum, Litecoin, Bitcoin Cash ed XRP possono essere convertiti velocemente come preferisci. E puoi fare tutto questo direttamente dal tuo smartphone o dal PC. Inoltre, con Revolut puoi anche tenere sotto controllo i grafici delle criptovalute, l'andamento dei tassi ed altre informazioni necessarie per ottenere il meglio da questi investimenti. E quando una moneta virtuale che tieni d'occhio raggiunge un valore specifico, puoi scegliere di ricevere un avviso automatico direttamente sul tuo smartphone.
2020-06-05T03:28:40Z
https://www.cartedicreditosulweb.com/carta-revolut
«Andiamo centimetro per centimetro a dire cosa abbiamo fatto». Ha esordito così Matteo Renzi al Teatro Moderno di Latina dove sta parlando in questo momento. Il leader del Pd ha richiamato nel teatro dell'oratorio San Marco centinaia di persone. I posti in sala sono andati velocemente esauriti e in molti sono rimasti fuori. Sugli immigrati ha detto: «Dobbiamo bloccare le partenze investendo sulla cooperazione internazionale e per la democrazia in Africa, abbiamo iniziato a farlo. Ora dirò una cosa importante senza paura di perdere qualcosa nei sondaggi. Noi , abbiamo salvato vite, ricordo quello che è successo nel 2015, ebbene posso perdere 3 punti ma non la dignità di uomo di fronte ai miei figli. Non si può rompere vincolo di umanità che ha fatto grande l’Italia». hai "salvato" 600.000 "migranti" ma un quinto degli italiani sono in povertà! speriamo renzi abbia ricordato di essere stato autore della diminuzione dei posti di lavoro a tempo indeterminato ( quando diceva che erano ormai non più necessari) e di quando giustificava i bassi salari degli ingegneri italiani.
2018-02-18T17:48:07Z
http://www.ilmessaggero.it/latina/latina_teatro_esaurito_per_renzi_immigrazione_abbiamo_salvato_vite_perdo_tre_punti_non_la_dignita_di_uomo-3546450.html
Si è conclusa oggi a Cagliari la tre giorni di “Learning by leaving 2019”, la conferenza internazionale, finanziata dalla Commissione europea, volta a migliorare la cooperazione tra le reti europee per la mobilità. Nell'aprire i lavori, il direttore generale ANPAL Salvatore Pirrone ha sottolineato la necessità di lavorare principalmente su tre punti: migliorare le strategie per intercettare i gruppi target, sviluppare le competenze degli operatori dell'orientamento e semplificare il riconoscimento delle competenze acquisite all'estero. Durante la tre giorni di “Learning by leaving 2019” sono stati redatti e condivisi 20 report su temi pertinenti individuati dagli stessi partecipanti, dalla mobilità all'uso di soluzioni digitali. Ne sono emersi spunti e riflessioni originali per migliorare i servizi di mobility guidance e rafforzare sinergie tra reti e programmi per la mobilità. Nel corso dell'ultima giornata il team italiano ha effettuato il passaggio di consegne al team austriaco, impegnato ad organizzare la prossima edizione della Conferenza, che si terrà a Vienna il 4 e 5 giugno 2020. Contemporaneamente la Spagna ha annunciato la conferenza Learning by leaving nel 2021. A rendere più efficaci i risultati della Conferenza è stato il lavoro del graphic designer Filippo Buzzini, che ha illustrato temi e momenti cruciali della tre giornate.
2019-10-22T18:49:14Z
https://anpal.gov.it/web/guest/notizie/-/asset_publisher/N8WP7kJxDIv5/content/id/534212
CittàVigonovoCAP30030ProvinciaVeneziaRegioneVenetoPaeseItalia Modifica/Cancella i dati di questa azienda L'azienda Bros S.n.c. Dei F.lli Tono Davide E Thomas si trova in VIA PADOVA, 232/L, 30030, Vigonovo, Venezia. È possibile accedere alla scheda azienda di Bros S.n.c. Dei F.lli Tono Davide E Thomas da qui. La forma giuridica della società Bros S.n.c. Dei F.lli Tono Davide E Thomas è "SOCIETA' IN NOME COLLETTIVO - Società di persone". Datti commerciali di Bros S.n.c. Dei F.lli Tono Davide E ThomasGamma di Capitale SocialeDisponibileReport su Bros S.n.c. Dei F.lli Tono Davide E ThomasComparte esta páginaFacebookLinkedInTwitterGoogle+WhatsAppREGISTRATI GRATUITAMENTE!2 REPORT IN OMAGGIO PER AVERE ULTERIORI INFORMAZIONI SULLE AZIENDE DI TUO INTERESSE.Scarica l’esempio della scheda aziendaCondizione di fornitura del ServizioClausoleInformativa e consenso privacyCerchi un'azienda?Report su tutte le aziende italianeCerca CRIBIS D&B S.r.l.
2016-10-27T18:55:50Z
http://www.informazione-aziende.it/Azienda_BROS-SNC-DEI-FLLI-TONO-DAVIDE-E-THOMAS
Vendita Caldaie Beretta Busto Garolfo – Contattaci per ricevere installazione, assistenza, manutenzione, e il pronto intervento dei nostri tecnici per la tua Caldaia Beretta a Milano. Non sarà difficile trovare un centro di assistenza che ti aiuti con la Vendita Caldaie Beretta Busto Garolfo. In questa guida sulla Vendita Caldaie Beretta Busto Garolfo vedremo i punti salienti per aiutarti a decidere. Esistono però moltissimi modelli di caldaie disponibili sul mercato. Dovrai verificare che il punto Vendita Caldaie Beretta Busto Garolfo possa procurarsi il modello che desideri, se già non è presente in negozio. Caldaie elettriche: anziché tramite combustione, le caldaie elettriche producono energia riscaldando l’acqua con la corrente. Se collegate ad un impianto ecologico, come il fotovoltaico, possono essere considerate a zero emissioni, estremamente rispettose dell’ambiente. Hanno anche il vantaggio di non aver bisogno di grande manutenzione specifica, essendo semplicemente collegate alla rete elettrica. Tieni conto dei costi di utilizzo, delle bollette e delle eventuali modifiche all’impianto elettrico e al contratto di fornitura dell’energia se vuoi installare questo modello durante la Vendita Caldaie Beretta Busto Garolfo. Durante la Vendita Caldaie Beretta Busto Garolfo incontrerai numerosi tecnici disponibili ad aiutarti nella scelta, la più vantaggiosa per la tua casa. La normativa sarebbe impossibile da riassumere in poche righe. Riceverai comunque tutte le informazioni durante la Vendita Caldaie Beretta Busto Garolfo, inclusa l’assistenza per avviare la pratica di rimborso. Sicurezza: spesso le norme di sicurezza, sia dell’impianto che del lavoro, vengono aggirate. Non sono però capricci dei burocrati: servono a conservare cose e persone nello stato in cui si trovano, evitando inutili rischi. Procedi con la Vendita Caldaie Beretta Busto Garolfo solo se ti viene garantito il rispetto di tali norme! Trasparenza: dopo la Vendita Caldaie Beretta Busto Garolfo e l’installazione del tuo prodotto, ti dovranno essere forniti tre oggetti importantissimi: l’etichetta che segnala la classe energetica della caldaia, il libretto personalizzato in schede del prodotto e il primo bollino blu. Questi oggetti certificheranno il buon lavoro svolto sull’apparecchio: conservali sempre con assoluta cura, perché ti verranno richiesti non solo durante la manutenzione, ordinaria o straordinaria che sia, ma anche e soprattutto se dovesse essere disposto un controllo a campione sul tuo impianto. Non dimenticare di revisionare periodicamente la caldaia, secondo i tempi disposti dalla legge e suggeriti dal tuo rivenditore e manutentore: chi non è scrupoloso in questo senso, può incorrere in multe parecchio salate!
2019-07-21T03:34:57Z
https://www.assistenzacaldaieberettamilano.cloud/vendita-caldaie-beretta-busto-garolfo/
La Ditta Bertilotti Riccardo è lieta di riportare una notizia importante circa la qualità del servizio assistenza nel settore dell’elettrodomestico bianco. Grazie al partner Samsung e alla loro rete di assistenza, di cui facciamo parte per il prodotto Home Appliance (elettrodomestico bianco), siamo riusciti a qualificarci al primo posto come miglior servizio assistenza elettrodomestici, ed al 7° dietro a Feltrinelli, Ebay, Amzon etc.. in una classifica generale di ben 274 Aziende Italiane e non, che operano sul territorio nazionale. Questo dato è stato pubblicato sul Corriere della Sera del 27/05/2013, in base ad un indagine sulla soddisfazione del cliente, condotta da un istituto di ricerca tedesco ITQF, Samsung Assistenza Elettrodomestici si è qualificata al primo posto nella classifica del proprio settore economico. Sono passati 10 anni dall’ inizio della nostra collaborazione con LG Electronics, 10 anni di tecnologia sempre all’avanguardia ed innovazione nel settore degli elettrodomestici. LG da sempre investe in ricerca e sviluppo, ed i propri prodotti ne sono il frutto basti pensare al motore direct drive applicato sia a lavatri che a lavastoviglie, al sistema di lavaggio a vapore, alla tecnologia del compressore lineare inverter per frigoriferi no-frost. Grazie alle potenzialità in campo informatico, LG riesce a rendere i propri prodotti unici e di esempio per i loro competitors, creando una sorta di “Locomotore della tecnologia”. A testimoniare ciò basta sapere che le lavatrici LG sono le più vendute a livello mondiale. Affinche’ ci sia una sinergia tra un marchio prestigioso ed innovativo come LG, la Ditta Bertilotti Riccardo forma sulle nuove tecnologie, il proprio personale tecnico sia sul lato teorico che pratico garantendo massima professionalità nel settore. Ringraziamo LG per la continua fiducia nel nostro operato.
2020-02-28T16:08:37Z
https://www.dittabertilottiriccardo.it/author/drbservice/
Quali scuole di recupero anni scolastici a Petronà eccellono per la qualità? Quali Scuole Di Recupero Anni Scolastici A Petronà Sono Ideali Per Gli Adulti? Fatica a diplomarti? Seguici, approfondiremo le cose che ti servono per quanto è proprio del recupero degli anni entro la cinta di Petronà . Il certificato di scuola secondaria è dietro l'angolo ed un'organizzazione buona sarà la svolta per incastrare al meglio le lezioni e il tuo lavoro. Nei paraggi di Petronà ci saranno gli strumenti per condurre a compimento la tua scienza, grazie a percorsi elaborati da maestri. Dettaglieremo a breve programmi che non è possibile derogare per i proponimenti dei molti demoralizzati per difficoltà nello studio e, ancora, che non sono riusciti a superare tanti annualità. Indicazioni queste che , inoltre, si rivelano efficaci per discenti che si metterebbero all'opera per arrivare al traguardo. Pertanto, sarai molto più sicuro, scoprirai come procedere, i certificati obbligatori per iscriversi e gli esborsi delle strutture riconosciute con interesse verso il recupero anni scolastici se hai sede a Petronà . Tutti questi licei che propongono un percorso del genere facilitano in modo impressionante l'iter per non abbandonare gli anni rimasti non frequentati adottando strategie come un programma di due anni in uno. Tutto ciò avviene frequentando incontri di persona regolati da maestri di lunga carriera. La tipicità del riprovare a prendere il diploma a Petronà sta nel fatto di sveltire la fine della scuola, potenziando per questa ragione i semestri che ti aspettano. Espletando "un ""viaggio"" formativo come questo" ti sarà consentito di ritrovarti con un diploma e non essere più disoccupato. Quanto ha a che fare con la scelta riguardante il percorso scolastico a cui andare regolarmente non agisce su come si concluderà o sulle corrette procedure d'immatricolazione: il diploma di scuola superiore di 2° grado è dietro l'angolo! Per qualsiasi organizzazione che sostiene discipline per chi ha smesso di studiare, ottenere l'ufficialità del Ministero competente è una dato di enorme valore. Tale elemento cardine risulta vincolante per tutte le organizzazioni. Per aiutare i candidati a diplomarsi si inoltra una richiesta per un programma personale, per dirigere l'apprendimento di quelli che si presentano all'iscrizione. Qualora fosse impegnato con un posto fisso può perseguire il suo obiettivo con programmi per esigenze particolari. Incontrato l'ateneo che più ci aggrada, si devono conoscere gli obblighi per l'immatricolazione al corso. Semmai non avrai più dubbi di indirizzarti verso i centri di recupero anni corretti, giudica che avrai sul tuo cammino principi obbligatori che non guardano in faccia a nessuno. Solitamente, hanno relazione con studi formativi. Un'informazione aggiuntiva: ti aspettano requisiti specifici, e l'iniziativa giusta per eliminare tutte le incertezze è trovare uno degli istituti stessi. È evidente che l'età dell'alunno è quello che è in primis di cui occuparsi. Passata l'indipendenza dei 18 anni , ti sarà consentito di scommettere sulle competenze e rimetterti a lavorare dal ciclo di studi che ti auguri completare. Parlando dell'iscrizione, è fondamentale consegnare una certificazione di formazione passata. I residenti in Italia che hanno già compiuto diciannove anni saranno liberi di prestarsi a un elaborato individuale e decidere di studiare da solo o in gruppo. I non diplomati dai ventitré anni in poi non avranno alcun obbligo di inviare la dimostrazione di aver superato la terza media. Come potrai pensare, non potrai sottrarti a un quiz di orientamento, per calcolare il tuo livello scolastico, con il proponimento di decidere le materie sulle quali insistere. Dopo aver letto questo argomento, dove sono evidenti quei dati riconoscibili come l'informativa privacy per venire immatricolati, analizziamo a questo punto tutte le informazioni per le associazioni formative per garantirsi un certificato di maturità senza lasciare Petronà . Se vivi a Petronà si individuano facilmente sedi operative certificate per fare domande sulle realtà, con cui sarà facile avere un diploma con esito positivo. Il naturale proseguimento è capire i difetti sui migliori indirizzi per farti terminare il ciclo di formazione, sulle cifre in ballo e le sfumature più importanti. Tra le opzioni di cui servirsi va menzionato un bureau specializzato, commissionato dalla P.A. e disposto per sciogliere le incertezze di giovani inesperti sotto i 25. I più volenterosi, anche dopo i 25 anni, che hanno abbandonato anzitempo le superiori ma che non vedono l'ora di portare a termine il percorso, possono affermare le proprie competenze. Rimane un ultimo quesito: quanto costa condurre a fine gli studi liceali. I licei che includono programmi così in centro e nei sobborghi di Petronà hanno in portfolio prezzi approcciabili, e possono differire variando anche le opzioni. Le scelte a disposizione che ingrandiscono la parcella sono gli anni a cui devi porre rimedio e la quantità di materie da frequentare. La particolarità dell'ente di formazione e di chi tiene i corsi delibererà quanto sarà richiesto per i programmi di studio. Al procedere degli anni le cifre in ballo saranno più importanti. Una facilitazione del recupero anni se si alloggia a Petronà è la policy che consente di pagare in soluzioni alternative. Tra poco ti sveliamo il tariffario di tutti i più accreditati corsi se la dimora è a Petronà . La somma in denaro per qualcuno che si sta immatricolando va di norma da 255 , fino a 610 euro. Dopo, preparerai un pagamento da un tot minimo di duemilaquattrocentosettanta senza oltrepassare i quattromilaquattrocentosessantacinque Euri per il recupero degli anni scolastici. Per il percorso formativo del triennio si prevedono all'incirca 3455 sapendo però che nessuno supererà le seimilaquattrocentosettantacinque €. Alla fine, sosterrai una prova che impone una spesa che è di 315 fino a raggiungere i 520 E. D'ora in poi ti sarà più semplice stimare meglio il costo da mettere a bilancio. Ad ogni modo, l'ammontare da pagare si ridimensionerà per via delle classi da recuperare. Il range di prezzi per immatricolarsi nuovamente per seguire gli anni di scuola a Petronà cambierà conformemente al posizionamento sul mercato dei responsabili del corso. E' opportuno ricordare una qualità essenziale: è obbligatorio mostrarti fin da subito convinto. Finire la scuola può facilitarti in modo tangibile nel contesto della carriera.
2020-07-11T07:43:53Z
https://istruzione.udine.it/sul_recupero_anni/sul-recupero-anni-petrona.htm
Unisciti all'equipaggio e voga senza sosta verso il tuo obiettivo in un'esperienza di gruppo immersiva. Non appena prenderai il ritmo, ogni vogata sarà fondamentale. Skillrow Class può intraprendere due percorsi diversi, ma ugualmente sfidanti. In Race Class, i partecipanti si sfidano a vicenda individualmente o in gruppo, vogando in sincrono. Il format Performance Class, invece, combina programmi basati su criteri scientifici e il monitoraggio dei dati in tempo reale per migliorare le prestazioni. In Race Class, lo spirito di squadra conta quanto le prestazioni individuali. In Performance Class, i dati dei partecipanti e il livello di conformità sono visualizzati sullo schermo. In un'autentica esperienza di vogata, Skillrow riproduce fedelmente la resistenza viscosa dell'acqua per un allenamento sicuro ed efficace. Usufruisci di una libreria densa di profili di classe appositamente sviluppati da Technogym per il miglioramento delle abilità atletiche. Il trainer configura la classe, selezionando distanza o durata. I partecipanti si iscrivono alla classe dalla app mywellness. Il trainer dà il via alla classe e i partecipanti iniziano a vogare seguendo il ritmo visualizzato nel profilo di classe. I progressi vengono visualizzati in tempo reale e in 3D sul maxischermo. I partecipanti possono tenere d'occhio la posizione dei rivali o regolare il proprio carico di lavoro. Nessun altro vogatore è in grado di ricreare la sensazione unica della vogata in acqua come Skillrow. La resistenza applicata da Skillrow è studiata per seguire la curva naturale della vogata in acqua. Aggiungi la resistenza magnetica a quella dell'aria per passare dall'allenamento cardio a quello di potenza. Imposta la resistenza su "bassa", "media" o "alta" per eseguire il movimento di vogata con un carico aggiuntivo o per allenarti con esercizi orientati alla potenza. Regola il livello da 1 a 10 o seleziona il fattore di resistenza specifico per l'allenamento cardiovascolare visualizzato sulla console. Le funzionalità di Skillrow sono totalmente connesse. I partecipanti e i trainer possono vivere un'esperienza digitale motivante. La postazione consente di gestire le classi e visualizzare le prestazioni di ogni partecipante sullo schermo. La app consente di gestire facilmente i format Performance e Race Class.. Un maxischermo permette di monitorare e visualizzare i risultati dei partecipanti. Dal fitness al ciclismo, dalla corsa alle routine ad alta intensità – sei tu a scegliere. Il Club 4.0 è un nuovo concept che unisce la varietà tipica dei club al livello di coinvolgimento di un boutique studio. Include soluzioni adatte a tutti e mira ad attirare e fidelizzare gli appassionati dell'allenamento, offrendo loro un'infinita varietà di esperienze. Hai bisogno di ulteriori informazioni per coinvolgere i tuoi soci?
2020-05-26T20:44:41Z
https://www.technogym.com/it/skillrow-class/
Cucina La cucinetta con piano cottura elettrico, frigorifero, macchiná da caffé e scaldacqua elettrico. camera da letto 2 camera da letto entrambe con 2 letti singoli e 1 letto aggiunto. ulteriori sala da pranzo con la zona pranzo, tv e radio. Il vostro alloggio per le vacanze: Appartamento é circonadto da un terreno con giardino (terreno di 1000 mq). Tracciare con un piccolo stagno. Ad uso stanno a disposizione: mobili da giardino, possibilità per grigliare e barbecue. Il vostro appartamento: 3 camere (da 2 camera da letto), 70 mq, 5 persone. riscaldamento elettrico. Ingresso indipendente. sala da pranzo con la zona pranzo, tv e radio. 2 camere da letto entrambe con 2 letti singoli e 1 letto aggiunto. La cucinetta con piano cottura elettrico, frigorifero, macchiná da caffé e scaldacqua elettrico. bagno con doccia, 1 lavandino e WC. Ricezione televisiva avviene via satellite. Posizione: Repubblica Ceca, Poniklá, 600 s.l.m. Un appartamento si trova nel posto tranquillo posizione. L'appartamento si trova alle spalle del paese, con vista sui dintorni. Nell´inverno sono le catene di neve obbligatorie. Parcheggio sul terreno e un parcheggio in loco (distanza 100 m). Parcheggio sul terreno, in inverno a 100 metri di distanza in estate. Acquisto 250 m. Ristorante 250 m. stazione ferroviaria a 1000 m. piscina coperta a Jilemnice 10 km. Vrchlabi con pista di pattinaggio 15 km, castelli nel Paradiso ceco. In estate: Bademöglichkeit 800 m. campi da tennis 100 m e centro equitazione 4 km. Squash 1000 m, escursioni a piedi e in bicicletta opportunità. In inverno: Zona sciistica 15 km (Skigebiet Rokytnice nad Jizerou). noleggio dei sci e scuola sci rispettivamente 15 km. Area sciistica 800 m. Harrachov sciistica 25 km, piste di fondo nella zona.
2018-10-23T14:55:47Z
https://www.holiday-home.it/appartamento-per-vacanze/repubblica-ceca-rokytnice-nad-jizerou-region-ponikla-3-stanza-5-persone/CSRRIG319/
La termocoperta fluid (anti-freeze) è utilizzata per riscaldare contenitori di oli e resine, sia nelle stagioni fredde che calde, per alzare la temperature dei fluidi. ThermalTechnology produce termocoperte per tutti gli usi. Cominciando con il mondo delle auto e moto da corsa per poi svilupparsi ad altre innumerevoli applicazioni ed usi. Grazie al suo studio di progettazione ha sviluppato questa tecnologia applicata di alta qualità anche per uso industriale. La termocoperta gas è impiegata nei cantieri per il riscaldamento delle bombole gas GPL utilizzate per alimentare i bruciatori. Queste sono usate da posatori di guaine impermeabilizzanti ed affini nella stagione fredda per usufruire di tutto il gas presente nelle bombole. E' un riscaldatore per riscaldare i serbatoi di gas di grosse dimensioni che ha lo scopo, nella stagione invernale, di portare la temperatura dei serbatoi a 3/5°C, allo scopo di consentire una corretta gassificazione del liquido combustibile in uscita. Nella stagione invernale infatti risulta difficile la gassificazione del gas allo stato liquido, questo porta ad un maggior consumo di gas. Il riscaldamento del serbatoio di gas consente quindi una corretta erogazione della miscela combustibile. La termocoperta può essere applicata anche per apparecchi che hanno la necessità di resistere a basse temperature come ad esempio le antenne paraboliche che nei paesi del Nord, soggetti a periodi di intenso freddo e abbondanti nevicate, vengono danneggiate da questo fenomeno. In questo caso è stato ideato un “cappotto” che impedisce alla neve e al ghiaccio di aggrapparsi a questi dispositivi garantendone il buon funzionamento senza causare alcun disturbo al segnale. Cavo scaldante per l'avvolgimento su tubazioni, su corpi di dimensioni e forma particolari.Il cavo può essere dotato di termostato di alimentazione da 40°C. Esso è dotato di connettori IP68 per il cablaggio.
2019-07-20T08:43:44Z
http://www.timponebagni.it/it/fibra-di-carbonio/vari/12-56.html
Abbiamo già visto in passato come Van Gogh e Gauguin fecero sentire la loro influenza su una vasta schiera di artisti che dopo di loro animarono quel movimento chiamato espressionismo. Entrambi infatti incoraggiavano ad abbandonare le sofisticherie di un’arte estremamente raffinata per forme e schemi cromatici schietti, elementari e immediati. Spinsero ad amare intensamente i colori semplici, le audaci armonie “barbariche” e a rifiutare le sottigliezze. Van Gogh e Gauguin ispirarono anche un gruppo di giovani pittori conosciuti come Les fauves (che significa “bestie feroci” o “selvaggi”) che nel 1905 allestì una mostra a Parigi destinata a cambiare le sorti della storia dell’arte. La mostra si chiamò “Salon d’Automne e li prese vita il fauvismo. Il fauvismo fu il primo movimento espressionista europeo e la prima avanguardia ma, a differenza dei successivi, non nutrì interesse per le questioni politico-sociali. Il nome al movimento venne dato dal critico Louis Vauxcelles che indicò una scultura in stile rinascimentale al centro di una stanza del Salon ed esclamò: “Donatello au milieu des fauves!” ovvero Donatello tra gli animali selvatici. In verità in loro vi fu ben poco di selvaggio. Come abbiamo visto quindi il fauvismo nacque, si sviluppò e si esaurì in Francia, in particolare a Parigi, ma ebbe rapporti anche con altri paesi vicini, in particolar modo la Germania. I tedeschi giudicarono i fauves espressionisti quando conobbero i loro quadri, ma in realtà ci sono delle distinzioni doverose da fare. In primo luogo i fauves furono soprattutto pittori e gli espressionisti tedeschi incisori. In Francia inoltre il modo di stendere il colore era molto diverso, e così pure lo spirito stesso della pittura era di una leggerezza ancora naturalista. Quando e chi? Il fauvismo fu una meteora di breve durata. Il gruppo di artisti lavorò insieme tra il 1905 e il 1907 circa. Già sul finire del 1907 il movimento era ormai estinto, ma la sua influenza sull’evolversi dell’arte contemporanea fu importantissima e durevole. Henri Matisse (1869-1954) fu il più famoso del gruppo. L’artista partì dallo studio degli schemi cromatici dei tappeti orientali e delle suggestioni nordafricane, sviluppando uno stile che ha influenzato molto il disegno moderno. Insieme a Matisse esposero alla mostra del 1905 Derain, Friesz, Marquet, Rouault, Vlaminck e l’olandese di nascita Van Dongen. Più tardi si unirono Dufy e Braque. Tra le figure minori collegate al gruppo c’erano Jean Puty e Louis Valtat. Molti di questi artisti erano stati allievi di Gustave Moreau, il cui insegnamento aveva dato un contributo fondamentale alla nascita e allo sviluppo del movimento. La meteora artistica del fauvismo ebbe tutto il merito di dare un taglio netto all’idea che legava l’arte all’imitazione naturalistica della realtà. Per fare questo gli artisti del movimento fauve usarono i colori primari in maniera sfacciatamente antinaturalistica: non c’è quindi da stupirsi nel trovare alberi viola e figure umane rosse, scelti e accostati in modo libero e arbitrario. Questi pittori si facevano guidare dall’armonia della composizione, affidando l’idea della profondità alla visione di scorcio su un unico piano e al contrasto cromatico, invece che alla prospettiva. Il loro soggetto più tipico era il paesaggio, ma a parte ciò non ebbero un programma comune. Come una nuvola di fumo che velocemente si disperde, questi artisti dal 1907 si allontanarono gli uni dagli altri. Per molti di loro il fauvismo era stata solo una fase momentanea attraverso la quale sviluppare stili diversi. Ma nonostante questi pochi anni il fauvismo fu molto influente e lascio una traccia indelebile nell’arte. Una traccia fatta di colore, di libertà. La libertà di dipingere le cose come le si sente e non come le si vede. Questo post è il primo della serie dedicata all’espressionismo. Ti basta seguire l’etichetta #espressionismo per leggere gli altri post sull’argomento. Assolutamente! pittori da conoscere e condividere!!! ciao e a presto!
2019-01-16T06:18:53Z
https://www.artesplorando.it/2016/02/les-fauves-le-belve-dei-colori.html
Fregene come bancomat? … sul fronte dell’edilizia abitativa, scarse sul fronte dell’edilizia sociale e di viabilità sostenibile. Potremmo parlare oggi dell’ennesimo complesso residenziale “muro del pianto ambientale” che sta sorgendo su Viale della Pineta, nato quando “il villaggio fantasma di immobildream” al cantiere, nella stessa area cioè, è ancora quasi interamente disabitato e nessuna attività commerciale è stata avviata, o potremmo prefigurarci già oggi ulteriori devastazioni che potrebbero portare alla distruzione di altre preziose zone di macchia mediterranea sul lungomare di Fregene e al massacro dei terreni agricoli di Maccarese per l’ampliamento dell’aeroporto DaVinci. Potremmo parlarne sì, come al “solito” in questi anni, di queste cose ma come opporsi realmente a tutto ciò? Bisognerebbe investire tempo e risorse. Il cittadino singolo si trova sempre più nella spiacevole situazione di paradosso, quasi Kafkiano, di dover pagare le tasse e non veder quasi niente di buono sul territorio in cui vive o viene in vacanza, cioè intendo di eco-sostenibile, e dovrebbe oltretutto occupare il poco tempo libero dalle proprie attività o quand’è in vacanza, mettendosi ad interloquire e contrastare continuamente le politiche ambientali locali “miopi” e sollecitare ininterrottamente le istituzioni quasi “sorde” in questi anni a seguire protocolli di protezione ambientale idonei e di sviluppo di infrastrutture stradali sostenibili per biciclette e pedoni. Adesso vanno per la maggiore le rotonde c’è l’inflazione ma il senso di quella fatta su via della trigolana in aperta campagna credo sia sfuggito ai più. È vero che là in campagna c’è una casa ma qui a Fregene ci sono migliaia di cittadini che attendono da anni opere collettive di viabilità sostenibile. In questi anni dobbiamo ammettere che, se da un lato i residenti e le persone, hanno cominciato a prendere consapevolezza del progressivo ed eccessivo stravolgimento ed annullamento delle risorse ambientali e paesaggistiche di Fregene e Maccarese a livello macro, le amministrazioni d’altro canto hanno seguito input e indirizzi generali di gestione del territorio “scriteriate” in alcuni casi che hanno favorito scempi edilizi su aree ad alto valore paesaggistico e di bio-diversità. Abbiamo assistito al “solito” paradosso. Fregene usata come un bancomat. Fregene versa al comune di Fiumicino fior di tasse e ici, su seconde case (a breve l’IMU su prime case) e non vede miglioramenti ma anzi peggioramenti continui a livello di aggressione al territorio e peggioramento di infrastrutture. I marciapiedi nuovi, che hanno pochi anni, già cadono a pezzi in alcuni casi ,in altri casi su via Agropoli, solo per fare un esempio, la carreggiata si è ristretta a tal punto, davanti ai nuovi complessi residenziali, che non si riesce a passare con la macchina senza rischiare di uscire dalla carreggiata, non diciamo poi se si trova a passare lì una bicicletta… Cosa ci ha guadagnato il cittadino in benessere e qualità della vita in questi 10 anni sul fronte strade, ciclabili, marciapiedi e viabilità in genere a Fregene? E non tiriamo in ballo la “solita” tiritera dei Federici, i margini per intervenire in danno ci sarebbero stati o per eseguire migliorie, specie per le strade “colabrodo”, raffazzonate ogni tanto con qualche palata di asfalto invece di essere riasfaltate ex novo. Speriamo il prossimo anno di non vedere la “solita” sceneggiata cioè il passaggio di mezzi che asfaltano la solita strada che conduce ai seggi, il giorno delle elezioni, sarebbe un affronto all’intelligenza dei cittadini. Che dire poi del famoso progetto del “concorso Europeo” sul lungomare di Fregene? indetto e promosso direttamente dal sindaco Canapini il quale tra l’altro ha sostenuto poco tempo fa, a mezzo stampa, che il lungomare di Fregene è la sua priorità. Beh se lo era non si è visto e il mandato sta finendo. Tra l’altro i soldi per le piste ciclabili e i milioni già stanziati per il lungomare sono stati devoluti altrove, in regione pare, ” a che titolo non si sa” , per progetti di quale genere, non si sa. In ogni caso non sarebbero già dovuti tornare qui a Fregene questi soldi? Invece non si sa più nulla, “desaparecidos”… Se il sindaco ci facesse sapere come pensa di rispettare l’impegno sul lungomare e sulle piste ciclabili a Fregene sarebbe molto gradita la cosa.
2017-09-22T04:36:42Z
http://www.fregeneonline.com/fregene-come-bancomat/
Il più grande evento di meditazione del mondo di Osho sempre più energetico e invitante! Osho Tao Essence Institute sarà presente con Costellazioni Familiari, Relazionali e dei 5 Elementi – Maschile e Femminile interiori e Tantra Yoga. Il respiro coordinato con le posture yoga e l’osservazione di sé hanno un ruolo fondamentale per l’espansione della propria consapevolezza e vitalità. Più siamo svegli, rilassati e presenti e più potremo essere noi stessi. In questo breve ed intenso viaggio alle radici del maschile lasceremo riemergere la nostra energia e la nostra spontaneità, soffocate dai condizionamenti. L’Uomo Nuovo di Osho è un uomo che ha recuperato la sua forza originaria e la sua individualità. Assaporeremo il gusto dell’ascoltarci e dell’ascoltare per vivere più dal cuore che dalla testa. Alla fine dell’evento, incontreremo le Donne Nuove da uno spazio diverso, di meditazione. Un evento per le donne: donne nuove, donne che scelgono amore e meditazione, due facce della stessa medaglia, come via per la trasformazione. Le donne, guarite da antiche ferite, guarite dalla competizione e dalla gelosia divengono una forza trasformatrice e positiva che può trasformare l’intero pianeta. Donne nuove, che celebrano, danzano… comprendono…. Alla fine dell’evento incontreremo gli uomini “nuovi”. Attraverso le costellazioni sistemiche, porteremo alla luce e scopriremo alcune dinamiche inconsce che ci muovono nel ripetere comportamenti indesiderati, o ad avere ripetizioni meccaniche nella nostra vita. Siamo legati ai nostri sistemi da un amore “cieco” che ci tiene spesso nell’illusione e nella fatica. Un amore consapevole è possibile quando ritroviamo il nostro giusto posto sia nel nostro sistema che nella vita.
2020-01-26T12:41:32Z
https://www.taoessence.it/event/osho-festival-23-26-aprile-2020-con-taoessence-siddho-anurag-ojas/
A poco meno di un anno dal debutto delle soluzioni Llano, AMD introduce ufficialmente le APU Trinity che le sostituiranno. La nuova famiglia A è inizialmente destinata soprattutto ai notebook mainstream e high-end e con essa l'azienda di Sunnyvale promette nuovi livelli prestazionali, sia per quanto riguarda la componente CPU che GPU. Come ben sappiamo, AMD sta sviluppando da anni un progetto assai innovativo, che probabilmente non ha eguali in campo x86. Dall'ormai lontano 2007 infatti l'azienda di Sunnyvale ha dato il via allo sviluppo di un modello prima noto come Fusion poi, nel 2011, come FSA (Fusion System Architecture) e infine, dall'inizio di quest'anno, ribattezzato HSA (Heterogeneous System Architecture). Al di là dei nomi si tratta comunque del progetto che ha dato vita alle cosiddette APU (Accelerated Processing Unit), chip che unificano i core logici e quelli grafici in un unico design. Tutte le aziende più importanti sia in ambito x86 che RISC si stanno spostando verso una sempre maggior integrazione dei diversi elementi come CPU, GPU e NorthBridge in un unico die, ma la differenza tra un semplice System on a Chip e una APU è sostanziale, in quanto nel primo gli elementi architetturali restano comunque separati, mentre AMD col suo lavoro si sta spostando verso tutt'altri orizzonti. L'obiettivo qui infatti non è semplicemente quello di abbattere i consumi e i costi integrando quanto più possibile i diversi componenti grazie all'adozione di processi produttivi sempre più raffinati, ma è piuttosto quello di andare nella direzione delle cosiddette architetture eterogenee, soluzioni che, fondendo in un'architettura nuova e differente gli elementi più importanti di un processore grafico e di uno logico, sono in grado di svolgere contemporaneamente task anche molto diversi per natura, ottenendo così consumi contenuti e un ottimo bilanciamento prestazionale in diversi ambiti. Altrove abbiamo approfondito questi concetti, alle cui pagine vi rimandiamo, qui invece, senza dilungarci troppo, ci limiteremo a ricordare che i processori classici, sia le CPU multicore che le GPU, sono molto specializzati e possono quindi svolgere un solo tipo di attività. Un approccio che, negli scenari futuri, sarà sempre meno vantaggioso. Lo sviluppo e la diffusione sempre maggiore di soluzioni mobile richiederà infatti un'elevatissima efficienza energetica, al fine di assicurare un'autonomia più ampia possibile e un sistema composto da diversi processori omogenei non può, per forza di cose, assicurare questi risultati, anche integrando sempre più le diverse architetture specializzate in un unico die. I processori eterogenei invece sono concepiti in modo da poter gestire contemporaneamente task molto diversi tra loro, grazie alla fusione in un'unica architettura di una serie di componenti con abilità di calcolo altamente specializzate. I primi esempi di queste nuove soluzioni sono state le piattaforme Brazos, con le APU delle famiglie Zacate (serie E) e Ontario (Serie C) per quanto riguarda netbook e device entry level, e in seguito proprio Llano per i prodotti di fascia media e superiore. In particolare i processori AMD serie E hanno riscosso un buon successo, confermando la validità dello scenario che avevano contribuito a dischiudere ai consumatori. L'azienda ha quindi capito che bisognava continuare a investire e andare avanti su questa strada, superando i limiti di entrambe queste soluzioni. Le APU Llano in particolare avevano prestazioni limitate, soprattutto per quanto riguarda la componente di calcolo, a causa del fatto che i core Husky, per quanto ottimizzati, riprendevano pur sempre la vecchia architettura delle CPU Athlon II e Phenom II che negli anni non si erano certo rivelate vincenti in termini di performance pure. Per Trinity però la situazione è completamente differente, in quanto si è partiti dai nuovi e performanti core Bulldozer, che hanno esordito lo scorso anno per PC desktop e che giungono qui alla seconda generazione, e dalla terza generazione di GPU Radeon, conosciuta col nome in codice Northern Islands e basata sull'architettura VLIW-4. Di seguito quindi vi proponiamo un approfondimento in cui cercheremo di illustrarvi le principali innovazioni introdotte per queste APU e una breve analisi delle prime prestazioni rilevate, basandoci sul fondamentale contributo dei colleghi di Anandtech.
2014-03-11T11:10:26Z
http://notebookitalia.it/amd-trinity-approfondimento-tecnico-14733?size=medium
È sempre un piacere parlare del Trentino, quando si tratta di raccontare delle cose belle da vedere, da fare… Siamo tutti bravi a descrivere ciò che di bello ci circonda, noi blogger non siamo abituati alla cronaca… Oggi però voglio raccontarti cos’è successo e cosa sta succedendo nella nostra splendida terra, messa a dura prova dagli eventi atmosferici di questi ultimi giorni. Raffiche di vento, vere e proprie trombe d’aria che hanno scoperchiato i tetti delle case e spazzato via interi boschi, mutando per sempre il paesaggio che eravamo soliti vedere. Piogge insistenti, acquazzoni simili a quelli estivi, ma molto, molto più cattivi e distruttivi tanto da portare innocenti ruscelli a diventare torrenti, fiumi impetuosi che tuffandosi dalle montagne hanno travolto tutto ciò che ne ostacolava il passaggio arrivando fino al luogo più sicuro per ciascuno di noi: la nostra casa. Noi Trentini poi, lo sapete come siamo, ci teniamo. Amiamo il nostro paesaggio, amiamo smisuratamente la nostra casa, che non è solo un bene materiale come tanti penseranno, la nostra casa è per noi un rifugio, come quelli che troviamo in montagna, un vero e proprio rifugio, che ci ripara dal freddo, dalla neve, dalla pioggia, dal pericolo. Ebbene sì, non succede solo nei film, e nemmeno solo nel Sud Italia, ma anche qui, dove tutto è più controllato, anche qui in Val di Sole possiamo parlare di esondazione. È quello che è accaduto a Dimaro, il paese dove la Val di Sole si è spezzata e continua ad esserlo ormai da giorni. Il Rio Rotian, dopo aver accumulato la pioggia incessante di tre giorni, ha distrutto gli argini, raggiungendo a tutta velocità il paese di Dimaro nella notte del 29 ottobre devastando le case, il camping e tutto ciò che si trovava lì, davanti alla sua inarrestabile corsa. Circa 200 persone hanno lasciato la propria abitazione, e si può dire che sono stati nella sfortuna, i più fortunati. Michela purtroppo non ce l’ha fatta, nemmeno a scappare. Da madre mi sono immedesimata in questa situazione orribile. Quante volte torno in casa perché ho dimenticato qualcosa, qualcosa che magari serve ai miei figli… Michela scappava di casa, con la figlia più piccola quando probabilmente arrivata alla porta ha pensato che poteva servirle quel qualcosa. E così, messa in salvo la piccola, è rientrata in casa per non fare più ritorno. Il suo rifugio è diventato la sua trappola. Ora tocca a Stefano il marito di Michela, trovare la forza per andare avanti nonostante questa tragedia gli abbia strappato via l’amore, la casa e con essa tutto ciò che possedeva. Per questo la nostra comunità ha deciso di divulgare l’Iban affinché si possa dare un aiuto concreto a lui e alle sue figlie nella speranza che riescano a ricostruire il puzzle della propria vita, nella quale purtroppo, mancherà per sempre un pezzo. È quello che ho pensato quando ho visto queste immagini, che testimoniano la devastazione data questo insolito evento. Una folata di vento potentissimo in pochi secondi ha raso al suo centinaia di ettari di foreste nelle Valli di Fiemme e Fassa, a Pinè, sull’Altopiano di Folgaria, in Val d’Ega in Alto Adige. Sono rimasta sconvolta… Piante di 25/30 metri di altezza abbattute come degli stuzzicadenti da un colpo di vento che nel fondovalle viaggiava intorno ai 120 km/h e in quota fino a 200 km/h. La stessa cosa successe in Francia nel dicembre del 1999, devastata da venti di uragano che superarono i 200 km/h al suolo. Lo chiamano vento isallobarico. Agisce come una sorta di grande onda atmosferica che permette alle masse d’aria di spostarsi il più rapidamente possibile da un’area di alta pressione a un’altra di bassa pressione limitrofa. Di solito il vento isallobarico è associato alle potenti tempeste che si formano in mezzo all’oceano, sia sull’Atlantico che sul Pacifico, e che seguono il passaggio dei grandi cicloni extratropicali, note anche come “depressioni-uragano”. Il danno ambientane è davvero importante, si parla di 2 milioni e 800 metri cubi di legname abbattuto e un tempo di ripristino naturale di almeno un secolo. Un’altra cosa altrettanto sconvolgente, che aiuta a capire l’entità di questo straordinario evento atmosferico e la gravità delle sue conseguenze, è l’apertura della galleria Adige-Garda. La galleria Adige-Garda è un’opera ingegneristica la cui costruzione iniziò nel 1937 e terminò nel 1959. È una galleria scolmatrice, che serve per regolare il livello del fiume Adige, evitando che straripi. Vista l’estensione del lago, di circa 370 km quadrati, per innalzarne il livello di un solo cm, la galleria deve rovesciarvi 3.700.000 metri cubi di acqua. Lunga poco meno di 10 km, con i suoi 7 metri di diametro può trasportare fino a 500 metri cubi d’acqua al secondo, partendo all’altezza di Mori e sfociando nel Lago a Torbole, sfruttando un dislivello naturale di circa 100 metri. Nei suoi 59 anni di storia la galleria è stata aperta solo 12 volte, l’ultima prima d’ora nel 2002. Viene usata solo in caso di estrema necessità, in quest’occasione Verona è stata salvata dalla piena dell’Adige che aveva superato il livello dei 4,95 metri nei pressi del ponte di San Lorenzo a Trento e quota 5,29 a Vò destro verso Borghetto. Non ho dubbi sulla rapida ripresa del mio Trentino, sono certa che in poco tempo tutto tornerà come prima, o quasi. Siamo un popolo orgoglioso, abituato a lavorare, pronto a sporcarsi le mani per gli altri, figuriamoci per noi. Sono incantata da quanti volontari, vigili del fuoco e membri del soccorso alpino siano intervenuti subito e stiano continuando a lavorare incessantemente per risolvere la situazione e per cercare di ripristinare tempestivamente i collegamenti auto e le abitazioni degli evacuati. Non ho dubbi, non ho mai avuto dubbi, ma sicuramente sono ancora più orgogliosa di essere Trentina!
2020-04-05T13:49:20Z
https://tiamotrentino.it/un-autunno-in-ginocchio/
“Sono partite non facili siamo partiti un po’ contratti. Era una partita in cui dovevamo dare delle risposte ed il mister l’ha preparata bene. Nel primo tempo abbiamo faticato e nel secondo tempo dopo il rigore ci siamo sbloccati. Il mister fa giocare sempre chi sta meglio ma è bravo ad inserire giocatori durante la partita che possono cambiare la partita come è successo con Kourfalidis oggi. El Ouazni ci può dare una grossa mano si è messo subito a disposizione della squadra. Lui quando è entrato è stato un punto di riferimento per tutti. Non voglio parlare delle altre perché può succedere qualsiasi cosa. Dobbiamo pensare a noi e andare avanti vincendo tutte le partite. È un mese importante e fondamentale spesso si decide l’inerzia dei campionati. Nel girone di ritorno le partite sono tutte difficili tra chi deve salvarsi e chi vuole salire non è semplice. Gravina sarà una partita difficile come tutte e vanno affrontate come se fossero finali. Per me è stato un girone di andata difficile con la squalifica prima e poi con un infortunio. Sono felice di essere rientrato per dare una mano concreta alla squadra”.
2020-02-22T09:33:06Z
https://ilfoggia.com/anelli-sara-un-girone-ritorno-difficile-affronteremo-partita-finale/
PARIGI NEL 1848 - Siamo nel 1848, una rivolta dei parigini nei confronti del governo Guizot porta all'occupazione della capitale francese il 22 di febbraio provocando, solo due giorni dopo, la caduta del monarca Luigi Filippo, che rinuncerà a soffocare la rivolta nel sangue. Il governo provvisorio rivoluzionario proclamerà la Seconda Repubblica francese il 4 maggio dello stesso anno. Sarà ricordata come la terza rivoluzione francese, dopo i moti del 1830 raccontati da Victor Hugo nel suo famosissimo libro "Les Miserables" e i ben più noti eventi del secolo precedente, con la caduta della monarchia e la presa della Bastiglia. Nel giugno del 1848 Parigi è, di fatto, una città divisa in due: la parte orientale, quella dei quartieri popolari e operai fino al quartiere latino sono in mano ai rivoltosi, quella occidentale, da sempre più borghese e ricca è occupata dall'esercito regolare. GLI SCHIERAMENTI - Le classi all'interno della città, distinte e separate già prima della rivolta, si dividono e si separano ulteriormente: chi cerca l'ordine e richiede il mantenimento dello status precedente, sceglie l'ovest, chi non ha nulla da perdere, i sognatori, i richiedenti diritti, chi vuole avere semplicemente la possibilità di voto alle elezioni sceglie la rivolta e si volge a est. Il 23 giugno del 1848 l'esercito regolare muove contro le barricate e per quattro giorni le battaglie sono affrontate accanitamente per le strade. La zona operaia con 40-45.000 uomini male equipaggiati si ritrova a resistere all'attacco di 250.000 uomini della Guardia Nazionale e della Guardia Mobile, uomini armati di tutto punto, veterani provenienti dalle guerre in Algeria e supportati dall'artiglieria. A capo di questo esercito c'era il generale Cavaignac e a lui furono assegnati poteri dittatoriali per la restaurazione dell'ordine. In quattro giorni ci furono circa 1.500 morti tra l'esercito e più di 5.000 tra gli insorti. 11.000 cittadini furono imprigionati e di questi 4000, i più pericolosi per il regime, deportati in lontane colonie della madre patria senza più far ritorno. Questa è la storia dell'evento, descritta a grandi linee e senza sufficienti precisazioni. Si tratta solo dell'antefatto di ciò di cui voglio parlare. L'evento descritto fu il primo a essere documentato da due scatti fotografici che divennero la prima testimonianza giornalistica diretta di un tragico fatto di cronaca. 25 E 26 GIUGNO - Nei giorni conclusivi della rivolta un fotografo di cui neanche il nome è sicuro, ma il cognome è Thibault, decide di appostarsi, con la sua ingombrante macchina fotografica, alla finestra di un appartamento adiacente alle barricate di Rue Saint Maur Popincourt. Non solo: oltre all'innegabile coraggio ha l'intuito di andarci sia anticipatamente sia successivamente all'attacco dei governativi. Il risultato è uno sconvolgente "prima - dopo" in cui possiamo immaginare tutto il dramma degli eventi. Che cosa abbia spinto quel misterioso autore - di cui non abbiamo nulla se non la sua unica opera fotografica - a rischiare la vita per ottenere una foto non è facile immaginarlo. Nel 1848 molti fotografi si erano arricchiti con la nuova arte, ma gli ambiti in cui si potessero creare attività commerciali ed economiche erano strettamente legati al settore ritrattistico. Persino le vedute e i paesaggi non riscuotevano particolari interessi e quindi la pista dello scoop economico è da escludere. Si potrebbe pensare a un pioneristico interesse giornalistico ma anche questa è un'ipotesi difficile da sostenere, perché le prime foto pubblicate sui giornali appariranno solo 35 anni dopo, quando i tentativi della fotomeccanica trasformeranno i passaggi di grigi in un retino di punti neri più o meno grandi e distanti tra di loro, in grado di riprodurre tonalità di grigi diversi. Probabilmente era un inviato, da chi non lo sapremo mai, ma la pubblicazione del disegno xilografico ispirato alla scena ritratta, apparirà l'8 luglio del 1848 sul giornale L'Illustration. E qui comincerà la strana storia del doppio scatto. QUALE IL PRIMO QUALE IL SECONDO? - Secondo la storia e anche secondo la versione presentata dal Musee d'Orsay di Parigi dove sono custodite le due copie, il primo scatto realizzato domenica 25 giugno è quello a sinistra. Si notano molto bene le barricate, nella via non c'è nessun occupante a presidiare i punti nevralgici dell'arteria parigina e la nitidezza dell'opera è esemplare. Il secondo, quello a destra, è stato realizzato lunedì 26 giugno dopo l'attacco dei militari. S'intravedono delle ombre di passanti che animano la scena, sono mosse e poco visibili causa una peggior conservazione del dagherrotipo e per i tempi lunghi di esposizione utilizzati dal fotografo. Sicuramente il secondo scatto è quello che colpisce maggiormente, contiene informazioni visive, seppur parziali, di una scena vissuta drammaticamente nell'estate parigina e diventa, di conseguenza, uno dei più preziosi e rari documenti del fotogiornalismo. Ma la ricostruzione storica fatta dai vincitori della rivolta non è convincente. Non è scandaloso affermare che il giornalismo, specie se asservito al potere o a editori interessati, ha sempre piegato la verità al proprio volere e, in questo caso, una storia vecchia di 180 anni continua ancora oggi a raccontare smisurate falsità. Secondo la ricostruzione convenzionale il messaggio che si recepisce, anche un po' inconsciamente, è che la gente si riversa nelle strade dopo la gloriosa vittoria del governo francese sui malvagi rivoltosi che hanno reso Parigi (lo si nota nel primo scatto) un luogo di terrore e solitudine. Ma se le foto fossero state invertite? Se lo scatto del 26 fosse quello di sinistra e quello con la gente lo scatto del 25 cosa cambierebbe? Tutto, perché s'invertirebbe il messaggio: Parigi era viva e vitale prima dell'attacco e appare morta e desolata dopo il passaggio dei soldati. Un messaggio inaccettabile per i salvatori della patria e della monarchia. L'8 luglio del 1848, le fotografie di Thibault vengono pubblicate o meglio riprodotte a disegno, su L'Illustration comprovando la tesi ufficiale. FOTO INVERTITE? - Ovviamente per provare questa seconda tesi servono argomenti, prove scritte, testimonianze. Tutte cose impossibili da ritrovare ora, soprattutto su di una foto di cui si sa a malapena il cognome dell'autore e di cui esiste una sola copia perché il dagherrotipo era effettivamente una copia unica e irriproducibile. Le basi della mia ipotesi si fondano sull'esperienza professionale e su dati tecnici che possono comprovare tutti i dubbi che suggerisco. 1 - I DUBBI LOGICI - Qualsiasi persona sana di mente non sarebbe mai andata nel luogo di un massacro il giorno stesso o quello successivo agli eventi perché i militari erano a caccia dei rivoltosi e chiunque si fosse trovato in quel luogo avrebbe rischiato di essere arrestato e deportato all'estero. La storia assegna la fine delle ostilità alla data del 26 giugno ma combattimenti sporadici continuarono ancora nei giorni successivi. Nessuno avrebbe animato una via teatro di combattimenti se non fosse stato un combattente stesso. È lecito obiettare che quelle ombre potrebbero essere dei soldati o dei comandanti. Ingrandendo l'immagine si può notare che s'intravedono carrozze civili, le due ombre in primo piano sembrano conversare tranquillamente. Un uomo ha un cilindro come copricapo, abbigliamento tipicamente civile, e l'altra figura sembra femminile. Con i militari queste forme umane non hanno nulla a che vedere. Ma tutto questo è ancora insufficiente per reggere una tesi antistorica; è necessario addentrarsi in questioni tecniche di fotografia. 2 - LE LIMITAZIONI TECNICHE - Le foto in oggetto, che da ora chiameremo A (quella con le persone) e B (quella senza), evidenziano e sottolineano alcuni aspetti di notevole spunto. La foto A si presenta molto più rovinata rispetto alla B, ciò è dovuto probabilmente al fatto che i giornali l'hanno data in mano a degli incisori perché ne facessero diverse riproduzioni da divulgare a Parigi e in tutta la Francia. La poca cura nella manipolazione ha deteriorato le particelle della lastra di rame per incuria e per notevole sfruttamento. La pubblicazione così celere della prima foto di reportage suggerisce che probabilmente il fotografo aveva già contatti con militari, comandanti o politici influenti. La foto A è più piccola ed è stata scattata con un quarto di lastra, quella senza persone (B) con una mezza lastra. Ciò denota che l'autore aveva una conoscenza tecnica avanzata, sapeva perfettamente che i tempi di esposizione si accorciavano anche sensibilmente utilizzando formati più piccoli perché gli obiettivi sarebbero stati più corti , divenendo più luminosi grazie al minor tiraggio di camera (il soffietto delle vecchie macchine). Il fotografo padroneggiava la ridotta scelta di velocità di scatto, era in grado di prevedere e scegliere il giusto formato per il corretto risultato. Scatto veloce quando serve la gente, scatto più lento quando serve la definizione. Una lastra più piccola comporta un obiettivo con ridotta lunghezza focale e, di conseguenza, anche una macchina fotografica più leggera e pratica. Il 25 di giugno, in piena battaglia, il reporter doveva muoversi nel pieno agio della situazione. Il 26 giugno, con la battaglia che poco a poco si modera, con gli insorti sempre più ricacciati nelle retrovie, il silenzio e la quiete di un luogo abbandonato potevano essere colti con la dovuta calma, soprattutto se Thibault era supportato dalle forze governative. Esistevano macchine fotografiche multiformato, cioè lo stesso apparato poteva utilizzare formati di lastre diverse. Ciò non riduce gli aspetti tecnici appena elencati perché Thibault avrebbe dovuto possedere ugualmente due obiettivi diversi. Quello più "corto" sarebbe pesato molto meno del lungo e tutto quello presentato nei punti precedenti coinciderebbe alla perfezione anche con questa supposizione. DUE TESI, DUE LETTURE - È ovvio che ora, nel 2017, la storia non cambi con l'inversione delle date, cambiò la realtà allora, quando era importante placare gli animi e ricostituire l'ordine sociale. Con la descrizione ufficiale la vita gioiosa ritorna attraverso l'instaurazione di un ordine violento ma benevolo. Con la versione antistorica da me proposta, quelle ombre che vediamo sono probabilmente dei condannati a morte che nella notte o nel giorno successivo saranno falcidiati da colpi di cannone o fucilate compatte di fanteria. Nel primo caso la fotografia assurge a elemento documentativo per confermare una verità, nel secondo sarebbe la palese affermazione che la fotografia è un'enorme bugia. Mascherandosi con l'apparenza del vero può essere manipolata nelle forme e nei contenuti, può trasformare il messaggio più palese semplicemente cancellando o ignorando un elemento, modificando una didascalia o banalmente invertendo una data. Scherlock Max Holmes! Ci sarebbe molto da dire anche sul "giornalismo" contemporaneo in rapporto con il potere. "Alla ricerca della verità perduta"...me la scrivo, me la suono e me la canto!!! Il problema è che si hanno strumenti potenti in mano. Andrebbero maneggiati con cura!! Ma sono giornalisti che diventano giornalai, ovviamente tutto il rispetto e la considerazione per i giornalai e le edicole...mi ci sono cresciuto, tra l'altro, nelle edicole! Le edicole sono fantastiche! Sì, infatti. Fai bene Max. Il tuo modo di porre la questione è alquanto illuminante dal punto di vista simbolico. L'esempio è perfetto. Fa vedere come non bisognerebbe fermarsi all'apparenza o al ciò che si dice o alle affermazioni ufficiali consolidate. Oggi ci sarebbe bisogno "come il pane" di persone nel campo dell'informazione e della comunicazione "oneste intellettualmente e libere" (le due parole sarebbero intrecciate per loro natura). Ci sono mestieri difficili e di responsabilità che purtroppo richiedono scelte difficili e di responsabilità. Per fare un esempio, penso a una macro-figura come quella di Enzo Biagi. Penso che si possa utilizzare il suo nome per intendersi in senso simbolico. Spesso è "incomprensibile" questa battaglia della verità dei mezzi e degli strumenti utilizzati, dimenticandosi dell'utilizzatore e dell'intenzione, del sistema. Di tutto quello che c'è eventualmente dietro ad un'immagine, del processo e del sistema che l'hanno prodotta. Forse, anche questa è manipolazione intesa nel senso di voler condizionare gli utilizzatori/osservatori, facendo in modo che si creda che questo mezzo e/o quella modalità di espressione siano più veri di altri, a prescindere...? Come se l'immagine o l'informazione documentaristica avessero in sé una propria natura asettica, quasi "religiosa"...forse ci si può anche riuscire ad avvicinarsi a questa natura, ma dipende molto dall'intenzione e dalla personalità, che andrebbero individuate e studiate. quanto hai ragione Angelo..pensa che io vivo di tanto di fantasia e tante sarebbero state le cose che avrei voluto mettere in pratica nella vita e uno di questi sogni sarebbe stato quello di possedere un'edicola/cartoleria in un luogo di villeggiatura..immerso nei libri, nei giornali, nei giocattoli per bambini, persone con le quali scambiare 4 chiacchere tutti i giorni dell'anno. L'articolo è come sempre esaustivo, ricco di notizie, ricco di riflessioni personali e si nota il timbro di chi scrive per il gusto di "fare conoscere agli altri" e non di insegnare perchè qualcuno gli ha imposto di farlo. Dai francesi mi aspetto di tutto,guarda l’eccidio del 17 ottobre del 1961, roba da nazzismo.
2017-10-21T13:54:02Z
http://www.fotozona.it/lezioni/thibault
Il primo caldo inizia a farsi sentire e dunque inizia il temutissimo cambio di stagione. E’ il momento di dire addio ai maglioni pesanti e ai quelli dai colli alti e di dare il benvenuto a capi dai tessuti leggeri e freschi, indispensabili per affrontare le temperature che ci terranno compagnia nei prossimi mesi. La moda si sa ogni anno propone nuovi capi e soprattutto nuove nuance che ovviamente differiscono da quelli dell’anno già passato. E’ pur vero che non è che per ogni stagione che inizia possiamo acquistare un armadio differente, (anche se sarebbe una cosa fantastica), il cambio di stagione diventa dunque l’occasione perfetta per capire quali sono i capi da poter ancora indossare e quali invece che mancano, quindi da acquistare assolutamente per essere al passo con la moda, insomma una sorta di bilancio finale. Per questa estate 2018, i colori che non potranno mancare all’interno del vostro armadio, come già accennato nell’articolo colori primavera estate secondo pantone, non dovranno mancare capi di colore rosa, in tutte le sue declinazioni e soprattutto del celeste, del verde,immancabile poi sarà il giallo, ma di questo capo se seguite la moda dovreste già avere qualcosa in armadio in quanto è uno dei colori più in voga degli ultimi tempi. Indossare questi colori soprattutto di giorno, sarà per voi una strategia perfetta per affrontare al meglio i primi caldi a patto che i tessuti utilizzati siano tessuti come il cotone o il lino. Oltre ai colori pastello, un grande boom sarà dettato dai colori fluo, che consigliamo di indossare maggiormente nel tempo libero e soprattutto per chi ha un età giovane e una personalità eccentrica. Inoltre queste nuance risaltano particolarmente l’abbronzatura quindi sono indicati per chi ha una tintarella invidiabile. Non mancheranno ovviamente le classiche tonalità scure come il nero e del blu navy, indicate da indossare nelle occasioni più formali, in quelle di lavoro e soprattutto nelle ore serali. I colori scuri si sa, attirano molto i raggi del sole e indossarle in ore in cui esso è molto forte non è proprio una scelta felice.
2018-10-18T14:47:22Z
http://www.centromodanapoli.it/per-unestate-alla-moda-ecco-i-colori-che-non-possono-mancare-nei-tuoi-outfit/
Microsoft ha reso per la prima volta disponibile il suo pacchetto Office sul Windows Store, anche se – per il momento – è acquistabile e scaricabile solo dagli utenti di Windows 10S, la nuova versione “light” del sistema operativo che può installare ed eseguire solamente app dello stesso Windows Store e non le applicazioni Windows tradizionali. Il primo dispositivo disponibile sul mercato con questa variante di Windows 10 è il Surface Laptop, con il quale Microsoft offre un anno di abbonamento gratuito a Office 365 Personal in tutti i mercati mondiali in cui il dispositivo è commercializzato, Italia compresa. Office in versione Universal Windows Platform sul Windows Store era stato testato in beta nei mesi scorsi utilizzando nomi di fantasia per le varie app Word, Excel, PowerPoint etc.; ora le denominazioni sono quelle ufficiali, tuttavia la società avverte che l’attuale offerta limitata a Windows 10S è dovuta al fatto che “il processo di installazione e aggiornamento di Office nel Windows Store è attualmente in preview”: una volta terminata questa fase, Office sarà disponibile sul Windows Store anche per gli utenti delle versioni “classiche” di Windows 10. Al momento non viene specificata una data ufficiale, ma un rappresentante di Microsoft ha assicurato che il rilascio avverrà entro la fine dell’anno. I prezzi delle applicazioni Office su Windows Store sono allineati a quelli dei corrispondenti programmi in versione “normale” per pc desktop.
2018-12-09T21:55:19Z
http://viralvideoweb.com/Microsoft-Office-arriva-sul-Windows-Store--ma-solo-per-Windows-10S-43929.html
e oggi mercoledì 1 ottobre 2015 si ricomincia un mese e mio film 2006 ACCOLTELLATI Sinossi ACCOLTELLATI sottotitoli FORSE e pure INCERTA LA CONDIZIONE DI VITA, e meglio sarebbe titolare ACCOLTELLATI / ACCOLTELLATORI. Scorribande e visioni che evadono dal quotidiano verso territori diversi, tra Mediterraneo e colline, città e una villa e un villaggio. e oggi mercoledì 1 ottobre 2015 si ricomincia un mese e Compare d’un tratto il coltello da cucina, di quelli che ci sono familiari, li usiamo per il salame o il pane, e lo si ritrova da una mano all’altra e in luoghi e momenti diversi, nel variare delle situazioni. e oggi mercoledì 1 ottobre 2015 si ricomincia un mese E in mezzo al film emergono, come pilastri, presenze di alcuni che dicono della loro vita, Adelina parla in dialetto piemontese, familiarmente, e pochi italiani capiscono, l'Italia aveva i dialetti che non si capivano da una zona all'altra nella stessa regione. MA DOVE DAVVERO SONO GLI ACCOLTELLATI? E DOVE DAVVERO GLI ACCOLTELLATORI? e oggi mercoledì 1 ottobre 2015 si ricomincia un mese e Tutti noi prima o poi lo siamo (accoltellati), magari dopo essere stati a nostra volta accoltellatori: le categorie umane, il mondo si sa si divide in accoltellatori e accoltellati (in modo diverso l’ha detto anche MARX e a suo modo AGOSTINO misericordia Sant'). e oggi mercoledì 1 ottobre 2015 si ricomincia un mese In MARLENE DE SOUSA, mio film 2004, il protagonista monologa sul coltello del nonno e tanti alla fine mi chiedevano perchè io non lo facevo vedere nel film. Ebbene, compare ora, a distanza di due anni, in altro film. Ed è così. NO! e oggi mercoledì 1 ottobre 2015 si ricomincia un mese “Ricorda sempre che nulla ti è dovuto. Che cosa meriti infatti? Quando sei nato, ti era forse dovuta la vita?”. E CONTINUA.
2019-03-19T04:05:00Z
http://toninodebernardi.blogspot.com/2015/10/e-oggi-verso-un-romanzo-di-formazionem.html
Stasera torna la Champions League con le ultime due partite dell’andata dei quarti di finale e tornano anche i nostri pronostici. In campo, dopo la Juventus che ieri ha sfidato il Real Madrid, l’altra italiana rimasta nella competizione, la Roma. I giallorossi sono attesi dalla difficile trasferta al Camp Nou contro il Barcellona (ore 20:45, diretta in chiaro su Canale 5) e i bookmaker concedono poche chance alla squadra di Di Francesco. Il segno 1 è crollato a 1,23 mentre un pareggio si gioca addirittura a 6,25. Nell’altro match di Champions League di stasera, il Manchester City di Pep Guardiola affronta il Liverpool nel derby inglese. Match che si preannuncia più equilibrato anche se i “Citizens” sono in leggero vantaggio nelle quote. In singola paga bene il segno 2 ben oltre il raddoppio (2,40). I pronostici dei recuperi di serie A di oggi Benevento-Verona, Chievo-Sassuolo, Milan-Inter, Torino-Crotone sono disponibili nella sezione “Sport” a questo link. Da giocare in singola: 1+Multigol 2-3 (3,10). Da giocare in multipla: Nogol (1,80). Da giocare in singola: 2 (2,40).
2018-09-18T19:02:26Z
https://www.corrierenazionale.it/2018/04/04/pronostici-champions-league-nogol-barcellona-roma/
Dopo il successo al Teatro Elfo Puccini di Milano una nuova imperdibile data in compagnia delle Nina's Drag Queens! Per voi un piccolo assaggio fotografico dello spettacolo, immortalato da Valentina Bianchi. Dragpennyopera ha debuttato il 3 novembre al Teatro Elfo Puccini di Milano. NINA’S DRAG QUEENS A ZELIG CABARET! Autore DragQueenPubblicato 8 Giugno 2015 29 Settembre 2019 Lascia un commento per NINA’S DRAG QUEENS A ZELIG CABARET! Dall'11 al 20 giugno Zelig Cabaret presenta una rassegna di spettacoli ed eventi dedicati al tema dell'omosessualità e contro l'omofobia. Presenti anche noi con Varietà Tacco Dodici : la rivista, rivista dalle Nina's Drag Queens! Pubblicato 8 Giugno 2015 29 Settembre 2019 Categorie ArchivioTag Drag Queens, Gianluca Di Lauro, Lorenzo Piccolo, Ulisse Romanò, Varietà tacco 12, zelig cabaretLascia un commento per NINA’S DRAG QUEENS A ZELIG CABARET!
2019-11-22T08:51:12Z
https://www.ninasdragqueens.org/tag/lorenzo-piccolo/
Roma, 14 mag – “Il Piano triennale dell’offerta formativa assicura l’attuazione dei principi di pari opportunità promuovendo l’educazione alla parità di genere, la prevenzione della violenza di genere e di tutte le discriminazioni nelle scuole di ogni ordine e grado, al fine di informare e sensibilizzare gli studenti, i docenti ed i genitori sulle relative tematiche come previsto anche dall’articolo 5, comma 2, del decreto legge 14 agosto 2013 n. 93 convertito nella legge 15 ottobre 2013, n. 199 in materia di Piano di azione straordinario contro la violenza”. Si tratta del comma 8bis, all’Art. 2 che introduce l’insegnamento della parità di genere in tutti i curricola. Si perché il 3 maggio, non a caso di domenica, approfittando del prevedibile assenteismo e rilassamento degli “attori”, Giovanna Martelli consigliere del presidente del Consiglio Matteo Renzi sulle Pari Opportunità, ha proposto un emendamento “gender”, sottoscritto da tutto il Pd, da inserire nel disegno di legge sulla riforma della scuola che attualmente è all’esame della VII Commissione cultura della Camera. Il Pd ha poi tentato di mischiare le carte occultando questa manovra facendola integrare nella super legge che dovrebbe mutare il volto della scuola. Mossa astuta. Fortunatamente c’è chi su questi argomenti non abbassa la guardia, come le numerose associazioni (più di 40) che in risposta a questa manovra hanno consegnato al presidente Sergio Mattarella le oltre 180 mila firme raccolte per chiedere di fermare l’infiltrazione dell’ideologia genere nelle scuole italiane. Tra queste abbiamo i Giuristi per la vita e Provita Onlus che chiedono espressamente al Capo dello Stato di «intervenire, con la sua autorità giuridica e morale, presso gli organi competenti, affinché vengano presi i provvedimenti idonei» affinché sia rispettato il ruolo della famiglia nell’educazione dei più piccoli. Dopo Mattarella, le firme saranno presentate a Renzi e al ministro Stefania Giannini. Quest’ultima lo scorso anno aveva promesso che le associazioni dei genitori sarebbero state consultate e che le linee guida dell’Unar sarebbero state riscritte. Promessa che invece non è stata onorata. Ok, i modi sono stati discutibili ma i contenuti sono ugualmente degni di un prestigiatore? Diciamo che a leggerlo non sembra esserci nulla di grave se non fosse che purtroppo abbiamo con il tempo appreso, che questi escamotage linguistici mirano a qualcos’altro. Si parla di “parità di genere” nelle scuole di ogni ordine e grado. Negli ultimi tre anni dopo il famigerato documento Miur/Unar, “Strategia nazionale per la prevenzione e il contrasto delle discriminazioni basate sull’orientamento sessuale e sull’identità di genere”, sottoscritto dall’allora ministro del lavoro Elsa Fornero, sono stati resi applicativi attraverso la rete delle associazioni Lgbt folli programmi di cultura gender in tutta Italia finanziati, a suon di milioni, dallo stato. Folli perché mirano a distruggere il maschile e il femminile in favore di un’autodefinizione che non rende conto del sesso biologico: ognuno può essere ciò che vuole, ciò che più gli piace. Inutile a dirsi che il Ddl Scalfarotto sulla fantomatica “omofobia” è il perimetro di garanzia entro cui si muovono tutte queste iniziative. È in questo modo che si previene la “violenza omofobica” qualora mai esistesse questa emergenza? Infatti l’Oscad, l’Osservatorio per la sicurezza contro gli atti discriminatori, istituito presso il Dipartimento di Pubblica Sicurezza del Ministero dell’Interno, nel 2013 ha reso noto che in 3 anni ci sono state 83 segnalazioni riguardanti l’orientamento sessuale: neanche 30 casi l’anno. Motivo per cui si fa fatica a credere che si tratti di una emergenza tale da essere affrontata con un apposito decreto di legge. La collettività e non solo la famiglia, sta subendo un assedio plurimo da parte delle istituzioni e delle associazioni Lgbt tale da rintracciarne il carattere dittatoriale di tali iniziative. Si perché qui non c’è in ballo solo la protezione dell’istituzione della famiglia ma soprattutto il benessere psicologico dei bambini che saranno confusi, immersi in questo frullatore gender. Infatti le pratiche di queste ideologie sono destabilizzanti e non permettono al bambino un sano sviluppo della personalità: viene minata la sicurezza e messa a rischio l’identificazione sessuale. E poi, mai come in questo periodo ci dicono di “guardare l’Europa”, per imparare e migliorarci. E allora sarebbe opportuno porre attenzione a quanto successo in Norvegia, paese che negli ultimi dieci anni ha sostenuto fortemente le teorie del gender. Infatti, dal punto di vista normativo donne e uomini, in questo paese, sono liberi di comportarsi in maniera completamente uguale ma diversi studi, però, hanno messo in luce il Norwegian Gender Paradox, il paradosso norvegese del gender : nonostante ci sia piena “uguaglianza” tra i due sessi, il paradosso dimostra che le donne continuano a scegliere professioni tradizionalmente viste come “femminili” e gli uomini quelle tradizionalmente “maschili”. Ad esempio il 90% delle infermiere norvegesi sono donne e il 90% degli ingegneri uomini. Il comico e sociologo norvegese Harald Eia viaggiando tra Stati Uniti e Gran Bretagna e visitando alcune delle università più prestigiose al mondo ha incontrato numerosi ricercatori di psicologia, medicina e sociologia che gli hanno presentato esperimenti e indagini che dimostrano scientificamente che la differenza fra sessi è documentabile fin dai primi giorni o mesi di nascita. Ad esempio il prof. Simon Baron-Cohen, membro del Trinity College, è giunto a dimostrare che esistono caratteristiche innate e differenti nei cervelli di neonati maschi e femmine e che queste differenze sono dovute anche alla quantità di testosterone prodotto. E ancora il prof. Trond Diseth, dell’Oslo University Hospital ha elaborato uno studio con bimbi che presentano malformazioni genitali, dal quale emerge che le scelte dei bambini riguardo i giocattoli riscontrano differenze tra maschi e femmine fin dall’età di nove mesi. Per questi motivi, vista anche l’incapacità degli esponenti della gender theory di fornire spiegazioni scientifiche per la loro linea di pensiero, il consiglio dei ministri dei paesi nordici (Nordic Council of Ministers) ha deciso di tagliare i fondi al Nordic Gender Institute, provocandone la chiusura. L’intolleranza e la violenza, derivata da qualsiasi fattore, come anche dalla disabilità, va affrontata con programmi che mirano a favorire lo sviluppo delle competenze sociali nei bambini e nei ragazzi e non tramite insegnamenti orientati all’indefinitezza del genere, aldilà del carattere sessuato degli individui e soprattutto senza rispettare il ruolo dei genitori che restano, come garantito dalla l’articolo 26 della Dichiarazione Universale dei Diritti Umani, gli unici responsabili dell’educazione dei figli.
2019-12-09T13:20:51Z
https://www.ilprimatonazionale.it/politica/gender-nelle-scuole-pd-approva-emendamento-23374/
Due club francesi, il Saint Vulbas e il Balaruc, uno italiano, la Brb, ed uno croato, l'Istra Porec, saranno i protagonisti della fase finale di Coppa Europa in programma il 15 e 16 giugno a Chieri. Lo hanno decretato gli incontri di ritorno dei quarti di finale, confermando i successi ottenuti all'andata, tranne l'italica sfida che dopo il pari di Salassa ha premiato la formazione di Ivrea ai danni della padrona di casa La Perosina. PRECISIONE - Aldino Bellazzini, presidente-allenatore della Brb, lo aveva dichiarato al termine del match di andata. “ Se riusciamo a conquistare i punti del tiro di precisione, non perdiamo da nessuno”. Si era sbilanciato non poco il Taras Bulba del boccismo nostrano, travestito da personaggio goldoniano, ma ha colto nel segno. Dopo le negative esperienze dello sloveno Janzic, mostratosi allergico al tiro, ha mandato Deregibus a cimentarsi sul tappeto della prova più aleatoria, insieme a Grattapaglia, ancora alle prese con il cambio di rincorsa, e la profezia si è avverata. Quattro punti pesanti sono andati ad aggiungersi ai quattro strappati al fotofinish da Ballabene e Grosso a Koziek e Melignano nel combinato per un parziale di 8-2 già significativo e capace di mettere in crisi i diffusi scetticismi sorti intorno alla Signora in Rosso, specie dopo il pari casalingo. CONSAPEVOLEZZA - E così i top player implacabili cacciatori di trofei, tenendo fede alle parole del loro mentore, nella piena consapevolezza dei loro mezzi, hanno cercato, riuscendovi, di mantenere l'importante divario di 6 punti, in modo da presentarsi alle battute conclusive del tradizionale, in posizione privilegiata. Il tentativo dei Boulenciel di non perdere ulteriore terreno affidandosi ai cavalli da corsa, si è concretizzato, come all'andata, nei tre punti colti da Micheletti (pari 42 con Borcnik) e Brnic (45 a 42 su Ferrero), utili a presentarsi al tavolo degli 8 punti in palio, sul parziale di 5-9. Privi di Simone Nari, i padroni di casa hanno cercato di apportare alcune modifiche agli schieramenti (vedi Collet-Feruglio a coppie e la strana terna Brnic, Manolino, Melignano). Così come la Brb che si è presentata con quattro formazioni diverse rispetto all'andata. A decidere le sorti del match sono stati Janzic-Bruzzone, mettendo sotto per 9-5 Longo e Pastre, e la terna Grattapaglia-Ferrero-Cavagnaro, infliggendo un pesante 11-3 a Brnic e soci. Sono invece caduti Ballabene da solista , vittima di Koziek (4-13), e la coppia Grosso-Deregibus (1-13). SPIRITO - “Abbiamo giocato da squadra con lo spirito giusto – ha detto al termine della sfida Bellazzini - . Al di là dei tiri di precisione, della cui importanza avevo già fatto cenno dopo il confronto dell'andata, sono risultati pesanti i successi ottenuti nel doppio combinato. Loro non hanno saputo sfruttare il vantaggio dei campi di casa. Comunque li abbiamo vinti per un sol punto in più. Nel tradizionale ci siamo confermati prevalendo con largo margine sia a terne, dove siamo arrivati a condurre per 9-0, sia nella coppia partendo in equilibrio, sul 3-3, per poi passare dal 6-3 al definitivo 9-5, col tentativo di annullo sul pallino fallito da loro. E' un peccato per l'Italia non avere due squadre semifinaliste. Ce lo ha negato il sorteggio. Ed è un peccato perchè ritengo che entrambe eravamo le squadre più attrezzate per contenderci il trofeo continentale “. DISPARITA' - Sugli altri campi ha prevalso il fattore tecnico. Le disparità sono emerse a partire da Saint Vulbas. I francesi conducevano già 12-2 sul Pula al termine del secondo tiro progressivo, dopo aver eguagliato in apertura con Alexandre Chirat e Frederic Marsens il record del mondo di staffetta (60/61), appena stabilito dai fratelli Matteo e Simone Mana del Cro Lyon. Gli altri transalpini, quelli del Balaruc, sul parziale di 10-4 hanno raccolto 7 punti su 8 dalle partite tradizionali, annientando il Lokateks Trata. Molto più incerto il confronto disputato a Porec. I padroni di casa, sotto per 6-8, hanno sfruttato pure loro i terreni di casa cogliendo altri 6 punti decisivi. RISULTATI – Saint Vulbas – Pula 14-8, La Perosina – Brb 9-13, Balaruc – Lokateks Trata 17-5, Istra Porec – Zabice 12-10.
2020-04-04T19:17:27Z
https://www.gazzetta.it/bocce/03-06-2019/bocce-volo-coppa-europa-signora-in-rosso-ivrea-sfida-saint-vulbas-balaruc-istra-porec-3302177080724.shtml
Bentornato/a! I prezzi potrebbero essere cambiati mentre eri via. Aggiorna la pagina per vedere i prezzi più recenti per Philadelphia. Aggiorna i prezzi TripAdvisor utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza durante la visita sul sito. Scopri di più o modifica le tue impostazioni. Per continuare è necessario autorizzare i nostri cookie.
2017-01-16T21:57:59Z
https://www.tripadvisor.it/HotelsNear-g60795-d2423094-oa60-Philadelphia_Museum_of_Jewish_Art-Philadelphia_Pennsylvania.html
mi son messo in testa che voglio tornare a giocare decentemente, e l'hd4600 integrata nel mio i7 non va d'accordo col giocare "decentemente", va benissimo e fa egregiamente il suo dovere, ma coi giochi non ci siamo. Dato che il mio pc è moooolto improntato al risparmio energetico e al silenzio, queste dovranno essere le parole chiave nella scelta della nuova scheda video. La configurazione attuale è quella che ho in firma, non penso che sarei minimamente limitato dal resto dell'hardware quindi la scelta è abbastanza libera, ma ormai è da un po' che non seguo il mercato gpu quindi ho paura di fare una scelta errata. Al momento ho notato la GTX750 ti di nvidia (che preferirei ad amd in quanto mi son sempre trovato bene con questa, e molto peggio con amd, soprattutto a livello di driver / linux). Mi pare una gpu molto parca nei consumi e con buone prestazioni. L'idea è di giocare a titoli come nfs rivals, watch dogs, far cry 3 ecc, appunto ad un livello "decente", non ho bisogno dell'ultra high performance cippalippa la necessità è quella di avere almeno una presa HDMI. Avete qualche modello / marca da consigliare? La 750 liscia e TI sono le schede che hanno il rapporto prestazioni/consumi più elevato in commercio attualmente (fonti: Guru3d e Techpowerup). Ovviamente questo é perché sono le schede con il chip più recente e con una serie di ottimizzazioni studiate per poter in futuro scalare l'architettura Maxwell sul mobile (notebook e tablet/smartphone). Il livello di prestazioni, guardando la scorsa generazione, gira tra una HD6970 e una GTX570/80 più o meno (fonti: come sopra). Questo dovrebbe permettere di giocare i titoli attuali a livello di dettaglio medio o alto (con qualche compromesso sul numero di FPS). Per quanto riguarda la silenziosità ho visto che alcuni produttori, tra cui Zotac e Asus, stanno sfornando qualche scheda completamente passiva che molto probabilmente sarà facile reperire a metà settembre. Il principale problema dei modelli reference é che la ventolina ha un rumore abbastanza acuto. Comunque, appunto per il gaming, qualunque soluzione con una ventola decente aftermarket andrà bene avendo un rumore più caldo che viene facilmente coperto dal rumore dei giochi. uh ottimo, quindi mi consigli la gtx750ti a quanto capisco vero? hai qualche riferimento di quelle zotac/asus passive? La Asus é la Strix ed é semipassiva (credo che le ventole si accendano solo oltrei i 65C). La Zotac me la sono sognata ed era la Palit KalmX invece! Aspetta Settembre che gli shop riaprano e le spedizioni riprendano. Ho visto che i pochi e-shop rimasti aperti al momento hanno alzato i prezzi approfittando della poca concorrenza. Comunque ho anche visto che é disponibile in un negozio fisico dalle mie parti a 155 euro, per cui il prezzo indicativamente sarà quello a Settembre. Ho trovato la Zotac, per il momento solo 750 liscia. Almeno non l'avevo sognata! buahahah ti eri preso male? Da me le Strix 750 ti ci sono già nei negozi (anche OC). Quanto costa da te? Ora che hai l'Audi funzionante potresti prenderne due e ti offro 'na bira!
2020-07-12T04:10:01Z
http://www.techarena.it/forum/hardware/8785-consiglio-scheda-video-low-power.html
ILBETTA ON AIR: Fa' la cosa giusta! E’ quello che mi sono chiesto l’altro giorno davanti allo specchio. Sono quei momenti che devi prendere delle decisioni importanti. Scegliere. Emotività e razionalità in un continuo confronto. Sul piatto della bilancia si mettono da un lato, tutti i motivi che spingono a fare una scelta. Dall’altro le motivazioni contrarie. Capire. Mantenere uno stato di lucidità, nonostante la tensione cerchi di farsi largo. Analizzare lo stato delle cose. Vedere e soprattutto sentire. Sì, sentire cosa effettivamente vogliamo. Cosa ci far stare male e cosa potrebbe farci stare meglio. Fingere non è possibile. Mentire, sconsigliato. Lasciare una cosa certa è destabilizzante. L’abitudine si è impregnata nel nostro modo di essere e nella nostra quotidianità. Il cambiamento è visto come qualcosa d’inopportuno e da evitare. Occorre mettersi a nudo. Parlare con se stessi, con la propria anima. E’ lì che troveremo la risposta. La nostra risposta. Non quella di cosa vorrebbero che facessimo gli altri, ma quello che sentiamo e vogliamo fare noi. Ascoltarsi. E’ il momento di rinascere.
2018-05-20T14:09:30Z
http://ilbetta.blogspot.com/2008/12/fa-la-cosa-giusta.html
Il ritratto di un mondo e un paese in cui l'illusione conta più della realtà. Da giovedì 24 gennaio al cinema. Guillermo Francella - Acquario. Interpreta Arturo nel film di Gastón Duprat Il mio Capolavoro. Al cinema da giovedì 24 gennaio 2019.
2019-02-17T10:02:08Z
https://www.mymovies.it/film/2018/il-mio-capolavoro/news/il-trailer-italiano-del-film-hd/
Salerno sarà una delle tappe del Tour Rifiuti Zero organizzato, per la decima edizione, dall'Associazione Impatto Ecosostenibile. Sabato 12 gennaio l'apertura del tour nella sala di rappresentanza "Bottiglieri" nel Palazzo della Provincia di Salerno, con inizio alle 17,30. A introdurre il tema del tour il Sottosegretario di Stato al Ministero dell'Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Salvatore Micillo, che discuterà del progetto "Hotel & Ristoranti a rifiuti zero". La strategia, rivolta ai gestori di attività ricettive e ristorative, prevede una serie di linee guida operative volte alla riduzione della produzione complessiva di rifiuti in tali strutture, alla minimizzazione dei rifiuti indifferenziabili oltre all'abbattimento dell'uso di plastiche, al risparmio idrico ed elettrico. Condizione necessaria alla riuscita del programma è il coinvolgimento e la formazione del personale in linea con i principi dell'ecosostenibilità. "Hotel & Ristoranti a rifiuti zero" stimola l'innovazione nelle strutture ricettive, promuove l'educazione al rispetto dell'ambiente, concretizzando il principio di "turismo ecosostenibile". Le attività previste promuovono comportamenti ambientali virtuosi ed incidono sulla conservazione del territorio. L'esempio utilizzato quale caso di studio concreto e realizzato è quello dell'Hotel Conca Park di Sorrento, pioniere della strategia Hotel Rifiuti Zero, a cui ha aderito dal 2013. Nel 2018 l'hotel ha avuto una media di raccolta differenziata di oltre il 90%; complessivamente, la produzione totale dei rifiuti è diminuita di oltre il 50%grazie ad una lunga serie di iniziative poste in essere come, solo a titolo esemplificativo, l'eliminazione delle plastiche grazie all'abolizione del monouso e all'utilizzo di materiali alternativi; l'autocompostaggio della frazione umida, la riduzione del packaging anche per i prodotti per la pulizia, l'installazione di distributori per l'acqua anche per i dipendenti, ecc.. Inoltre, sono stati drasticamente ridotti i consumi idrici (-20%) ed elettrici (-30%). Questo ha portato ad un notevole risparmio sia alla nostra Madre Terra che all'economia dell'attività anche grazie agli sgravi ottenuti sulla tariffa dei rifiuti come previsto dal regolamento comunale. E proprio di questi argomenti si discuterà a Salerno, insieme al sindaco di Salerno Vincenzo Napoli, all'assessore all'ambiente del Comune di Salerno Angelo Caramanno, al consigliere regionale Michele Cammarano e alla deputata Virginia Villani. Interverranno, inoltre, Mariella Russo e Mario Aiello del Conca Park, Emiddio Esposito, Presidente dell'associazione Impatto Ecosostenibile, la presidenza di Federalberghi Salerno e Antonino Esposito, ideatore della strategia "Hotel rifiuti zero". La conferenza sarà moderata da Valentino Fiorillo, vicepresidente dell'Associazione Impatto Ecosostenibile.
2019-08-20T01:35:54Z
https://www.ilvescovado.it/it/sezioni-25/salerno-e-provincia-7/a-salerno-l-apertura-del-tour-rifiuti-zero-75710/article
Guarire dalla malattia celiaca si puo'. ARGOMENTO: Guarire dalla malattia celiaca si puo'. liberazione delle emozioni negative. E invece guarire dalla malattia celiaca si puo'. LA GUARIGIONE E' DEI PAZIENTI. Ha smesso di mangiare pane,pizza e pastasciutta fin da bambino perche' altrimenti stava male. di cibo senza glutine. che ad oggi il numero sia di circa 100.000). Un esercito di "malati". la beneamata pizza. che IL NOSTRO CORPO E' IN INTIMA RELAZIONE CON LA NOSTRA MENTE E LE NOSTRE EMOZIONI. al seminario di Liberazione della memoria emozionale(LME) 1 tenuto dalla dottoressa Bardelli. Alla fine del primo giorno,attraverso la liberazione emozionale,Domenico si sente pronto ad assumere del "glutine" avendo sentito fino in fondo l'evidente connessione tra il suo corpo e certi eventi emotivi della sua vita di quando era bambino. Da quel giorno,e' ritornato a mangiare glutine in abbondanza,ben felice di aver dovuto rinunciare al buono mensile. autorevoli e "scientifiche" siano le fonti. Questo passaggio e' molto delicato e importante. e smetterla di pensare che non ci siano soluzioni. con mente aperta. Ed e' grazie alla pazienza e all'apertura mentale che Domenico e' riuscito ad abituare il suo corpo all'assunzione del glutine. Chiedo alla dottoressa Bardelli di raccontarmi meglio la vicenda di Domenico. «un partecipante si presento' dicendo che era celiaco da 40 anni. Erano passati talmente tanti anni che la celiachia costituiva parte della sua identita'. all'economia familiare facendo la nutrice,cioe' allattando bimbi di altre mamme,nel paese di campagna dove vivevano. e lo mettesse strillante nella culla in un 'altra stanza. Per associazione quindi,era proprio il grano a staccare Domenico dalla sua mamma,dal suo buon nutrimento. il grano perche' associato a un dolore inaccettabile,era un "boccone" che non riusciva a digerire. indigesto se ne aggiunge un'altra rafforzando la connessione e la reazione allergica. attenzioni e l'affetto da parte della mamma,se ne ando' dai nonni,i quali,lo misero a dormire su di una cassapanca. l'equazione grano=non amore della mamma=dolore indigesto. e che per amore dei suoi figli accettava di nutrire anche altri bimbi. di affrontare il processo di "guarigione". Ultima modifica: 02/11/2014 23:37 da LEGOLAS123. ad alcuni potrebbe suonare come una triste coincidenza ma non lo é affatto, il terrorismo psicologico é studiato a tavolino, é calcolato e mirato. Quelli sanno bene cosa fanno e perché lo fanno. Ultima modifica: 22/11/2014 17:02 da ade.
2018-08-20T14:54:17Z
http://alleanzadellasalute.info/forum/Esperienze-e-Testimonianze/21144-guarire-dalla-malattia-celiaca-si-puo.html
Grande successo della Real Bat di Mister Iannone, che vince per 2 reti ad una contro l’Atletico Corato. Ricco e Frezza segnano le reti dei biancorossi, mentre Stefanini accorcia le distanze per gli ospiti. In classifica, i ragazzi della Real Bat salgono a quota 8 dopo 5 gare disputate e dimostrano di poter dire la loro in questo torneo, avendo battuto la seconda in classifica. In avvio le emozioni latitano. E’ necessario attendere i calci di punizione di Frezza e di Loseto per assistere a delle azioni degne di essere annotate sul taccuino. Al minuto numero 39 c’è un tiro da fuori di Gernone, Lombardi respinge in malo modo e Scaringella fallisce da pochi passi. E’ la scossa che serviva ai padroni di casa, che si precipitano in avanti e trovano la via del goal immediatamente. E’ allo scadere della prima frazione che Ricco trova la via del goal, grazie ad una azione avviata da Frezza e conclusa dal 21enne esterno barlettano a tu per tu con Divincenzo. Si va al riposo sul punteggio di uno a zero per i locali. L’Atletico Corato decide di mettercela tutta e comincia in maniera spregiudicata la seconda parte del match. Dopo appena quattro minuti Lombardi è chiamato agli straordinari per neutralizzare un calcio di punizione di Frascolla. Ma gli ospiti si scoprono inevitabilmente ed è Frezza a punire loro per la seconda volta, concludendo con un pregevole tocco col mancino un contropiede magistralmente orchestrato. Due a zero per la Real Bat e gara tutta in salita per i coratini. Gli ospiti, però, ci mettono l’orgoglio. I neroverdi si accorciano le distanze su calcio di punizione con Stefanini. E’ troppo tardi e la rete si rivela inutile. Finisce due a uno per i padroni di casa della Real Bat che nel finale vivono un brivido in occasione della traversa colpita dal coratino Frascolla. Gli uomini di Iannone salgono a quota 8 in classifica.
2018-04-20T14:42:03Z
http://www.barlettasport.it/2013/10/barletta-calcio/calcio-dilettantistico/real-bat-vittoria-misura-sullatletico-corato/
L’anno duemilaquindici addì sette del mese di aprile alle ore 8,00 nel Palazzo Municipale di Senigallia, previa convocazione, si è oggi riunita la Giunta Municipale. Con successiva Determina del Dirigente dell’Area Tecnica Territorio Ambiente n. 571 del 01/06/2011 è stato avviato il procedimento di redazione del Piano. - Il Dipartimento di Scienze della Terra, della Vita e dell’Ambiente dell’Università di Urbino Carlo Bo. - ogni altra attività che risulti utile al perseguimento degli obiettivi del piano. Il Piano strutturale di conservazione e valorizzazione del sistema delle mura di Senigallia è stato redatto come uno strumento di programmazione strategica che rilegge e ri-connette i diversi contesti che compongono la città murata di Senigallia, mediante l’utilizzo e la messa a sistema delle diverse tipologie di approcci e di competenze presenti nel gruppo di lavoro, all’interno di un processo a più fasi, al contempo programmatorio, pianificatorio, progettuale ed operativo. In tal senso, e sulla scia di precedenti esperienze di pianificazione e progettazione di sistemi complessi mediante modalità laboratoriali e basate sull’interdisciplinarietà, già sperimentate con successo dall’amministrazione comunale (valga come esempio il Piano strutturale del Verde), si è ritenuto di dover aggiungere l’aggettivo strutturale alla denominazione del Piano, così da meglio rappresentare la natura strategica e di indirizzo dello strumento di pianificazione in oggetto. Valore aggiunto del processo sono stati, oltre agli incontri laboratoriali con il gruppo di lavoro, i diversi sopralluoghi organizzati con i tecnici degli uffici comunali coinvolti, finalizzati a condividere, attraverso l’osservazione sul campo, problemi e potenzialità del sistema delle Mura, e l’organizzazione di un forum nell’ambito del processo di urbanistica partecipata Nuove Energie Urbane, tenutosi il 24 maggio 2013, forum che ha riscosso molto interesse da parte della comunità locale in merito al tema della città murata e dell’ipotesi di recupero e valorizzazione di luoghi dal carattere fortemente identitario. 5. Stato di fatto e stato di progetto: i contesti omogenei d’intervento. Tale strumento, costituito dagli elaborati su elencati è pienamente rispondente agli obiettivi dell’amministrazione comunale di dotarsi di uno strumento di programmazione strategica che si pone come obiettivo l’analisi di un bene prezioso quale quello delle mura storiche della città, e l’individuazione delle strategie migliori per valorizzare, salvaguardare, gestire e pianificare gli ambiti caratterizzati dalla presenza di tale bene storico, culturale ed identitario. 4°) -DI DICHIARARE il presente atto immediatamente eseguibile, ai sensi dell’art. 134 del D. Lgs. 18/8/2000 n° 267 mediante separata e unanime votazione palese. La presente deliberazione è stata pubblicata all’Albo Pretorio dal 13 aprile 2015 al 28 aprile 2015 ai sensi dell’art. 124, 1° comma, del D.Lgs. 18/8/2000, n° 267.
2017-09-21T01:29:05Z
http://senigallia.openmunicipio.it/acts/cgdeliberations/2015-04-07-000000-s-lp-2015-548-approvazione-del-piano-strutturale-di-conservazione-e-valorizzazione-del-sistema-delle-mura-della-citta-di-senigallia/
Con un contributo del ministero dell’Interno di 90mila euro, sarà realizzata la manutenzione straordinaria al tetto della palestra della scuola di via Savonarola e al tetto dell’edificio di via Baccanazza che ospita attività culturali e associazioni. La giunta ha approvato il progetto esecutivo che prevede per via Savonarola la rimozione della guaina esistente nelle parti deteriorate e il suo rifacimento; parallelamente, in via Baccanazza verrà rimosso il manto di copertura e sarà realizzata una impermeabilizzazione con doppio strato di guaina armata. Oltre alle coperture, i lavori riguarderanno anche opere di lattoneria e interventi di manutenzione agli impianti a servizio degli stabili. “I due edifici su cui interveniamo – spiega l’assessore ai Lavori pubblici Silvia Fuso – saranno ammodernati per rendere più sicuri sia gli spazi sportivi che afferiscono all’edificio scolastico sia il patrimonio pubblico di carattere culturale e ricreativo, come è l’edificio di via Baccanazza”. Il contributo del ministero ha riguardato investimenti destinati a opere pubbliche in materia di messa in sicurezza di scuole, edifici pubblici, patrimonio comunale e abbattimento barriere architettoniche.
2020-07-06T01:49:34Z
https://www.rovigo24ore.it/area/polesine/2020/06/25/lavori-al-tetto-delle-scuole-di-occhiobello-e-nel-centro-culturale-di-baccanazza/
Grande entusiasmo alla partenza dalla Stazione Ferroviaria di Lecce e all’arrivo a Trieste, per gli oltre 100 ragazzi delle scuole del Salento che stanno prendendo parte al progetto “La Memoria e il Ricordo: un viaggio per non dimenticare”, organizzato dalla Provincia di Lecce in collaborazione con “Unidea” sui luoghi dello sterminio nazista in Italia e dove si consumò l’altrettanto atroce dramma delle foibe. Il treno con a bordo l’Assessore alle Politiche Giovanili Bruno Ciccarese, numerosi amministratori e sindaci del Salento e oltre 100 ragazzi delle scuole del Salento è arrivato nel pomeriggio di ieri in Friuli Venezia Giulia, dove già sono partite le prime escursioni. In particolare i ragazzi sono stati al Sacrario di Re di Puglia, alla Risiera di San Sabba e alle Foibe di Basovizza. “Luoghi che furono teatro della tragedia dello sterminio diventati simbolo dell’intolleranza e di ogni violenza ideologica”, ricorda l’Assessore Ciccarese, congiuntamente al Presidente Gabellone: “anche per il 2011, attraverso i Comuni, l’Amministrazione Provinciale vuole far si che giovani salentini partecipino ad iniziative tendenti a consolidare nelle coscienze di ognuno l’avversione ed il rifiuto di qualsiasi forma di totalitarismo. Il programma promosso prevede la visita alle Foibe di Basovizza considerate l’emblema della violenza slavo-comunista nei confronti degli italiani e alla Risiera di San Sabba unico campo di concentramento nazista d’Italia e monumento nazionale dal 1965”.
2019-06-25T15:54:43Z
https://www.salentoweb.tv/news/3234/cento-studenti-salentini-foibe-basovizza
Questo lavabo a forma di piazza, in ceramica di alta qualità, sarà un aggiunta elegante a qualsiasi stanza da bagno, toilette o nei bagni per le signore. La sua finitura lucida porta un design moderno ed elegante. Questo bacino artistico in ceramica non è solo una recipiente pratico per l'uso quotidiano, ma anche un ornamento per il vostro spazio vitale. Si adatterà sicuramente a qualsiasi stile interno. Inoltre, il bacino è abbastanza facile da pulire. Il foro di scarico è in grado di defluire l'acqua all'esterno quando diventa troppo pieno. Il foro del rubinetto di 3,5 cm è incluso nell'installazione del rubinetto. Il foro di scarico è di 4,5 cm di diametro. Si prega di notare che nessun drenaggio è compreso nella fornitura.
2019-04-19T06:59:23Z
http://trovaprezzo.codicesorgente.it/p-lavandini_ceramica_cucina
GLI "ESORDIENTI" SBANCANO IL "CUROTTI" Sei qui: Home News SGS News GLI "ESORDIENTI" SBANCANO IL "CUROTTI" Gli "Esordienti" Blues chiudono il 2019 con il prestigioso successo in casa della Juve Domo. Vittoria per 3-0 e 3-1 nei primi due tempi, pareggio in extremis subìto nell'ultima frazione. Ottava vittoria in campionato per i boys di Stefano Ferrario che superano a fatica l'ostacolo Juve Domo e possono trascorrere le festività natalizie guardando tutti dall'alto. Si gioca in una splendida giornata di sole che si prende abbondante la rivincita dopo 5 giorni piovosi, con 11 gradi di temperatura e su uno splendido tappeto verde di erba sintetica. Rispetto alle ultime due partite, Tommaso Falciola , con un taglio di capelli fuori dall'ordinario, torna in porta, mentre è assente il collega di ruolo Pietro Palese. De Giovannini, Bellani e Silva Batistela formano il trio difensivo, Osmani e capitan Ferrario stazionano in mezzo al campo, Barberis e Vidoli fraseggiano alle spalle di Maffezzoli. Al 1' Osmani recupera palla e mette in movimento Barberis, ma il portiere di casa è lesto ad anticipare in uscita a terra. Al 2' Ferrario imbecca Vidoli che appoggia a Maffezzoli che però perde il momento giusto per calciare, l'azione prosegue fino al tiro di Osmani che finisce sul fondo. Al 3' Ferrario per Maffezzoli che prolunga troppo per Vidoli, che non ci arriva. Al 4' il portiere respinge la conclusione di Vidoli, poi c'è un tiro debole di Osmani che finisce oltre il fondo. Al 6' Ferrario in profondità per Maffezzoli, parata del portiere. Al 7' Ferrario per Vidoli che cerca di incunearsi fra i difensori e poi passa ad Osmani , tiro parato. All'11' Trisconi prende il posto di Maffezzoli che ha preso una leggera botta sul ginocchio. Al 12' in mischia davanti alla porta, Vidoli alza sopra la traversa. Al 13' Trisconi per Vidoli che mette a fondo campo. Al 14' Osmani per Vidoli che riesce a concludere nonostante il disturbo di un difensore, palla fuori. Al 16' corner di Trisconi, Vidoli al volo, ma colpisce in modo scomposto e non indirizzando in porta. Passa un minuto e la parità finalmente si sblocca: Silva Batistela passa a Trisconi che dalla lunga distanza, di collo pieno scaglia un tiro che rimbalza davanti al portiere e poi finisce in rete: 1-0 Blues. Al 18' da distanza ravvicinata Trisconi raddoppia con un morbido pallonetto. Poi c'è spazio subito per un diagonale di Vidoli che termina sul fondo. Ma il biondo attaccante trova spazio anche oggi nel tabellino dei marcatori al 19', grazie al perfetto assist di Trisconi, che lo smarca dopo avere soffiato palla ad un domese. Si chiude così 3-0 il primo tempo. Nel secondo tempo davanti a Falciola giostrano Santamaria e Barberis ai lati di Bellani, Trisconi e Ferrario in cabina di regia, Farrauto e il rientrante Marceddu trequartisti, Maffezzoli centravanti. Inizia meglio la squadra di Beppe Chilò che con il possente numero 4 impegna da lontano Falciola che salva in due tempi. Al 5' insidiosa punizione del numero 10, Bellani tocca in scivolata, poi Trisconi a dare manforte anche in difesa riesce ad allontanare. Al 6' però il numero 10 non sbaglia con il tiro centrale che si infila alla sinistra di Falciola. Passa un minuto e Maffezzoli soffia il pallone al portiere che tardava a fare ripartire l'azione ed è il pareggio. All' 8' traversone da sinistra di Marceddu sul palo più lontano, il portiere non ha una presa felice, ma riesce poi ad evitare il pericoloso inserimento di Farrauto. Al 9' Vidoli rileva Maffezzoli e subito si fa notare con un tiro che però va oltre la porta. Al 12' altra punizione del numero 10 in maglia bianca, palla fuori. Al 13' Osmani sostituisce Ferrario. Al 17' Vidoli caparbiamente contrasta il numero 4 di casa e gli soffia la sfera, parte verso la porta, scarta il portiere e segna il gol del sorpasso. Al 18' staffilata di Bellani su punizione, troppo lunga e finisce fuori. Al 19' Falciola salva in angolo un tiro del numero 9. Al 20' ancora il 4 ci prova da quasi centrocampo e sfiora il palo. Prima della chiusura di tempo Vidoli parte in contropiede e segna il 3-1, il venticinquesimo centro personale in campionato. Nel terzo tempo Falciola in porta, De Giovannini, Bellani e Silva Batistela in difesa, Osmani e Ferrario a centrocampo, Santamaria e Trisconi esterni d'attacco dietro a Vidoli. Dopo 50 secondi, da un'azione su punizione va al tiro il numero 4, ma alza troppo la mira. Al 3' ci prova il numero 10, uguale l'esito finale. Ribaltamento di fronte con De Giovannini che lancia lungo per Vidoli che colpisce il palo esterno. Al 6' Silva Batistela lancia perfettamente Vidoli che parte verso l'area, ma viene atterrato dal numero 6. Splendida punizione di Trisconi che si insacca con precisione. Tripletta di giornata e dodicesima marcatura stagionale per il numero 7. Al 7' Santamaria da destra colpisce l'incrocio esterno, ma subisce fallo al momento di calciare. Viene decretata la punizione che calcia Ferrario a rientrare e sfiora l'incrocio dei pali più lontano. Al 9' corner di Silva Batistela, rasoterra di Ferrario e para il portiere, disturbato da Trisconi in off side. Al 10' Barberis sostituisce Santamaria. Al 12' corner di Trisconi e Vidoli svirgola come nel primo tempo, dando i fianchi alla porta, anzichè mirarla, poi tiro di Ferrario che viene parato. Al 13' Maffezzoli avvicenda Vidoli. Poi Trisconi serve Osmani che scheggia la traversa. Al 14' perfetto corner di Silva Batistela, sul secondo palo è appostato il numero 4 che salva . Al 15' rientra Farrauto che dà il cambio al terzino brasiliano. Al 16' tiro parato a Osmani. Al 17' cambio tutto omegnese con il migliore in campo Trisconi che fa spazio a Marceddu. Al 18' Ferrario per Osmani, palla alta e al 20' l'ultima azione che decreta la parità del tempo: punizione del numero 10 che colpisce la traversa, nessun difensore stresiano interviene e il numero 9 non ha difficoltà ad insaccare il tap in. La fase autunnale del campionato terminerà il 18 gennaio, ma con possibilità per lo Stresa di posticiparla di una settimana, con la sfida al "Forlano" contro la Crevolese.
2020-01-17T22:49:35Z
http://stresasportiva.com/index.php/home/news/news-2/2065-gli-esordienti-sbancano-il-curotti
Salva Camere e tariffe per The Fintry Inn Stiamo trovando le camere migliori ai prezzi più bassi del nostro partner.Prenota su Arrivo Partenza 1 camera 2 ospiti 4Camera standard Recupero di altre informazioni sulla camera Scopri di più Cancellazione GRATUITA Miglior prezzo a notte tasse e spese Seleziona Mostra le camere disponibili per The Fintry Inn Puoi vedere le offerte dei nostri partner di viaggio per le camere a partire da * o modificare le date. Non ci sono camere disponibili per questa struttura su TripAdvisor dal giorno al giorno . I prezzi dei nostri partner di viaggio non sono disponibili per il periodo dal giorno al giorno . Vedi tutti gli hotel con disponibilità a Fintry o modifica le date. Ecco le domande dei viaggiatori con le risposte del personale di The Fintry Inn e di altri viaggiatori. 2 domande Fai una domanda Domande? Ricevi risposte dal personale della struttura The Fintry Inn e dagli ospiti precedenti. Bentornato/a! I prezzi potrebbero essere cambiati mentre eri via. Aggiorna la pagina per visualizzare i prezzi più recenti per The Fintry Inn. Aggiorna i prezzi CercaPrezzi è un eccezionale strumento di prenotazione degli hotel che controlla centinaia di siti per trovare i prezzi più bassi.
2016-10-24T07:50:55Z
https://www.tripadvisor.it/Hotel_Review-g551847-d1876109-Reviews-The_Fintry_Inn-Fintry_Scotland.html
“Un uomo all’interno di un furgone bianco ha scattato delle foto a mio figlio minorenne. Eravamo al centro commerciale Ibleo”. E’ questo pressappoco il messaggio d’allarme, diffuso da una donna su alcuni gruppi WhattsApp che, da ieri pomeriggio, ha scatenato il tam tam sui social. La signora si è presentata venerdì presso gli uffici della Questura, dove ha fornito la sua versione dei fatti. Inizialmente si pensava a una bufala inventata di sana pianta, adesso la Polizia indaga. Ma dai primi segnali, l’allerta non sembra giustificata. “La Polizia di Stato in data odierna ha ricevuto presso gli uffici della Squadra Mobile, la donna che ha inviato la nota audio tramite messaggistica istantanea, con la quale desiderava informare, e quindi mettere in allerta le famiglie da lei conosciute, di quanto a lei ed al figlio accaduto. La donna ha precisato nei dettagli quanto verificatosi ieri intorno alle 10.00 presso il parcheggio del centro commerciale “ibleo”, riferendo di aver notato un furgone vecchio modello bianco con a bordo due persone (due uomini o una coppia) che, senza scendere dal veicolo, senza proferire alcuna parola, hanno presumibilmente scattato una foto nella direzione del figlio che si trovava comunque distante. Il bambino impaurito è corso dalla madre poco distante ed ha riferito il tutto, tanto che immediatamente la stessa si è premurata di avvisare i vigilantes del centro commerciale. Il personale addetto, monitorando la registrazione delle telecamere di sorveglianza non notava nulla di anomalo anche perché distante dal campo di registrazione. La donna, solo oggi, dopo aver compreso che la sua segnalazione non era stata ancora formalizzata ad un ufficio di Polizia, si recava presso la Questura per riferire nei dettagli quanto accaduto al fine di permettere agli investigatori di effettuare le dovute verifiche. Gli uomini della Squadra Mobile, raccolto ogni dettaglio, hanno subito avviato un’attività di riscontro di quanto riferito. In particolar modo sono state estrapolate ed esaminate le immagini degli impianti di videosorveglianza della zona ma, stante la distanza sistemi di ripresa rispetto al luogo dei fatti così come narrati, non è stato ancora possibile risalire alla targa o modello del veicolo mai “catturato” dagli obiettivi. Sono in corso tutti i possibili accertamenti per risalire al veicolo e/o all’identità dei soggetti a bordo indicati dalla donna e dal figlio. La Polizia di Stato del capoluogo ibleo, in linea generale ed a prescindere da quanto opportunamente segnalato dalla donna, rammenta a tutti i cittadini che per qualsiasi fattispecie di reato o illecito amministrativo, è possibile contattare il numero di pronto intervento 113 o presentare un esposto o una denuncia presso gli uffici della Questura che sono sempre a disposizione degli utenti bisognosi anche solo di un confronto con le Istituzioni”.
2019-04-20T22:18:42Z
http://www.santacroceweb.com/giornale1/index.php/2017/01/27/furgone-bianco-la-donna-in-questura-ma-le-telecamere-non-notano-nulla/
2K Games è lieta di presentare un nuovo trailer di NBA2K14, dedicato alle versioni next generation ovvero Xbox One e Playstation 4. Il filmato include dettagli iper realistici dei giocatori, l’acclamato gameplay e tutta la potenza del motore Eco-Motion. Che ne dite? Sul parquet della NBA si vede già il salto generazionale? Aspettiamo i vostri commenti a fine post!
2019-01-22T11:29:31Z
https://www.italiatopgames.it/articoli/nba2k14-momentous-trailer-video-in-italiano/18720/
Donne al volante: pericolo costante? Secondo uno studio norvegese battono gli uomini per affidabilità. Donne al volante, pericolo costante. Il famoso detto meriterebbe di essere aggiornato. Secondo quanto dimostra un recente studio in auto risultano più brave. I numeri assumono ancora più rilievo, in quanto dall’Organizzazione Mondiale della Sanità (Oms) scopriamo che ogni anno sono un milione i morti in incidenti stradali. È sufficiente abbassare per due secondi lo sguardo per far schizzare alle stelle il rischio di generare un sinistro. Mai distogliere perciò l’attenzione dalla strada. Rispondere al telefono o cambiare il canale dell’autoradio in cerca della canzone preferita implica inferiore concentrazione e le conseguenze potrebbero essere evidenti, nella più rosea delle ipotesi, solo sulla vostra carrozzeria. “Interventi su misura potrebbero concentrarsi sui gruppi a rischio, come i giovani maschi con una guida non attenta e una bassa convinzione di poter controllare la distrazione”, ha dichiarato l’autore dello studio Ole Johansson. Cari miei colleghi, astenetevi da battute di facile ironia sulle donne perché spesso siamo noi a combinare guai. Keep it in mind.
2019-03-22T02:46:43Z
https://www.autotoday.it/rubriche/curiosita/donne-al-volante-pericolo-costante/
Sedini disegnatore e/o filosofo? Giudicatelo voi da questa intervista. Da anni sorridiamo alle sue filosofiche vignette sui sassi. Sappiamo tutto della sua infanzia grazie ai deliziosi racconti che ne hanno rivelato anche la vena letteraria. E forse, fuorviati dai rassicuranti disegni, ci siamo immaginati un Vittorio bonario, ameno, ricco di humour. Ma è proprio tutto qui il Sedini? Eppure una spia di un lato insospettato del personaggio potevano avercela data le sue tavole per una originale Via Crucis da cui viene escluso il personaggio umano (ne abbiamo pure trattato su queste colonne). Io per la verità, curiosando a casa sua e nello studio milanese, davanti ad alcuni suoi dipinti dove ricorre il motivo di una sedia in insolite situazioni (ce n’è perfino una che vola!), credo di aver colto un Vittorio diverso. Riflettiamoci un po’: una sedia non è forse un oggetto fatto apposta per trovare riposo quando siamo stanchi? Se però qualche buontempone ce la sottrae mentre ci stiamo sedendo, mandandoci a gambe all’aria, noi rimaniamo spiazzati perché è venuto meno proprio un elemento di stabilità su cui facevamo affidamento. Cosa intende allora il Sedini quando nei suoi paesaggi color pastello ci mostra una sedia che volteggia come un aerostato? Vuol essere il suo un omaggio a Chagall? Oppure è l’amichevole monito che le nostre sicurezze potrebbero essere prima o poi sconvolte, quasi un invito evangelico a vigilare? Meglio chiederlo a lui direttamente. «Beh, quando io disegno, non è che penso primariamente ad un messaggio da dare, anche se è chiaro che ciascuno con i mezzi che ha esprime sempre quello che lui è. «Per tornare alla sedia volante, io considero l’instabilità, la non sicurezza come la condizione migliore per poter essere vicino all’altro. Non a caso sulla mia carta da lettere ho disegnato una barchetta in balia di onde formate dalle lettere del mio nome e cognome, con dentro un omino che sono io. Dice proprio la mia realtà di uomo che vive nella precarietà. Paradossalmente, però, questa situazione mi permette di dare all’altro sicurezza: perché quando non si hanno certezze proprie da opporre, è allora che l’altro si sente libero di esprimersi. «Ora la sedia – oggetto stabile ma al tempo stesso spostabile – mi piace proprio nel momento in cui… emigra da qualche altra parte: quasi un invito a seguirla, a muoversi verso un’altra possibilità». Parlavi dell’incertezza della nostra condizione umana. Eppure i tuoi quadri sono sereni, non drammatici. «È perché questa incertezza non è senza speranza, non è cupa. È una incertezza positiva, in quanto aiuta a mettersi in discussione e a togliersi certi attaccamenti a cose che ritenute fondamentali…». Ci sono però in te delle certezze che riguardano i valori primari, no? «Evidente. Solo che io non le chiamo certezze, ma speranze. Speranza non certo nel senso di “io speriamo che me la cavo”, come diceva quel ragazzino, ma nel senso proprio della virtù teologale». Tornando al disegnino dove ci sei tu sballottato dalle onde, mi viene in mente un’altra barchetta: quella dei discepoli di Gesù sul lago di Genezareth. Lì però c’è lui che dorme ma, svegliatosi, placa le acque e la tempesta… Gesù è certezza per gli impauriti. «Bellissimo! Non ci avevo pensato. Però i discepoli Gesù l’hanno svegliato, bisogna darsi da fare quando si è alle strette. C’è sempre questo gioco tra la fiducia assoluta in lui che ti salverà e il timore, forse, di non esserne degni». Bravo, Vittorio! Queste riflessioni sono certo frutto d’esperienza. Cos’è che t’ha cambiato la vita, e quando? «È una lunga storia. Verso il 1962-63 ero a Roma, sposato e già con due bambini. Ad affascinarmi è stato l’incontro con un cristianesimo vissuto, con un Dio incontrato nei fratelli. Una scoperta avvenuta tramite i Focolari e facilitata da una situazione di massima incertezza: avevo perso il lavoro, Mirella non stava bene ed era dalla mamma a Trieste assieme ai nostri figli. «Un amico, Gianfranco, mi aveva invitato a conoscere delle persone: era regista televisivo ed io, da disoccupato, speravo in un aiuto per trovare lavoro. L’incontro è avvenuto un sabato nel focolare di via Saliceto: dopo avermi presentato lì ad un certo Giannino, con una scusa Gianfranco è sparito e io sono rimasto con questo Giannino per un paio d’ore. «Il messaggio dell’unità da lui recepito mi ha incantato, ma era passato più che altro attraverso la testa; solo più tardi è arrivato al cuore e – direbbe Chiara Lubich – nei muscoli, nel senso che per amarlo sul serio, il prossimo, per servirlo, devi darti da fare nel concreto. «È stato il sabato successivo. Quella volta in via Saliceto ho ascoltato Giulio Marchesi parlare di Gesù quando lava i piedi agli apostoli. Grazie a quell’atmosfera particolare che segnala la sua presenza (come ho realizzato più tardi), ho avuto l’intuizione di aver trovato la mia strada. «Nell’estate del ’63, durante una Mariapoli in Piemonte ad Ala di Stura, mi è capitato di riflettere a lungo su un fatto. Siccome sono uomo d’immagini, mi sono immaginato una bilancia. Su un piatto c’erano la famiglia, la carriera, tutte le cose belle che fanno sentire un uomo realizzato, mentre sull’altro non c’era niente. Vuoto! Ecco, mi son detto, forse lì ci va messo Dio. E ho scelto lui. Ecco come sono diventato un focolarino, sbatacchiato qua e là dalle onde» (ride). «Piano, non facciamo paragoni!, se no ti rispondo come una volta Picasso quando gli chiesero cosa pensava di Dalì: “Beh, non parliamo dei minori!”. «Per essere seri, vorrei richiamarmi alla Via Crucis realizzata di recente, che mi è capitata addosso quasi da fuori (o dall’alto?). Ed è bello averla condivisa con la mia collega illustratrice Franca, che non si professa propriamente atea, ma si chiede perché mai un dio dovrebbe occuparsi dei suoi affari. Ebbene, mentre ero intento alla Via Crucis, Franca ha seguito i progressi del mio lavoro, attenta a che non ci mettessi niente di superfluo, portandomi ad una poetica assolutamente scarna. Ecco l’importanza dell’altro che collabora con te, pur non mettendoci neanche un segno di matita». Hai qualche altro progetto in mente? «Un amico mi ha proposto di illustrare il Cantico dei cantici. L’idea mi affascina, ma mi fa tremare, perché non trovo lì un simbolo altrettanto forte e universale come la croce. Una cosa è certa: più che fare dei lavori che mi realizzano, sono interessato a produrre qualcosa dove ci sia dentro l’altro, non solo come fruitore dell’opera, ma l’altro che – per il rapporto stabilito insieme – ne diventa coautore, magari non sapendolo. E da questa comunione non va escluso chi guarda perché solo lui può completare gli stimoli che l’opera offre. Quindi adesso non so cosa farò, se riprenderò il tema delle sedie o farò volare qualche altra cosa!».
2020-07-02T15:58:12Z
https://www.cittanuova.it/vittorio-e-le-sedie-volanti/?ms=004&se=028
(Il Messaggero – U. Trani) Lo stop è di giovedì pomeriggio: El Shaarawy ha concluso, comunque, la seduta dedicata alla tattica. Ma, al rientro negli spogliatoi, ha chiamato il professor Castellacci. E, al responsabile dello staff medico della Nazionale, ha indicato la coscia destra. L’attaccante della Roma ha sentito una fitta. All’inizio ha pensato che fosse un crampo e quindi ha continuato l’allenamento. Stephan non ha dato peso al contrattempo. Avrà pensato all’ultimo viaggio con la Roma. Perché a San Siro, domenica scorsa, si è arreso dopo uno scatto, sulla fascia sinistra, e si è fermato a fondo campo sotto la curva milanista. Di Francesco l’ha sostituito con Gerson al minuto 33 della ripresa e la sera ha comunque raggiunto Firenze per rispondere alla convocazione. Così Ventura, dopo l’imprevisto di due giorni fa, lo ha tenuto in ritiro. A Firenze ha passato la prima notte, a Torino la seconda. Perché l’infortuno non è grave: indurimento all’adduttore. ANCORA AZZURRO El Shaarawy, dunque, non è rientrato a Trigoria. Oggi sarà sottoposto agli esami strumentali a Torino. Il problema muscolare è già superato, anche se staserà l’attaccante non sarà tra i 23 azzurri di Italia-Maccedonia. Il ct, ieri mattina a Coverciano, non lo ha fatto lavorare con il resto del gruppo, ma lo ha affidato ai preparatori per un allenamento differenziato. Non è, dunque, rimasto a riposo, ma è stato sollevato dalle esercitazioni con scatti e contrasti per precauzione. Meglio non rischiarlo, anche perché Ventura conta di riaverlo a disposizione per l’ultima partita delle qualificazioni mondiali, lunedì a Scutari contro l’Albania di Panucci. La Roma ha, insomma, rischiato di non essere più rappresentata in Nazionale per queste due partite contro la Macedonia e l’Albania. Lunedì mattina, all’inizio del raduno, hanno subito lasciato Coverciano sia Pellegrini (edema al polpaccio) che De Rossi (gonalgia tendinea al ginocchio): il primo rischia tra l’altro di non giocare sabato. prossimo contro il Napoli. El Shaarawy, da controllare comunque anche in giornata, è rimasto invece con i compagni: il terzo forfait in azzurro è scongiurato.
2019-08-25T12:10:25Z
https://www.romagiallorossa.it/rassegna-stampa-as-roma/la-roma-rischia-un-altro-forfait-el-shaarawy-stop.html
È un inno da uomini liberi quello che i cristiani cantano alla sera dell’ultimo giorno dell’anno. Il Te Deum è cantato in piedi per ringraziare il Signore di tutti i benefici che la sua bontà ha elargito nell’anno che volge al tramonto. Ma la sua musica, lenta e solenne, induce oltre che alla gratitudine anche all’adorazione della grandezza di Dio, all’ammirato sguardo alla creazione e all’opera della salvezza, infine alla richiesta della sua protezione. Tutto ciò ha a che fare con la libertà: Dio non vuole avere dei servi che lo temono, ma dei figli che lo amano. L’antico testo, il canto gregoriano e la posizione eretta esprimono in modo efficace la dignità dell’uomo nel rendere lode a Dio. Secondo una leggenda, l’inno sarebbe stato composto a due mani da sant’Ambrogio e sant’Agostino, ma altri autori ne rivendicano la paternità. Oggi gli studiosi lo attribuiscono a Niceta di Remesiana, vescovo serbo della fine del IV secolo. Si tratta in ogni caso di un testo antico e autorevole, in cui si può ravvisare una triplice partizione: la prima consiste nella lode indirizzata al Padre, la seconda celebra Gesù Redentore, la terza unisce tra loro versetti di vari salmi, in un’alternanza di benedizione e di supplica. È una amplificazione del Sanctus, con il quale la liturgia si inoltra nella parte più misteriosa della Messa, la Consacrazione e chiama a raccolta gli angeli, i santi e i presenti per celebrare la memoria della Redenzione. È anche una riedizione del Credo, il cui centro è il mistero di Gesù, vero Dio e vero uomo. Ad liberandum suscepturus hominem, non horruisti virginis uterum: così il Te Deum ripropone con espressione difficilmente traducibile senza sciuparne l’intensità, la solenne formula del Credo: et incarnatus est de Spititu Sancto ex Maria virgine, et homo factus est. È evidente come la Chiesa non smetta di ridire con le stesse parole la sola cosa che conti, quella antica e quella di sempre. La ripetizione aiuta la memoria e ricordare il bene che ci è stato dato e che continuamente ci si offre, giorno dopo giorno, anno dopo anno – lo si capisce meglio a una certa età – è l’unica operazione che veramente conti tra tutte quelle che quotidianamente compiamo. Per questo è così significativa la ripresa che anche in quest’inno viene fatta dei testi biblici, dei salmi con i quali l’antico popolo di Israele si rivolgeva al Dio nascosto, che gli parlava attraverso la legge e i profeti. Come il saggio del Vangelo, la Chiesa trae dal suo tesoro cose vecchie e nuove e le fa brillare come i gioielli di cui erano ornati gli ostensori. Perché lì, in quella luce silenziosa, risiede corporalmente la divinità e chi la adora è chiamato a rifletterne un po’ la luce. Majestatis gloriae tuae”.
2020-01-28T04:52:35Z
https://www.ilsussidiario.net/news/cultura/2011/12/31/te-deum-un-inno-dall-antico-testo-per-celebrare-cristo-redentore/232839/
Siete liberi di riprodurre parte della guida su altri siti, a patto che venga chiaramente citata la fonte in cima e in fondo al pezzo riportato. Guida a Skyrim golgoth T Tumulo delle Cascate Tristi. Il corno di Jurgen Windcaller. Il Caduto e La Stagione Interminabile. La tana del Divoratore del Mondo. Nei Meandri di Saarthal. Il Incontri gay 16anni di Magnus. Quest Radiale — Guai a Skyrim. Quest Radiale — Muscoli a Pagamento. Quest Radiale — La Ricerca. Quest Radiale — Dritto al Cuore. Azura — Stella Nera. Boethiah — La chiamata di Boethiah. Clavicus Vile — Il miglior amico di un Daedra. Guida completa a tutte le missioni e ai segreti di Skyrim. Facebook Twitter YouTube è stata scritta in base alla nostra esperienza di gioco con Skyrim, colmando le lacune grazie al supporto delle guide di Gamefaqs e corredando il tutto con screenshots presi durante le sessioni di gioco. Incontri al chiaro di luna. Malacath – La. Hircine – Incontri al chiaro di luna. Prerequisiti: Nessuno. Andate a Falkreath e dirigetevi verso il cimitero nella zona più occidentale della città, sotto la Sala dei Morti. Parlate con Indara e Mathies della loro figlia defunta: i due vi indicheranno la direzione per Sinding. The Elder Scrolls V Skyrim – Special edition (PC, PS4, Xbox One) buscar app lock The elder scrolls v skyrim incontro al chiaro di luna Trend. Elder Scrolls V Skyrim Santuario del Barlume Trend. Skyrim - Incontri al chiaro di luna - Uccidi la grande bestia - Gameplay. Due volte Lupo Mannaro in un giorno: durante una delle quest daedriche “Incontri al chiaro di luna” vi si presenteranno due runningawayonline.com sceglierete di risparmiare la vostra vittima, l’anello di Hircine che vi è stato dato perderà la sua maledizione e vi consentirà di traformarvi in .
2019-03-24T01:02:43Z
http://runningawayonline.com/20-guida-skyrim-incontri-al-chiaro%20.php
Camere arredatate in stile tradizionale sardo. Connessione wi-fi fruibile gratuitamente nella hall. Il ristorante propone specialità locali e pizze cotte a forno a legna. Colazione a Buffet. Il Petri Marini è posizionato nel centro della Gallura, famosa per le rocce di granito e la vegetazione mediterranea. Il personale sarà lieto di organizzarvi escursioni all'isola della Maddalena. Il Petri Marini � posizionato nel centro della Gallura, famosa per le rocce di granito e la vegetazione mediterranea. Il personale sar� lieto di organizzarvi escursioni all'isola della Maddalena. l'Hotel Petri Marini sorge nel nord-est della Sardegna, a 100 metri dalla spiaggia. Stai visualizzando da 1 a 24 di 24 B&B nel raggio di 20 Km.
2017-09-24T13:54:42Z
http://www.sardegnabb.eu/bed-and-breakfast.asp?id=4020&comune=aglientu&provincia=olbiatempio&t=Petri-Marini
Essere sorpreso: -))))))))))) ...... Wow Wow Wow, non si spaventa alla meravigliosa Ruth chiedere-ha le punte desiderate per tutti. Posizione / prezzo / attrezzature / Top !!! Abbiamo avuto un fantastico soggiorno al Ruths posto. Lei è il perfetto padrone di casa, sempre disponibile e felice di darvi consigli utili e suggerimenti. Ha molta esperienza nel settore alberghiero e si può sentire che. Lei è in grado di servire il mix perfetto tra ospitalità e di essere di servizio - mentalità senza invadere la vostra privacy. L'intera regione è così bello, abbiamo avuto una vacanza indimenticabile. Marianne è una hostess piacevole e facile. Ci siamo sentiti in casa sopra Locarno bene. L'arredamento elegante è stata molto apprezzata, così come la terrazza con giardino e, naturalmente, la vista! La casa di Marianne ha tutto ciò che si possa desiderare e come descritto da lei. L'accoglienza è molto caldo e la comunicazione perfettamente. Ci sarebbe sicuramente tornare. La "Villa" appare dall'esterno molto appariscente, ma nasconde un gioiello unico con interni speciali di grande successo. Ci siamo sentiti super confortevole, la vista e la tranquillità goduto di alta sopra Locarno. Se per gli amanti del design e romantici un segreto e molto consigliabile. Marianne ci ha sempre dato Rosso e rispondere molto rapidamente, e nonostante la loro assenza tutto è andato bene. La casa, oppure l'ingresso non è direttamente sulla strada ed è raccomandato da macchina da guidare lì, il parcheggio è il n ° 1 ,. Pace e buona base per esplorare e buon cibo nelle vicinanze sono garantiti. Marianne era una, molto bello ospite molto! Era flessibile con il nostro orario di arrivo, anche se abbiamo continuato a cambiare a causa di circostanze impreviste. Lei era estremamente reattivo e l'appartamento era esattamente come mostrato nelle immagini. Lei ha fatto il suo modo di gestire i piccoli dettagli qui e là che abbiamo trovato. Consiglio caldamente di essere ospitato da Marianne. Изображения не могут оправдать то, насколько красиво это место, и не могут передать звуки чирикающих птиц, запах цветков в цвету и т. Д., Это действительно похоже на маленький сад Эдема. Хорошее место, чтобы немного отступить от мира, работайте над своим романом. :) Существует газовый гриль, я определенно предлагаю сидеть под виноградными лозами за столом снаружи, наслаждаясь домашним обедом на гриле и видом на горы / озеро. ospite Hemer Molto legato ha tutto funziona alla grande. Splendida villa con una vista da sogno. Abbiamo trascorso una settimana indimenticabile a Mario Italo. Luino è una città incantevole con un sacco di attività intorno al lago Maggiore, con piccoli ristoranti molto belle, belle spiagge molto pulite rulli a tutti saturi e un grande mercato famoso in tutta la regione. La casa è l'ideale per godere di tutto questo. Molto spaziosa e molto ben attrezzata, pulito e ben mantenuto. Inoltre, ha una bella terrazza con vista sul lago, barbecue e ping-pong. Italo Mario era molto accogliente, ci ha accolto con un piccolo drink e ci ha fornito un sacco di informazioni turistiche. Ha anche stato così gentile da prestarci sua canoa per navigare sul lago. Molte grazie per la vostra gentilezza Italo Mario! Che posto fantastico tra gli alberi ad alto fusto. La vista del Lago Maggiore è davvero bello. La casa ha un bel giardino grande tutto il giorno circa ma anche per trovare ombra. Abbiamo tre volte un giovane cervo con vista sul giardino. Nelle vicinanze si trova un accogliente caffetteria con Wi-Fi e caffè delizioso. La piscina è una passeggiata su e totalmente bene. La casa si trova all'interno di un po 'datato ma super pulito e completo. I due ristoranti nelle vicinanze sono un must! La casa si trova nei pressi di un grazioso villaggio a 700 metri sul livello del mare. La strada di accesso è un po 'difficile, ma la vista è magnifica raggiunto la cima. Tuttavia, la piscina non è privata come potevo credere che il titolo dell'annuncio, è collettiva e 300 m dalla casa. Arrivati a casa, siamo molto ben accolta dai Shadel dandoci istruzioni. Tuttavia, a seconda di quanti siamo, non abbiamo accesso a tutte le camere e non possiamo sceglierli. C'è stato un malinteso circa il numero di persone, ho notato 6, pensando che il mio figlio di 2 anni non contava. Avrebbe dovuto mettere 7. Di conseguenza, solo quattro camere da letto al piano di sotto erano aperti, ho dovuto fare un'apertura. Ho detto che pagherò bene sul mio figlio, se necessario, e Anna ha scritto a me 2 volte il giorno dopo per chiedermi il 100 €. Poi, la biancheria da letto è purtroppo povera, con materassi a molle e materassi fianco a fianco a diversi livelli. La lavatrice è rotta dopo 4 giorni del nostro soggiorno. Quest'ultimo aveva almeno 40 anni, è logico che con l'uso regolare per molte persone, non riesce. Per quanto riguarda uno dei bagni, abbiamo avuto solo acqua tiepida. Shadel è venuto, la temperatura è stata sollevata, ma era ancora solo. Abbiamo avuto a che fare con un bagno. La caldaia deve anche avere almeno 40 anni. A un certo punto, l'acqua nella stessa stanza da bagno che è passato era marrone. Infine, il frigorifero è troppo piccolo, non c'è freezer. Sembra che abbiamo avuto un accumulo di problemi, e Anna mi ha chiesto di pagare solo 50 € per il € 100 dispersi, non ho trovato le condizioni degli scambi molto leggeri di alloggi. Gli ho detto che avrei trovato proprio come non abbiamo pagato il 100 €, e lei di conseguenza detto che se volevo lavare i miei vestiti in Shadel, dovrei pagare direttamente i costi ... In breve, questa casa potrebbe essere molto gentile, il panorama è bellissimo. Accettiamo di stare in una vecchia casa, ma l'apparecchiatura deve essere sempre aggiornata e in ordine, quando si affitta un immobile. Il lato positivo è la biancheria da letto e asciugamani vengono forniti, c'è un bar con ogni sorta di digestivo a disposizione e un bel barbecue in pietra. Anna è una hostess molto bella con le domande è sempre disponibile. Ci siamo sentiti molto confortevole in questa grande casa, i bambini hanno adorato il grande swing, c'era sempre qualcosa da scoprire per loro. La piscina è un po 'fuori, ed è condivisa da altri residenti del quartiere. L'arredamento ei mobili sono un po 'vecchio, per cui questa casa è sicuro per non cercatori di lusso la prima scelta. La vista sul Lago Maggiore è stupefacente. Siamo in grado di Anna come hostess, e raccomandare loro alloggio! La casa è bella, l'interno è in stile retrò, molto pulito, bello Ye Hao. Villa Anna è fantastico per qualsiasi grande gruppo. Abbiamo avuto qualche difficoltà a trovarlo durante la notte, ma quando abbiamo fatto, Domenico ci ha mostrato il posto ed era molto disponibile durante tutto il soggiorno. La villa è molto più spaziosa di quanto mi aspettassi e la vista è fantastica. Anche se la piscina è una piccola passeggiata lungo il sentiero, abbiamo ancora fatto buon uso di esso. Consiglierei a chiunque di soggiornare in questa villa. Ho avuto un grande momento nella casa di Anna. La casa è grande e bella. Il giardino e la vista sul lago rendono le condizioni ideali per una vacanza rilassante lontano. Tutto è andato molto bene, vi consiglio la gente di affittare la casa di Anna.
2017-09-19T12:36:22Z
https://www.airbnb.it/s/Tegna--Svizzera?type=villa
C'è sempre meno ghiaccio nell'Artico. Il 2017 ha infatti fatto registrare l'ennesimo record in negativo: lo scorso marzo, quando la superficie di ghiaccio invernale dovrebbe essere al suo massimo, si è toccato invece il minimo storico, mai osservato da quando vengono eseguite le misurazioni (1979). Se nel 1985 il ghiaccio più vecchio di quattro anni costituiva il 16 per cento del pack, a marzo 2017 era solo lo 0,9 per cento. Oggi il 79 per cento del ghiaccio è quello più giovane, ovvero ghiaccio che si forma nel giro di una stagione. Cosa significa tutto ciò? Significa che in 30 anni abbiamo perso una superficie grande quasi quattro volte l'Italia. La superficie ghiacciata a marzo è stata inferiore dell'8 per cento rispetto alla media 1981-2010, ferma quindi a 14,42 milioni di chilometri quadrati. I dati provengono dall'ultimo rapporto Arctic report card, pubblicazione annuale a firma della Noaa, l'amministrazione americana per gli oceani e l'atmosfera, che racchiude il lavoro e le pubblicazioni scientifiche di 85 ricercatori, provenienti da dodici Paesi diversi. “L'Artico non dà alcun segno di poter tornare ad essere la regione ghiacciata di qualche decennio fa”, scrive la Noaa in una nota stampa. “Le temperature in questa regione continuano ad aumentare ad una velocità doppia rispetto all'aumento della temperatura globale”. Una “nuova normalità”, la definiscono i ricercatori. Infatti secondo gli studi paleoclimatici (Kinnard et al., 2011), l'attuale tasso di declino dei ghiacci marini e di aumento delle temperature osservati, sono più alti che in qualsiasi altro momento negli ultimi 1.500 anni. E ciò va di pari passo all'aumento della concentrazione di CO2 (anidride carbonica) nell'atmosfera e di un conseguente aumento delle temperature medie globali. Aumenti che combaciano con l'inizio della prima rivoluzione industriale. Il 2017 è stato inoltre il secondo anno in cui si è registrato un valore di temperatura dell'aria più alta della media: +1,6 gradi rispetto al periodo che va dal 1981 al 2010. Anche le acque superficiali sono più calde: nel Mare di Barents e nel mare dei Ciukci le temperature ad agosto 2017 erano più alte rispetto alla media di ben 4 gradi. Una minore copertura nevosa va ad innescare un processo di feedback (retroazione) che concorre ad accrescere le temperature in maniera più decisa. Questo perché il ghiaccio permette di riflettere parte dei raggi solari e quindi ridurre la quantità di energia che arriva sulla superficie terrestre. Più sole e più caldo significa quindi una crescita del fitoplancton e delle piante marine nei mari artici, tendenza registrata anche nella tundra, con un progressivo scioglimento del permafrost. Alberi e arbusti più grandi, che vanno ad occupare quelli che erano pascoli e tundra. Il corposo rapporto fa il paio con le ultime conferme rilasciate da Nasa e Noaa: anche senza l'effetto del El Nino, il 2017 è stato il secondo anno più caldo mai registrato. “Le temperature di tutto il pianeta nel loro insieme continuano la rapida tendenza al riscaldamento che abbiamo visto negli ultimi 40 anni”, ha dichiarato il direttore del Giss (Goddard institute for space studies) Gavin Schmidt. “La temperatura media della superficie del pianeta è aumentata di poco più di 1° Celsius nell'ultimo secolo, un cambiamento guidato in gran parte dall'aumento di anidride carbonica e delle altre emissioni rilasciate dall'uomo in atmosfera”.
2018-04-19T15:26:04Z
https://www.lifegate.it/persone/news/ghiaccio-artico-scioglimento-nasa
Privacy 196/2003 Informativa sulla Privacy: Oggetto: Informativa sul trattamento dei Suoi dati personali, ai sensi dell'articolo 13 del Dlgs 196/2003, recante il codice in materia di protezione dei dati personali, e richiesta del Suo consenso al trattamento di taluni dati. 1. Il Dlgs 196/2003 ha introdotto il codice in materia di protezione dei dati personali. In ottemperanza a quanto previsto da tale codice, il trattamento dei dati personali da parte della nostra organizzazione è improntato ai principi di correttezza, liceità e trasparenza e di tutela della riservatezza e dei diritti dei soggetti cui i dati si riferiscono. 2. In tale ambito, Le forniamo l'informativa prevista dall'articolo 13 Dlgs 196/2003 e Le chiediamo di esprimere il suo consenso per il trattamento dei dati personali in seguito specificati per le seguenti finalità: a. gestire la sua richiesta di informazioni e/o prenotazione al fine di fornirle le indicazioni a riguardo 3. Il conferimento dei Suoi dati è obbligatorio per il conseguimento delle finalità di cui sopra; il loro mancato, parziale o inesatto conferimento potrebbe avere come conseguenza l'impossibilità di fornirLe i servizi richiesti. 4. Nel caso in cui abbia espresso il consenso e fino alla revoca dello stesso, i Suoi dati personali forniti saranno altresè trattati per le seguenti ulteriori finalità: a. elaborare studi e ricerche statistiche e di mercato; b. inviare tramite posta, posta elettronica e/o canali telefonici, materiale pubblicitario, informativo e informazioni commerciali; c. compiere attività dirette ed indirette di vendita e di collocamento; d. effettuare comunicazioni commerciali interattive; e. effettuare rilevazioni del grado di soddisfazione della clientela sulla qualità dei servizi forniti (anche attraverso soggetti terzi). Lei potrà revocare il consenso fornito per tali finalità in qualsiasi momento contattando il responsabile indicato al punto 10. Il consenso per i trattamenti e le finalità di cui al presente punto 4 non è obbligatorio; a seguito di un eventuale diniego i Suoi dati saranno trattati per le sole finalità indicate al precedente punto 2. 5. In qualità di clienti o potenziali clienti, i dati oggetto di trattamento sono generalmente di natura comune, poichè consistono essenzialmente in elementi di identificazione personale. Nel caso in cui Lei dovesse indicare nei campi che non prevedono una specifica indicazione dati che, ai sensi dell'articolo 4 lettera d) Dlgs 196/2003, sono di natura sensibile ed in quanto tali meritevoli di tutele particolari, La informiamo che tali dati saranno da noi trattati nei limiti previsti dal codice della Privacy. Ricordiamo che in generale, l'articolo 4 lettera d) Dlgs 196/2003 definisce come "dati sensibili" i dati personali "idonei a rivelare l'origine razziale ed etnica, le convinzioni religiose, filosofiche o di altro genere, le opinioni politiche, l'adesione a partiti, sindacati, associazioni od organizzazioni a carattere religioso, filosofico, politico o sindacale, nonchè i dati personali idonei a rivelare lo stato di salute e la vita sessuale". 6. Il trattamento di dati raccolti sarà effettuato mediante strumenti cartacei e/o elettronici e comunque in conformità alle disposizioni normative vigenti in materia. 7. Precisiamo che la nostra organizzazione pone in atto le necessarie misure di carattere organizzativo, fisico e logico, atte a garantire la sicurezza dei dati, con particolare riferimento a quanto previsto dall'allegato B del Dpr 196/2003 Disciplinare tecnico in materia di misure minime di sicurezza. 8. Oltre che dai dipendenti della Società, alcuni trattamenti dei Suoi dati personali potranno essere effettuati anche da soggetti terzi, con sede in Italia e/o all'estero, ai quali la nostra organizzazione affida talune attività (o parte di esse) funzionali alla fornitura dei servizi sopra citati. In tal caso gli stessi soggetti opereranno in qualità di Titolari autonomi o saranno designati come Responsabili o Incaricati del trattamento. I Responsabili e gli Incaricati eventualmente designati riceveranno adeguate istruzioni operative, con particolare riferimento all'adozione delle misure minime di sicurezza, al fine di poter garantire la riservatezza e la sicurezza dei dati. I soggetti terzi sopra citati sono essenzialmente ricompresi nelle seguenti categorie: Società di recupero credito, Società che elaborano dati di traffico per la fatturazione, Società incaricate per la stampa e la spedizione delle fatture ai clienti, Società di Consulenza, Società cessionarie dei crediti, Agenti e Procacciatori, Franchisee, Fornitori di servizi tecnologici, Content Provider. 9. Riportiamo di seguito l'estratto dell'articolo 7 Dlgs 196/2003, per ricordarLe che puó esercitare nei nostri confronti i seguenti diritti: a. ottenere la conferma dell'esistenza di dati personali che La riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile b. ottenere l'indicazione dell'origine dei dati personali, nonchè delle finalità e delle modalità del trattamento c. ottenere l'indicazione della logica applicata nei trattamenti effettuati con l'ausilio di strumenti elettronici d. ottenere l'indicazione degli estremi identificativi del titolare e dei responsabili e. ottenere l'indicazione dei soggetti o delle categorie di soggetti ai quali i dati personali possono essere comunicati o che possono venirne a conoscenza in qualità di rappresentante designato nel territorio dello Stato, di responsabili o incaricati f. ottenere l'aggiornamento, la rettificazione ovvero, quando vi ha interesse, l'integrazione dei dati g. ottenere la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge h. ottenere la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati di cui non è necessaria la conservazione, in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati i. ottenere l'attestazione che l'aggiornamento, la rettificazione, l'integrazione, la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco sono stati portati a conoscenza, anche per quanto riguarda il contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, tranne che nei casi in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato j. opporsi, in tutto o in parte, per motivi legittimi, al trattamento dei dati personali che La riguardano, ancorchè pertinenti allo scopo della raccolta k. opporsi, in tutto o in parte, al trattamento di dati personali che La riguardano a fini di invio di materiale pubblicitario o di vendita diretta o per il compimento di ricerche di mercato o di comunicazione commerciale. 10. Per esercitare tali diritti puó rivolgersi al titolare del trattamento. Il responsabile del trattamento medesimo è il Sig. Solemare Accommodations, domiciliato presso Via Iglesias, 1 07041 Alghero (SS). Cookie Cos’è un cookie? Un cookie è un piccolo frammento di dati che un sito web deposita nel browser del tuo computer o del tuo dispositivo mobile. Perché si utilizzano i cookie? Le pagine web non hanno memoria. Se navighi da una pagina all'altra all'interno di un sito web, non sarai riconosciuto come lo stesso utente in ciascuna delle pagine. I cookie ti consentono di essere riconosciuto dal sito web come utente unico. I cookie permettono anche di memorizzare le tue scelte, per esempio la lingua che preferisci, la valuta che hai impostato e i criteri di ricerca. I cookie ti consentono anche di essere riconosciuto alla tua visita successiva. I cookie sono tutti uguali? No, esistono vari tipi di cookie e diversi modi di utilizzarli. I cookie si distinguono in base alla funzione svolta, alla loro durata e a chi li ha inseriti in un sito web. Come vengono utilizzati i cookie? Il nostro sito utilizza i seguenti tipi di cookie: • Cookie tecnici: Vogliamo offrire ai nostri visitatori un sito all’avanguardia e di facile utilizzo. Per fare in modo che questo accada, utilizziamo i cookie tecnici per consentirti di visualizzare il nostro sito web e di farlo funzionare correttamente. I cookie tecnici sono indispensabili per il corretto funzionamento del nostro sito. • Cookie funzionali: Utilizziamo i cookie funzionali per ricordare le tue preferenze e per aiutarti a usare il nostro sito web in modo efficace ed efficiente, per esempio memorizzando le pagine e le eventuali offerte che hai visualizzato in precedenza. I cookie funzionali non sono indispensabili per il funzionamento del sito web, ma aggiungono funzionalità e migliorano la tua esperienza complessiva, permettendoti ad esempio di usufruire delle migliori offerte. • Cookie analitici: Utilizziamo i cookie analitici per capire meglio come i nostri visitatori usano il sito web, per capire cosa funziona o cosa no, per ottimizzare e migliorare il sito e per assicurarci che il sito sia sempre interessante e rilevante. I dati che ricaviamo includono le pagine web visitate, le pagine di uscita e di ingresso, il tipo di piattaforma, informazioni su data e ora e dati come il numero di click su una determinata pagina, le parole cercate e i testi inseriti durante l'utilizzo del sito. Anche i nostri partner commerciali potrebbero utilizzare cookie analitici per sapere se i loro utenti fanno uso delle offerte integrate nei loro siti. Per quanto tempo restano attivi i cookie? I cookie impostati direttamente dal nostro sito hanno una durata di 3 settimane. In qualsiasi momento puoi cancellare tutti i cookie dal browser. Per rimuovere i cookie dal tuo browser, segui le istruzioni riportate a questo indirizzo https://support.google.com/accounts/answer/32050?hl=it Come puoi riconoscere i nostri cookie ? Puoi trovare i nostri cookie tra le impostazioni del tuo browser. Sono inclusi i cookie analitici e di marketing di terze parti? Sì, il nostro sito incorpora diversi cookie di terze parti rilasciati da widget che sono inclusi nel sito. Questi cookie vengono utilizzati a fini statistici e permettono una migliore esperienza ed integrazione con questi servizi terzi (Google Analytics, TripAdvisor, i principali social networks, etc…). In particolare, per tenere sotto controllo la raccolta di dati ai fini di analisi effettuata da Google Analytics, visita la pagina del Componente aggiuntivo del browser per la disattivazione di Google Analytics. Come puoi modificare le preferenze relative ai cookie? Dalle impostazioni del tuo browser (per esempio Internet Explorer, Safari, Firefox o Chrome) potrai stabilire quali sono i cookie che desideri ricevere e quali no. Per sapere dove puoi trovare queste impostazioni, che possono variare a seconda del browser utilizzato, usa la funzione “Help” o Aiuto” del tuo browser. Se decidi di non accettare determinati cookie, potresti non essere in grado di utilizzare correttamente alcune funzioni del nostro sito. In ogni caso, la funzione “Do Not Track” offerta da alcuni browser (denominata “Non tenere traccia”, “Non effettuare alcun tracciamento” o altro a seconda del tipo di browser) potrebbe non funzionare sul nostro sito.
2018-03-18T19:12:22Z
http://www.algherosolemare.com/it/contatti/contatti-e-prenotazioni.html
‘‘Non avete sbagliato, lì erano felici! ’’. Queste le parole di Francesca, collega e amica delle sette ragazze italiane tragicamente scomparse nell’incidente in Catalogna, dirette ai genitori delle vittime attraverso i social network. La storia la conosciamo tutti. Viaggiare si sa, comporta dei rischi: essere derubati, perdersi per ore… Insomma, delle vere e proprie odissee. Sono proprio queste difficoltà a far sì che quella generazione tanto criticata e bacchettata sia capace di barcamenarsi nelle situazioni più complicate. La cosiddetta generazione Erasmus non è composta, come molti sostengono, da sfaticati e vagabondi, ma da ragazzi con una incessante voglia di confrontarsi con se stessi, impassibili di fronte agli ostacoli incontrati sul percorso verso la propria autonomia. Certo, nessuno si aspetterebbe di non tornare, ma ciò non deve essere da freno per chi voglia addentrarsi nell’esperienza Erasmus, e tantomeno per un genitore che crede, erroneamente, di far crescere meglio il proprio figlio mantenendolo costantemente sotto la propria egida. Nessun avvenimento negativo toglierà ai ragazzi la gioia di aver condiviso per mesi momenti insostituibili di aggregazione con persone di nazionalità di tutto il mondo. Ora il rischio di veder diminuire le adesioni al progetto Erasmus è forte, ma non bisogna lasciarsi fuorviare da sporadici e sciagurati avvenimenti. Ragazzi, fate all-in! Andate in Erasmus! Articolo precedente Bruxelles sotto attacco, kamikaze e bombe Isis all'aeroporto e in metro, 34 morti. Allerta in Europa e a Parigi Prossimo articolo Referendum 17 aprile 2016: SI o NO alle trivelle?
2018-01-24T01:55:30Z
http://www.noiverso.it/mamma-non-aver-paura-di-mandarmi-in-erasmus/
Ti ricordi quell’estate? Tutto era perfetto. Questo è il tema della nuova hit di Regi “Summer Life”. Una traccia nostalgica, che parla dei momenti di vita trascorsi durante l’estate. Finisce in solitudine, ma in compagnia di dolci e felici ricordi, fatti di esperienze divertenti, eccitanti e di nuovi amori. Dopo la straordinaria hit dello scorso anno “Ellie”, che conta oltre 12 milioni di streams su Spotify, Regi collabora nuovamente con Jake Reese, in duetto con la bellissima star emergente OT. Il video musicale vede come protagonista Maarten, un ragazzo affetto da sindrome di Down, che se la spassa con il suo migliore amico Regi. Commovente fino alla fine di questa breve storia. “Summer Life” è al 100% divertente, sorprendente e accattivante, ma soprattutto viene direttamente dal cuore.
2020-07-03T23:28:39Z
https://www.j-e.com/prodotto/regi-summer-life-feat-jake-reese-ot/
“E’ arrivato il momento di dire basta alle sofferenze del mondo agricolo. Il presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano e quello della città metropolitana, Antonio Decaro, non restino inermi. Gli agricoltori sono stanchi, hanno già patito abbastanza ed il loro grido di dolore è sempre rimasto inascoltato. Si faccia qualcosa per alleviare i danni determinati dalle piogge torrenziali e grandinate che hanno devastato le campagne della Murgia e del sud-est barese. Gli agricoltori lamentano danni a vigneti sia di uva da vino che da tavola, ciliegeti, alla produzione cerealicola, vivaistica, all’olivicoltura, alle leguminose ed ai frutteti in genere. Una delle aree più colpite è l’asse Sammichele-Gioia”. È il commento dell’on. Nunzio Angiola (M5S), componente della Commissione Speciale per l’esame di atti del Governo, a seguito dei gravi danni arrecati dalle calamità atmosferiche alle produzioni agricole in provincia di Bari. I danni infatti si registrano alle campagne di Acquaviva, Adelfia, Altamura, Santeramo, Cassano, Sammichele, Bitritto, Palo e Gioia del Colle. “Non serve dichiarare lo stato di crisi, è importante che la città metropolitana richieda lo stato di emergenza dei territori”, prosegue l’on. Angiola: “gli strumenti ci sono, a cominciare dalla legge regionale del 22 dicembre 2017 n. 66 che riconosce alle organizzazioni di produttori agricoli per effetto dei danni arrecati da avversità atmosferiche e/o calamità naturali un prestito quinquennale a tasso agevolato per il ripianamento degli oneri passivi conseguenti a ratei di mutui e prestiti scadenti nell’annata in cui si è verificato l’evento avverso”. Aggiunge: “penserei ad un sostegno ancor più incisivo data la gravità dei danni patiti dai nostri agricoltori”. “Ai nostri prodotti agricoli spesso non viene riconosciuto il giusto prezzo sui mercati, se si aggiungono le avversità atmosferiche si rischia il crollo di un intero settore. I danni sono davvero ingenti anche se non si possono quantificare al momento visto che in molti terreni non si può nemmeno entrare perché invasi dall’acqua. L’evento calamitoso rischia di produrre un’ulteriore piaga nelle attività economiche del settore che già soffre l’annosa questione legata alla concorrenza a volte sleale di prodotti importati da Paesi extraeuropei sul mercato italiano, ad esempio il grano per non parlare del latte venduto a 33 centesimi al litro”.
2018-09-18T14:00:59Z
http://www.gioianews.it/maltempo-danni-allagricoltura-lon-angiola-del-m5s-difende-settore/
"Armonie di Spezie e Infusi" Terzo ed ultimo atto per questa festa all’insegna della buona tavola e del divertimento. Dopo i Comuni di Polesine Parmense e Zibello, è la volta di Roccabianca, alla quale spetterà di chiudere in bellezza questa kermesse. I festeggiamenti e le degustazioni cominceranno alle ore 12.00 del sabato con l’apertura della terza edizione della mostra mercato “Armonia di Spezie e Infusi” e con l’esibizione del corpo bandistico della Società Musicale Estudiantina. In serata nelle cucine della festa abili cuoche prepareranno succulente pietanze tipiche, insieme ai gustosi panini ed alla birra del McPorc, da gustare all’interno dell’accogliente stand gastronomico fino a tarda serata. Non mancherà l’evento giovane, che garantirà musica ed esibizioni live con i deejay di Radio Malvisi Network in diretta dalle 20:30, e l’affermato gruppo locale Me Pek e Barba, che allieteranno gli ospiti fino al mattino.Al sabato pomeriggio non mancherà l’evento sportivo con il campionato nazionale di corsa su strada November Porc Hot Feet. Alle 9:00 della domenica riaprirà il mercato, collocato nella suggestiva P.za Garibaldi, dove ci si divertirà con gag e esibizioni di artisti di strada, burattini ed orchestrine.In mattinata riaprirà lo stand gastronomico per deliziare i palati di tutti i presenti e nel pomeriggio saranno offerti gratuitamente due dei prodotti più classici della norcineria della Bassa “I Ciccioli” e la gigantesca cicciolata realizzata il sabato, accompagnata da una bella fetta di polenta calda!Per tutta la giornata sarà possibile ammirare le opere d’arte dei bravissimi madonnari con i loro lavori dedicati alla nostra terra. E anche quest’anno non mancheranno le belle bancarelle del mercatino natalizio “Aria di Natale” giunto alla ottava edizione.A garantire la perfetta riuscita della manifestazione sarà (come per Polesine Parmense e Zibello) anche il servizio bus navetta dalla stazione ferroviaria di Parma e il collegamento fluviale tramite la motonave “Rigoletto” con i porti di Cremona e Motta Baluffi per i porti di Polesine P.se e Torricella.
2017-10-19T10:37:20Z
http://rossolimone.blogspot.com/2007/11/november-porcultimo-atto.html
Fargo è una città degli Stati Uniti, capoluogo della contea di Cass, nella parte più orientale del Dakota del Nord. La popolazione era di 90.599 abitanti nel censimento del 2000, che ne fa la più grande città nel Dakota del Nord. Il motto della città è "Cancello del West". Fargo è stata fondata nel 1871. Secondo i rilevamenti dell'United States Census Bureau, la località di Fargo si estende su una superficie di 98,3 km², tutti occupati da terre. È situata nella regione della Red River Valley. Con West Fargo, nel Dakota del Nord e Moorhead, Minnesota, forma il centro dell'area metropolitana di Fargo-Moorhead. L'area metropolitana ha una popolazione di circa 180.000 abitanti e comprende una grande zona fisica della contea di Cass nel sud-est del Dakota del Nord e la Contea di Clay del Minnesota nordoccidentale. Secondo il censimento del 2000, a Fargo vivevano 90.599 persone, ed erano presenti 20.274 gruppi familiari. La densità di popolazione era di 782 ab./km². Nel territorio comunale si trovavano 41.200 unità edificate. Per quanto riguarda la composizione etnica degli abitanti, il 94,17% era bianco, l'1,02% era afroamericano, l'1,24% era nativo, l'1,69% proveniva dall' Asia e lo 0,04% proveniva dall'Oceano Pacifico. Lo 0,44% della popolazione apparteneva ad altre razze e l'1,45% a due o più. La popolazione di ogni razza ispanica corrispondeva all'1,29% degli abitanti. Le sei principali ascendenze degli abitanti sono: tedeschi (40,6%), norvegesi (35,8%), irlandesi (8,6%), svedesi (6,5%), inglesi (5,2%) e francesi (4,7%). Per quanto riguarda la suddivisione della popolazione in fasce d'età, il 21,1% era al di sotto dei 18, il 19,2% fra i 18 e i 24, il 31,1% fra i 25 e i 44, il 18,5% fra i 45 e i 64, mentre infine il 10,1% era al di sopra dei 65 anni di età. L'età media della popolazione era di 30 anni. Per ogni 100 donne residenti vivevano 100,0 maschi. La città di Fargo è un crocevia e un centro economico di riferimento per grande parte del Dakota del Nord orientale e di parte del Minnesota occidentale. Fargo è un fulcro per il commercio al dettaglio, l'industria manifatturiera, per le risorse sanitarie e per l'istruzione della regione. Fargo è sede della North Dakota State University. Il quotidiano locale è il The Forum of Fargo-Moorhead. La città di Fargo ha dato il nome al celebre film omonimo del 1996 dei fratelli Coen, premiato agli Oscar e al Festival di Cannes. Nonostante il titolo, il film è ambientato prevalentemente a Minneapolis e in genere nel Minnesota, e nessuna delle scene è stata girata effettivamente a Fargo. La città ha il curioso primato di possedere l'antenna televisiva più alta al mondo, raggiunge i 629 metri. Questa pagina è stata modificata per l'ultima volta il 24 feb 2013 alle 16:13.
2013-05-22T22:28:07Z
http://it.wikipedia.org/wiki/Fargo_(North_Dakota)
anche il giorno dato in piu è scaduto.. aspettiamo notizie sul quando iniziare.. si sa qualcosa per l'inizio del torneo??? Domattina troverete online i thread di accordo. abbiamo visto i gironi.. ma sono ancora vuoti. cosa dobbiamo fare, le squadre le suddividete voi o ci dobbiamo pensare noi? se si come? dove si vedono i gironi??? 4 gironi,4 squadre del mio clan iscritte,tutte e 4 nello stesso girone,se volevamo fare un torneo interno non ci saremmo iscritti al tribe,vorrei spiegazioni in merito a questa decisione,sono anni che faccio tornei e non ho mai visto una cosa del genere. l'assegnazione delle squadre ai gironi è fatta random , e nessuna variazione viene fatta alla scelta iniziale. è una casualità forte ma pur sempre una casualità, mi spiace ma non si può cambiare nulla. Guarda sinceramente con tutto il rispetto ma se mi avessi detto abbiamo deciso così per non rischiare delle semifinali con squadre dello stesso clan sarebe stato meglio,venirmi a dire che la casualità ha messo 4 squadre dello stesso clan nello stesso girone è una presa in giro. come detto da NinoTheDon, gli accoppiamenti sono stati fatti servendoci di un sito per la generazione random. Purtroppo sono capitati in questo modo. guarda che non son qui a prendere in giro nessuno, lavoriamo per voi e per darvi i tornei che volete. se il caso ha scelto così non ci posso fare nulla, tutto è sempre fatto Random, se non ci credi mi spiace ma non è affar mio. non ho detto che non ci credo,ho detto che mi sembra una presa in giro tutto quì, sto tenendo toni bassi perchè sto parlando civilmente, ma permetti che il mio pensiero è questo,quello che non mi spiego è che anche i lethal gun che hanno 2 squadre sono nello stesso girone. cmq da Game leader del clan wAw io dò la mia disponibilità a giocare e credoc he alla fine anche i miei giocatori faranno lo stesso. Auguro un buon torneo a tutti. giusto per spiegazione ti dico anche che il sito è Random.org, forse il sito di generazione di numeri random più usato da chiunque. assegniamo 1 numero ad ogni squadra e reimpostiamo l'ordine a seconda della sequenza generata. comunque sono contento che tu abbia confermato la partecipazione della tua squadra, spero anche le altre si rendano conto che non si è fatto apposta a farvi capitare nello stesso girone (anche perchè facendole a mano sarei stato almeno furbo da mettere 3 squadre su 4, non tutte XD ).
2020-08-09T15:04:28Z
https://forum.console-tribe.com/threads/thread-di-supporto-torneo-modern-warfare-2-4-vs-4-ps3.262804/page-3
E' mancato il tradizionale saluto finale: W la Repubblica, W l'Italia!! Per il resto, un messaggio retorico privo della minima analisi autocritica come dire: mi avete chiamato a sostenere una situazione di emergenza e ho fatto del mio meglio. Eppure ci sono alcune date che non consentono diversivi o facili dimenticanze. Napolitano è rieletto il 20 aprile del 2013 per la seconda volta, primo caso nella storia repubblicana, all'indomani delle elezioni politiche del 2013 che non avevano permesso la formazione di una maggioranza politica. Al primo strappo, un autentico "golpe blanco", è quello del novembre 2011 con la messa in crisi dell'unico legittimo governo Berlusconi e la sua sostituzione con quello dell'appena nominato senatore a vita Mario Monti, fa seguito il secondo, il 28 aprile del 2013, otto giorni esatti dopo la sua rielezione a Capo dello Stato, con la formazione del governo di Enrico Letta. Trattasi, appunto, del secondo strappo in attesa della sentenza della Corte costituzionale chiamata a pronunciarsi sulla legittimità costituzionale del "porcellum" . 3) l'illegittimità costituzionale degli artt. 4, comma 2, e 59 del d.P.R. n. 361 del 1957, nonché dell'art. 14, comma 1, del d.lgs. n. 533 del 1993, nella parte in cui non consentono all'elettore di esprimere una preferenza per i candidati. Era questo il momento in cui il Capo dello Stato aveva il dovere costituzionale di prendere atto che ci si trovava, come di fatto ci si trova tuttora, nell'anomala condizione di un parlamento espressione di "nominati" eletti secondo procedure elettorali illegittime, dunque, nulle e in presenza di organi palesemente impediti a esercitare una corretta e legittima funzione di rappresentanza della sovranità popolare. La strada maestra che si sarebbe dovuto imboccare era e rimane quella di andare al voto secondo le uniche regole possibili, quelle del consultellum che derivava da quella sentenza, e ridare agli elettori la possibilità di esprimere correttamente la loro volontà. Si è preferito, invece, dar corso al colpo dei leopoldini, interno alle vicende del PD e di affidare per la terza volta a un esterno non eletto la guida del governo. Non abbiamo mancato di denunciare tutto ciò come un grave errore politico, che ci ha consegnato ai fasti e ai nefasti del patto scellerato del Nazareno cui ha fatto indiretto riferimento Napolitano nel suo discorso di ieri sera annunciando con tono sicuro che ora spetta al Parlamento procedere all'elezione del nuovo presidente. No signor Presidente non ci siamo; continuare così significherebbe perpetuare una situazione di illegittimità, tanto più grave nel momento in cui si cerca di far passare un combinato disposto, nuovo senato-legge elettorale dell'Italicum, che rappresenta un'autentica legge super truffa che i suoi antichi compagni di partito, da Togliatti a Longo a Terracini, coloro che bollarono come legge truffa quella di De Gasperi, (premio di maggioranza alla coalizione che avesse ottenuto il 50% più uno dei voti), non oserebbero connotarla diversamente da come l'abbiamo qualificata. Meglio sarebbe se l'ultimo atto di Napolitano fosse quello di far votare gli italiani con il consultellum e di eleggere contemporaneamente un'assemblea costituente per le riforme istituzionali. Invece assisteremo agli ennesimi ludi presidenziali di febbraio e al permanere di un circolo Pickwick di dilettanti allo sbaraglio sotto la regia de " il Bomba " fiorentino, alla guida di un Paese sempre più allo sbando, privo di un 'autorevole guida espressione reale della volontà popolare. Continuare sulla strada degli strappi vorrebbe dire perpetuare l'anomalia di una situazione destinata prima o poi a esplodere.
2020-08-05T07:12:40Z
http://www.insiemeweb.net/?post_id=3872
Domani pomeriggio, dalle 16 alle 20, gli alunni della Veneziano tenteranno di sottrarre all’oblio quel piccolo scrigno di arte e storia che è la chiesa della Madonna dell’Orto, fagocitata dalle case del quartiere Bavera. I giovani “ciceroni” faranno riscoprire le leggende legate alla sua fondazione monastica per arrivare agli stucchi e ai preziosi quadri, poi trafugati, fino alla “Dormitio Virginis”, la statua della Madonna Assunta, restaurata di recente, cui è dedicata la chiesa. I visitatori potranno degustare le torte fresche e i prodotti artigianali preparati dalle mamme dei bambini coinvolti nel progetto. I dolci saranno accompagnati dai prodotti caseari caprini forniti dall’azienda casearia delle Scale. Seguiranno un concerto dell’ensamble Barocco Mediterraneo, e uno al pianoforte di Sara e Chiara Grimaudo. Un altro gruppo di alunni sarà impegnato nella chiesa di San Castrense; seguirà il concerto del coro polifonico “Cantate omnes”. Gli allievi della Veneziano proseguiranno l’attività, domenica pomeriggio, presso la chiesa degli Agonizzanti. “L’idea – ha spiegato la docente Lo Piccolo - di elaborare un percorso sul barocco, nell’ambito di una manifestazione che ha lo scopo di valorizzare le potenzialità del territorio, è nata dall’intenzione di promuovere itinerari turistici non convenzionali, cioè non legati in modo esclusivo al duomo, che facciano apprezzare ai turisti, ma non solo, le tante bellezze che la città possiede, a rischio dimenticanza e incuria”.
2018-10-16T19:34:04Z
https://www.monrealenews.it/scuola/istruzione/21880-la-riscoperta-del-barocco-tra-le-iniziative-collaterali-alla-%EF%BF%BD%EF%BF%BD%EF%BF%BDfesta-ru-pani-ri-murriali%EF%BF%BD%EF%BF%BD%EF%BF%BD.html
Concluso presso la base aerea di Amendola il primo corso di abilitazione interamente svolto in Italia per piloti e sensor operator su velivoli a pilotaggio remoto Predator. L'Aeronautica Militare, grazie alla recente acquisizione del simulatore MQ-1 presso il 28° Gruppo del 32° Stormo, diventa così la prima forza aerea europea a svolgere in house tutta la fase addestrativa di abilitazione su assetti APR di classe strategica. Questa capacità va ad affiancare i corsi di addestramento basico, propedeutici al conseguimento di titoli e qualifiche relativi al pilotaggio di sistemi APR di classe "Tattici", "Leggeri" e "Mini e Micro" o per l'impiego dei loro sensori, svolti dall'Aeronautica Militare attraverso il Centro di Eccellenza per Aeromobili a Pilotaggio Remoto, anche a favore delle altre Forze Armate e di altri Dipartimenti e Corpi Armati dello Stato. Il nuovo sistema di simulazione permette di svolgere per intero le diverse fasi dell'iter addestrativo, da quella di "Launch and Recovery", ovvero relativa alla gestione del velivolo durante le operazioni a terra, di decollo e di atterraggio, a quella di "Mission Control", fase puramente tattica che consente il raggiungimento dell'area di operazioni per la raccolta delle informazioni sull'obiettivo assegnato, nonché tutta la parte addestrativa riguardante la gestione e la risoluzione delle emergenze in volo e a terra. La nuova piattaforma addestrativa in dotazione al Reparto pugliese va ad integrare quelle già utilizzate dal Centro di Eccellenza per Aeromobili a Pilotaggio Remoto e costituite dall' "UAS (Unmanned Aerial Systems) Battle Lab", un cluster di simulatori rappresentativi di diversi sistemi APR delle classi Mini, Tattici e MALE (Medium Altitude Long Endurance) che consente l'impiego congiunto delle tre piattaforme in scenari virtuali complessi, e dal più recente simulatore APR di missioni strategiche acquisito all'inizio del 2018 nell'ambito di un programma addestrativo multinazionale dell'Agenzia Europea per la Difesa (EDA) denominato "Interoperable MALE RPAS ISR Training" (IMRIT). Italia e Francia sono al momento gli unici Paesi europei ad avere già in servizio questo sistema di simulazione avanzato, di cui progressivamente verranno dotati anche i Centri di Eccellenza e le Scuole APR militari di Germania, Grecia, Olanda, Polonia, Spagna (MALE RPAS Community), Belgio e Regno Unito (European Air Group). Una "cornice addestrativa" che, una volta ultimata, andrà ulteriormente a migliorare l'interoperabilità tra gli Stati Membri, con vantaggi addestrativi e significativi risparmi di risorse. Tutte queste capacità, espresse dall'Aeronautica Militare con il 32° Stormo e il Centro di Eccellenza APR, fanno dell'aeroporto di Amendola un polo di riferimento unico nel panorama nazionale interforze per l'addestramento nel segmento Aeromobili a Pilotaggio Remoto. L'acquisizione e la progressiva integrazione nei processi addestrativi e poi operativi di questi nuovi sistemi di simulazione avanzata e la loro progressiva federazione in un unico network costituisce uno dei pilastri fondamentali della nuova era "Aeronautica 4.0", un processo di innovazione a 360° che coinvolge tutti i principali settori della Forza Armata, dal personale, alla logistica, passando appunto per l'addestramento e le operazioni. Una rete distribuita di sistemi che consentono la simulazione di tipo live, virtual e constructive generando ambienti operativi complessi e garantendo lo scambio delle informazioni per il raggiungimento di quella superiorità decisionale che costituisce il comune denominatore ed il reale valore aggiunto per il successo nelle moderne operazioni militari. Successo che deve partire necessariamente proponendo modelli addestrativi particolarmente fedeli ed integrati.
2019-05-20T01:46:52Z
http://portaledifesa.it/index~phppag,3_id,2487.html
Si avvicina la notte più culturale dell’anno: è la Notte dei Musei, quella in cui tutti i musei europei si coordinano per una grande festa, fatta di arte, iniziative, spettacoli e aperture straordinarie. Torino non fa eccezione, e sabato 18 maggio sono tantissimi i musei che proporranno, ad esempio, l’apertura notturna, dalle ore 20 alle 24, spesso addirittura con ingresso gratuito, o con biglietti scontati e perfino venduti alla cifra simbolica di un euro. Ecco quindi l’elenco delle principali iniziative organizzate a Torino per l’occasione. Il Museo delle Antichità Egizie, fiore all’occhiello dell’offerta museale torinese, rimarrà aperto per la Notte dei Musei dalle 9.00 alle 23.00. A partire dalle ore 20, per l’apertura notturna, ci sarò ingresso ridotto per tutti a € 3,50. In più, alle ore 20.30, in Aula del Tempio ci sarà l’anteprima del film “Autoritratto attraverso mio padre”, conversazioni tra Michelangelo Pistoletto, Alberto Fiz e Anna Zegna per la regia di Chiara Battistini e prodotto da Art + Vibes. Apertura straordinaria di GAM e Palazzo Madama a partire dalle 18.00 e del MAO a partire dalle 19.00 fino alle 23.00, tutti con ingresso a tariffa speciale: 1 euro le collezioni permanenti e le mostre temporanee. In occasione della Notte dei Musei, a partire dalle ore 19.00, si potrà accedere gratuitamente alle postazioni interattive del museo. Vista la ricorrenza, quest’anno, del 50° anniversario del primo sbarco dell’uomo sulla Luna, in occasione della Notte Europea dei Musei Infini.to propone lo spettacolo “La missione Apollo 10: a un passo dalla Luna“.
2019-05-25T15:56:04Z
https://www.shopinthecity.it/torino/news/notte-europea-dei-musei-tutte-le-iniziative-a-torino/
Insonnia di rimbalzo: all’interruzione del trattamento può presentarsi una sindrome transitoria in cui i sintomi che hanno condotto al trattamento con una benzodiazepina ricorrono in forma aggravata. Può essere accompagnata da altre reazioni, compresi cambiamenti d'umore, ansia, irrequietezza o disturbi del sonno. La durata del trattamento dovrebbe essere la più breve possibile (vedere "Posologìa") e non dovrebbe superare le 4 settimane compreso un periodo di sospensione graduale. L’estensione della terapia oltre tale periodo non dovrebbe avvenire senza la rivalutazione della situazione clinica. Le benzodiazepine possono indurre amnesia anterograda. Ciò accade più spesso parecchie ore dopo l'ingestione del farmaco e, quindi, per ridurre il rischio ci si dovrebbe accertare che i pazienti possano avere un sonno ininterrotto di 7-8 ore (vedere "Effettì ìndesìderatì"). Gli anziani dovrebbero assumere una dose ridotta (vedere “Posologìa”). Associazione con i deprimenti del SNC: l’effetto depressivo centrale può essere accresciuto nei casi di uso concomitante con antipsicotici (neurolettici), ipnotici, ansiolitici/sedativi, antidepressivi, analgesici narcotici, anti-epilettici, anestetici e antistaminici sedativi. Nel caso degli analgesici narcotici può avvenire aumento dell'euforia conducendo ad un aumento della dipendenza psichica. Se, per gravi motivi medici, il flurazepam è somministrato durante l’ultimo periodo di gravidanza, o durante il travaglio alle dosi elevate, possono verificarsi effetti sul neonato quali ipotermia, ipotonia e moderata depressione respiratoria, dovuti all'azione farmacologica del farmaco. Inoltre, neonati da madri che hanno assunto benzodiazepine cronicamente durante le fasi avanzate della gravidanza, possono sviluppare dipendenza fisica e possono presentare un certo rischio per sviluppare i sintomi da astinenza nel periodo post-natale. durata del sonno è stata insufficiente, la probabilità che la vigilanza sia alterata può essere aumentata (vedere "Interazìonì"). Amnesia anterograda può avvenire anche ai dosaggi terapeutici, il rischio aumenta ai dosaggi più alti. Gli effetti amnesici possono essere associati con alterazioni del comportamento (vedere "Specìalì avvertenze e precauzìonì per l’uso"). L'uso di benzodiazepine (anche alle dosi terapeutiche) può condurre allo sviluppo di dipendenza fisica: la sospensione della terapia può provocare fenomeni di rimbalzo o da astinenza (vedere "Avvertenze specìalì e precauzìonì dì ìmpìego"). Può verificarsi dipendenza psichica. E’ stato segnalato abuso di benzodiazepine. Il flurazepam è facilmente assorbito dopo somministrazione orale, con una sufficientemente rapida eliminazione dal plasma. Le ricerche effettuate con sostanza marcata con 14C in posizione 5 hanno permesso di evidenziare, sia nell'uomo che nel cane, un rapido e completo assorbimento e una rapida eliminazione dal plasma. La biotrasformazione è rapida e completa e le vie di trasformazione sono simili. Tutti i metaboliti ritrovati mostrano modificazioni nella catena N-dietilaminoetilica: metabolita principale nel cane è l'acido N- acetico, mentre nell'uomo è l'alcool analogo e cioè N-etanolo. I due metaboliti farmacologicamente attivi maggiormente presenti sono N’-desalchil-flurazepam e N’-(2- idrossietil)-flurazepam che possiedono emivita di eliminazione rispettivamente di 47-100 ore e 10-20 ore, mentre il flurazepam stesso ha una emivita di 2-3 ore, dopo somministrazione orale. Il picco di concentrazione plasmatica del flurazepam dopo singola dose è di 10-22 mg/l dopo 3 ore. L'eliminazione è notevolmente rapida e la sostanza somministrata per via venosa scompare dal plasma con una emivita da 11 a 75 minuti. Calcio fosfato dibasico, calcio fosfato tribasico, amido di mais, magnesio stearato, gelatina, titanio diossido (E 171), ferro ossido giallo (E 172), ferro ossido nero (E 172), ferro ossido rosso (E 172), eritrosina (E 127).
2015-02-27T16:45:58Z
http://www.torrinomedica.it/farmaci/schedetecniche/FELISON.asp
ed ha ceduto a Nostini la presidenza cui teneva di piu' - 激情運動 - 柳畔清風休閒社區 - Powered by Discuz! E' vero, con la sua eleganza non e' mai riuscito a superare nel fioretto Christian D' Oriola, che ha UGG outlet da villico e una moglie piena di sussiego, ed ha ceduto a Nostini la presidenza cui teneva di piu' , quella della Federscherma. Come quando ha convinto la Nasa a trasmettere sulla Terra, da una sonda su Marte,ugg outlet italia boots, il suo singolo Reach for the stars; o con la Coca-Cola ha creato Ekocycle, un progetto per produrre cuffie da musica e cappellini da baseball riciclando bottiglie di plastica e lattine d'alluminio. «A mia moglie sta benissimo,parajumpers outlet milano, poi è di Hollywood è abituata. Una storia che sopravvive a se stessa. L' unico neo per il matrimonio era che il professionista non poteva procreare, gli era stata diagnosticata un' aspermia totale. Il Gruppo Volkswagen vede calare le vendite dell11,64%, con la marca Vw a -7,35% e Audi che lascia sul UGG outlet il 21% delle targhe. Quello del governatore del Biafra è solo un caso fra tanti. La sostanza chimica è stata usata oggi dagli inquirenti sull'auto della migliore amica della vittima,ugg outlet italia, Giulia Fiori, 21 anni, che è stata iscritta nel registro degli indagati insieme al giovane convivente diciottenne, Antonio. Non mi invece piaciuto il comportamento di alcune persone, addestratori anche loro, che hanno strumentalizzato il tutto dicendo che questo programma farebbe l di abbandono agli animali. Cos mentre cominciava a bagnare la testa a Bardem, mi ha fatto l come a dire: vuoi dirgli o chiedergli qualcosa fallo ora che non pu n digitare, n stare al telefono />Cos mi sono presentata e ho cominciato a parlargli di questo nostro blog. E attacca: «Colpa del campo sovraffollato. Devo mettermi una protesi al ginocchio,moncler jacken, sono malandato, sar stato il parajumpers outlet tra l non si tirava indietrocon i marcatori che c Quando mi marcava Burgnich ce ne dicevamo di tutti i colori in friulano. Qualche giorno dopo, spalleggiata dalla Cgil, ha denunciato tre vigili e l'assessore alla Sicurezza. L'inaugurazione è per venerdì 14 giugno (dal 22 giugno anche il sabato sera, Taormina Mare- Me; 20 luglio dj set by The Cube Guys). Appoggiandosi ai tanti e sicuramente ben fatti effetti speciali, da Wolfman ci si attendeva molto di più: silenzi forti, coscienze strattonate, sentimenti tormentati. I Padri della Chiesa avvertono che «la castrazione non basta a garantire all´uomo il regno della purezza. Si affacciano su piazza del Popolo le finestre dell'appena inaugurato Hotel de Russie (via del Babuino 9, tel 06/328881) che è già il punto di ritrovo di tutte le celebrity di passaggio in città, attirate dalla beauty farm con trattamenti e moncler online di alto livello (e anche piscina, bagno turco, sauna) e da un giardino interno che è tra i più belli di Roma dove, d'estate, si mangia a lume di candela. Che nelle mani di Cneut, fiammingo anche lui, di un piccolo villaggio belga ai confini con la Francia, diventa un' altra cosa. figlio, se fosse qua, vi ringrazierebbe per tanta attenzione. Un marziano in aula con la famiglia seduta in tribunaLa moglie di Mario MontiGenova - L premier occidentale con la moglie che sembra la sorella ipnotizza il Senato per cinquanta minuti con un discorso ricco di appelli al sacrificio e una sola locuzione vagamente minacciosa, ripetuta per ben tre volte: review A occhio, il professore-premier che s prudentemente tenuto l del Tesoro, non si fida tanto di quel che trover nelle casse dello Stato. Il capo delle "Tigri Rosse" morirà tuttavia per mano di un suo seguace, che si darà a sua volta la morte, per non dover rivelare i segreti della setta. I corsi di cucina d'autore dello chef del ristorante D'O hanno un costo di 130 euro a lezione. Preti che non oltrepassano il sagrato e i missionari dentro posti da romanzo di Salgari. Qual e' il compito piu' difficile del sindaco di Milano? Nargis, con lo stesso nome della famosa attrice indiana degli anni Cinquanta Fatima Rashid o del ciclone che nel 2008 devastò la Birmania, è nata alle 7,20 ora locale da una madre di 23 anni e un padre di 25 nel piccolo villaggio di Mall. Ravin suggerisce anche un secondo donatore: il numero 160. Basti pensare che la quantità di colesterolo contenuto in un solo uovo al giorno può accorciare la vita di una donna quanto il fumo di 5 sigarette al giorno per 15 anni, mentre l'aspettativa di vita di una donna che consuma giornalmente la quantità di fibra contenuta in una tazza di farina d'avena è pari a quella di una donna che fa 4 ore di jogging alla settimana. Il Paese dei possessori di cellulareNew york La Cina la moncler online di gran lunga pi popolosa della Terra: vero o falso? Subito dopo la separazione, Donna incontrò il primo fidanzato dei tempi del college,moncler uomo 2014, Edwin Oster. ('Segnalazioni cinematografiche', vol. Un'impresa tanto eccezionale quanto bizzarra, che risulta ancora più singolare contando che il giocatore medio di WOW passa gran parte del suo tempo a infilzare nemici, il modo più naturale e divertente di guadagnare punti per far crescere di livello il proprio UGG outletggio. sponsor Ballan cambia vitaMILANO, 21 dicembre 2008 - L invitato perfino a Davos, in Svizzera, posto più celebre per il World Economic Forum e gli impianti da sci che non per il ciclismo. Già: come prenderebbero i mercati internazionali il fallimento di una UGG outlet interamente pubblica, che oltretutto opera per un unico socio-committente, il Mipaaf? Solita sceneggiata all'italiana, adesso tutti a fare a gara al più solidale, al più sensibile, ecc ecc. Lo stesso Seif al-Islam, il prediletto tra i figli del leader della rivoluzione verde, rilascia a Panorama un'intervista shock nel gennaio 2005, al World economic forum di Davos, denunciando «l'arroganza» dei dirigenti locali dell'Eni e minacciando di togliere alla società italiana il monopolio energetico puntando su altri gruppi. La velocit di crociera di 19,6 nodi. GMT+8, 2018-3-19 07:26, Processed in 0.024288 second(s), 6 queries.
2018-03-18T23:25:08Z
http://jhett.info/redirect.php?tid=3700&goto=lastpost
Carissimi amici, l’uscita d’autunno di quest’anno ci porterà a Pozzuolo Umbro, nel comune di Castiglione del Lago, luogo dove nacque il 10 Agosto 1901 l’illustre scienziato Franco Rasetti, che, insieme a Enrico Fermi, Emilio Segrè, Edoardo Amaldi, Ettore Majorana, Bruno Pontecorvo ed Oscar D’Agostino, diede vita a quel gruppo di scienziati passati alla storia come I ragazzi di via Panisperna. A Roma, in via Panisperna 89/a si trovava l’Istituto di Fisica dell’ateneo romano che tra la fine degli anni Venti e la metà degli anni Trenta divenne uno dei centri di ricerca più importanti a livello internazionale grazie agli studi effettuati sulla radioattività artificiale e sul nucleo atomico. Nel 1934 il gruppo di giovani scienziati – Enrico Fermi, Franco Rasetti, Emilio Segrè, Edoardo Amaldi, Ettore Majorana, Bruno Pontecorvo ed Oscar D’Agostino – scoprì i neutroni lenti dando inizio così a l’era atomica. Questa scoperta rappresentò un evento di immensa portata non solo per la storia della fisica, ma per l’intera umanità. A Pozzuolo andremo a visitare l’archivio storico e la mostra permanente dedicati a “Franco Rasetti”, situati presso Palazzo Moretti. Ritrovo ed espletamento delle formalità ore 7.30 in via Bramante nel piazzale antistante gli uffici finanziari. Iscrizioni entro e non oltre il 12 Settembre 2017. Per info ed iscrizioni Benedetta Battistelli 320-6378798; Paolo Battistelli 335-5471691.
2020-01-22T10:53:55Z
http://www.cuaeterni.it/eventi/uscita-dautunno-a-pozzuolo-umbro-24-settembre-2017/
Discussione: Luna: zona Mare Nectaris, Fracastorius, Theophilus, Madler, ecc.. Iniziato lo schizzo all'aperto, poi mi son interrotto ed ho preso 32 minuti di appunti audio e fatto 3 A5 di schizzi e dettagli di brutta da, poi, rivedere in casa con le note audio e trasporre "in bella". Il seeing era così così, crateri ballerini, ma comunque apprezzabile. Ecco il work-in-progress. La prima immagine è quanto fatto in diretta (poco dato che il freddo mi rendeva la cosa complicata). La seconda è quanto fatto dopo aver riascoltato i primi 14 minuti di appunti audio e rivisto parte degli schizzi. Ho osservato con il mio bidone da 12" ed un oculare da 5.5 100° a 277x. Il disegno è tuttavia la parte centrale di quanto avessi nell'oculare, immagino possa essere paragonabile ad un 350x, su per giù. Vediamo quando riuscirò a finirlo, immagino mi manchino circa 5 ore per riascolatare tutto, inquadrarlo con gli schizzi e riproporlo a matita e sfumino. Re: Luna: zona Mare Nectaris, Fracastorius, Theophilus, Madler, ecc.. È sempre un piacere vedere i tuoi lavori, complimenti! Bravo Jacopo! Veramente sbalorditiva Guardando la tua immagine a media distanza sembra di assistere a una visione diretta all' oculare. Ottima la scala di grigi e le sfumature che rendono reale il contrasto. ...davvero notevole il senso artistico e naturalmente la padronanza della tecnica. Ho quasi finito. Mi manca qualche ultimo ritocco a mente fresca, ora sono stravolto, ho fatto quasi 4 ore a sniffare grafite. Trovo sempre molto affascinanti i disegni (anche più delle foto), c'è quel legame con l'osservazione visuale che rende tutto più concreto, "vissuto", forse anche artistico, seppur stiamo parlando sempre di una scienza. Avevo fatto qualche tentativo con la Luna ed ho constatato che è davvero complesso, molto bravo. E' della Luna di ieri notte. Terminatore fantastico. Disegnare mentre si osserva è, ormai, un must, almeno per me. Sia nel deep, sia sulla Luna. Nel deep, ormai, torno sempre a casa con una ventina di pagine di appunti, tra descrizioni, disegni, schizzi. Quando osservi e disegni, osservi decisamente meglio, più a fondo e con uno spirito ancora più curioso.
2020-02-24T09:28:25Z
https://www.astronomia.com/forum/showthread.php?28436-Luna-zona-Mare-Nectaris-Fracastorius-Theophilus-Madler-ecc&s=04d8b9b47ff6c1064455d409e2a9813e&p=318808
Può sembrare paradossale ma forse poi non lo è nemmeno così tanto che la fase terminale della vita e la morte di mons. Giovanni Sartori, ultimo vescovo di Trento, ricalchi fedelmente in modo quasi paradigmatico le pagine del libro di Philippe Ariès, storico francese, che tratta de "L'uomo e la morte dal Medioevo a oggi". Nella parte conclusiva Ariès parla del passaggio dalla morte "addomesticata", legittimata cioè ad avvenire tra le mura domestiche in un contesto familiare e comunitario del passato, alla morte "selvaggia" tipica del mondo moderno e contemporaneo, relegata in un contesto ospedaliere nella solitudine relazionale e resa afasica dall'artificio tecnologico. Nel capitolo dedicato al "trionfo della medicina" dove si dice che la morte oggi è diventata di esclusivo dominio della medicina, Ariès parla della "immagine pietosa del moribondo irto di tubi", del "tempo della morte allungato e suddiviso in morte cerebrale, morte biologica, morte cellulare" e della discrezionalità del potere medico sulla gestione artificiale della vita e in ispecie della sua fase terminale. Una morte selvaggia in un mondo secolarizzato dove i medici sono diventati il nuovo ceto sacerdotale a cui si affidano le sorti della vita, detentori di un potere che la fede nella scienza medica (sostitutiva ormai della fede religiosa) tende ad attribuire loro in un'aspirazione d'immortalità. E che i medici si prestino a questo gioco d'illusioni fino ad irretire in esso perfino uomini di chiesa come vescovi, preti e frati e fino a sfiorare o a superare i limiti di una deontologia professionale, lo dimostra proprio la vicenda di mons. Sartori a cui abbiamo assistito impotenti nelle scorse settimane. Già la scelta di un trapianto di quella portata su un organismo ormai logoro la dice lunga sulla competenza diagnostica di questi professionisti e su quanto la loro collocazione sociale pesi nel discriminare tra soggetti socialmente protetti e soggetti socialmente non protetti, perfino al di là di ogni criterio di buon senso. Scelta questa che ha contribuito in partenza a collocare un vescovo in un 'area di privilegio e di prevaricazione su altre aspettative in lista d'attesa diffusamente percepite come prioritarie e maggiormente legittime, mentre in compenso ha collocato i medici nella vetrina della comunicazione sociale come possibili operatori di miracoli. Senza contare che questa scelta ha perfino distolto l'attenzione da testi biblici con cui le persone coinvolte avrebbero dovuto avere una certa familiarità, e che avrebbero dovuto metterle in guardia dalle pretese taumaturgiche dei medici, là dove il Vangelo avverte che mettere vino nuovo in otri vecchi è un errore che non bisogna commettere, se non si vuole incorrere in conseguenze inevitabilmente disastrose. Ma una volta avviati su questa china è difficile fermarsi. E così la morte selvaggia si arricchisce di tutti i corollari previsti. Al malato non si dice la verità o la si edulcora inducendolo a partecipare alla decisione. Ai non addetti ai lavori non si concede ne il diritto di parola e nemmeno quello di essere correttamente informati, fino ad emettere comunicati rassicuranti fino a catastrofe avvenuta. La fede, perfino quella dei credenti/praticanti, viene trasferita nei poteri taumaturgici della medicina, al punto da costringere un partecipante al pellegrinaggio diocesano a Lourdes a intervenire sui responsabili dello stesso per sollecitare, dopo giorni d'inutile attesa, un 'intenzione di preghiera per il vescovo malato. La fase terminale viene così a svolgersi in un progressivo isolamento per la necessità di non correre rischi d'infezione, perché bisogna tenere il malato "sedato ", il che significa relegarlo in uno stato di incoscienza o di seminconscienza, gli si toglie la parola con la tracheotomia per esigenze di cautela onde evitare complicazioni, gli si toglie il conforto di una comunità lontana e disinformata, e lo si sigilla infine in una bara per esigenze legali di trasporto. Ma la cosa più sconcertante è dover constatare che dalle cronache degli eventi, così come un normale cittadino-fedele è stato messo in grado di seguirli, non è stato possibile sapere se il vescovo è morto "con il conforto dei sacramenti", cosa di cui non vogliamo dubitare. Ma certo la notizia di questo aspetto particolare non ha avuto ne quella visibilità ne quel peso che in casi del genere si penserebbe meritare, e certamente non ha avuto quella partecipazione comunitaria che non solo il rituale della morte di un vescovo prevede, ma che il ruolo ricoperto con tanta adesione alle regole canoniche che mons. Sartori esigeva da tutti avrebbe preteso come dovuta. E il non aver ottemperato a questi previsti doveri canonici suona quasi come una paradossale espiazione delle sue severità e dei suoi interventi normalizzatori curiosamente impostagli dall'entourage curial-familiare che ne aveva condiviso con acribia la rigidità applicativa. Certo una ben triste differenza rispetto ad altre morti vescovili recentemente registrate, come la morte di mons. Franceschi vescovo di Padova che, consapevole della fase terminale e dell'imminenza della morte a cui il tumore lo stava portando, si faceva somministrare in duomo, con la partecipazione del clero e della comunità di fede di cui era pastore, l'olio degli infermi appena consacrato nella cerimonia del giovedì santo. Così come la recente morte di don Tonino Bello vescovo di Molfetta in stretta comunione con la sua comunità fino ali 'ultimo istante. Come la morte del cardinale trentino di Chicago Joseph Bernardin. Così come si racconta di papa Giovanni XXIII, che, posto di fronte alla diagnosi di un tumore, rifiutava la proposta di terapie invasile, sia per rispetto del ruolo che ricopriva, sia per dimostrare che affidarsi al Signore verso cui sapeva di andare è la testimonianza più bella che un credente può dare a chi resta qui ancora per un po'. Sembrerebbe quasi - e gli esempi sopra riportati sembrerebbero dimostrarlo - che solo chi raccoglie la sfida di vivere la fede in un mondo secolarizzato accettandolo per quello che è nella sua ambiguità di proposte e cercando faticosamente con tutti gli uomini di buona volontà i criteri di discernimento per non farsene fagocitare, sia in grado di trovare il modo di porsi con coerenza anche di fronte alle vicende estreme della vita e trarne conforto per una testimonianza credibile di fede. Mentre coloro che si pongono di fronte alla secolarizzazione del mondo contemporaneo con atteggiamento di rifiuto e ritengono di contrastarlo semplicemente attraverso una rigida interpretazione di una presunta fedeltà all 'ortodossia, finiscono col diventare succubi inconsapevoli delle logiche e delle pretese dominanti di una secolarizzazione selvaggia che non di rado riesce a mimetizzarsi dietro le ossequienti manifestazioni di conformismo e di pratica religiosa di una cerchia di cortigiani. In questa logica riteniamo che non sia paradossale la vicenda della malattia e della morte del nostro vescovo, fermo restando il rispetto per la dimensione umana e il mistero della persona, che se opportunamente svestita del ruolo avrebbe potuto emergere in ben altra luce. Da interprete dell'ortodossia qual'era, riteniamo che non avrebbe certo proposto come esemplare di una morte cristiana una morte come di fatto è stata la sua. Ma forse proprio la sua interpretazione della fede non gli ha permesso di sottrarsi a quell'insidia dell'io che Freud da tempo ha individuato, che è appunto quella di viversi come immortale. La morte, per l'io, è sempre e solo la morte degli altri. E un io che tende a identificarsi fino quasi ad esaurirsi nel ruolo ricoperto corre rischi ancora maggiori in questa direzione. Forse una fede più problematica, con minori certezze e pretese di monopoli ed esclusive salvifiche, può offrire un aiuto più efficace per affrontare anche la morte in una dimensione comunitaria, che condivide la fede non nell'immortalità ma nella risurrezione, offrendola magari se è il caso a tutti come testimonianza. Ritengo che anche un'occasione perduta come la morte del vescovo di Trento possa proporsi come occasione di riflessione per un vissuto di fede da non abbandonare, come purtroppo ha finito col fare monsignor Sartori, nelle mani di uomini di apparato che sono portati a vivere di luce riflessa, spegnendosi la quale temono di scomparire nel nulla.
2020-03-29T11:37:22Z
http://questotrentino.it/articolo/5622/la_morte_selvaggia_di_mons_sartori
Ristrutturazione completa di un appartamento di circa 110 mq situato a Genova, in zona Sestri Ponente, realizzata dal nostro architetto Gabriele Secondo. L’immobile, risalente agli anni ’70, non era mai stato sottoposto a lavori di ammodernamento. Al fine di renderlo adatto ai gusti della giovane coppia si è optato perciò per una ristrutturazione completa dello stesso. È stata progettata una nuova distribuzione degli spazi, con l’apertura della cucina verso il soggiorno al fine di creare un ampio e luminoso open space. In tutto l’appartamento è stato posato un pavimento in grès porcellanato ad effetto parquet con orditura diagonale color nocciola, che ben si sposa con gli arredi dal gusto moderno e che alternano il bianco al legno dalle tinte naturali. Nella zona living è stata inoltre realizzata una parete con grès effetto pietra che caratterizza la zona relax, illuminata in modo radente da faretti incassati nel controsoffitto. Quest’ultimo prosegue lungo la cucina e nel corridoio, dove un gioco di differenti altezze aiuta a separare idealmente gli ambienti. Anche la camera da letto è connotata dalle stesse atmosfere rilassanti, vivacizzate da una tinta color rosa antico sulle pareti e da arredi a contrasto color bianco, che contribuiscono a rendere lo spazio ancora più luminoso. Vuoi ristrutturare la tua casa a Genova? Richiedi subito un preventivo gratuito!
2019-11-22T20:12:26Z
https://www.facileristrutturare.it/progetto/ristrutturazione-appartamento-110-mq-genova-sestri-ponente/
E' fondamentale sottolinearne l’importanza della visita dal punto di vista preventivo. Ci teniamo alla tua salute, fallo anche tu. Si tratta di un questionario formulato in modo tale da fornire informazioni che riguardano le condizioni generali di salute (patologie in atto o progresse, terapie, abitudini ecc.) e sul tipo ed intensità dello sport praticato. Nel caso di patologie e/o eventuali terapie se si possiede documentazione medica è bene presentarla alla visita. Presentarsi alla visita con il questionario anamnestico già compilato comporta un notevole risparmio di tempo. Il questionario può essere scaricato direttamente da questa pagina oppure ritirato presso la reception del Moving. Tramite la tavola che viene comunemente utilizzata a tale scopo: ottotipo, posta nel nostro caso ad una distanza di circa 3 metri. Il test, eseguito coprendo con l’apposito occhiale prima un occhio e poi l’altro, consiste nella lettura di caratteri alfabetici di grandezza progressivamente decrescente fino a che la visione delle stesse si annebbia o diventa incerta. A questo punto l’operatore indicherà i decimi che corrispondono alla capacità visiva dell’occhio esaminato. I risultati ottenuti possono dare delle indicazioni di massima ma questo esame non può e non deve essere sostitutivo di quello dello specialista oculista essendo solo un test indicativo. L’acuità visiva normale corrisponde a 10/10 per occhio. Lo stesso test viene ripetuto con eventuali lenti correttive che pertanto consigliamo di portare con sé. Nonostante l’apparente banalità, si rivelano di notevole importanza soprattutto in età evolutiva e in tutti quei casi di eccessi e/o cali ponderali che necessitano, a discrezione del medico, di un’eventuale consulenza dietologica, servizio di cui peraltro possiamo disporre direttamente. Viene rilevata da seduti preferibilmente sul braccio sinistro, scoperto ed eventualmente ripetibile a destra. Qualora esistessero dei precedenti per ipertensione la invitiamo a portare la relativa documentazione in suo possesso. Fornisce la misurazione di alcuni parametri respiratori di primo livello per la diagnosi delle malattie respiratorie ed indirizza il medico nella scelta di eventuali esami integrativi. Vengono raccolti con precisione i dati per il calcolo dei cosiddetti “valori teorici” cioè i valori normali di riferimento per età, peso, altezza e sesso. Si conclude così la prima fase di registrazione dati. Verrà quindi condotto nell’ambulatorio di medicina dello sport per procedere alla visita vera e propria. In ambulatorio, il medico del servizio la visiterà e in tale sede potrà chiarire eventuali dubbi inerenti la compilazione del questionario anamnestico e potrà segnalare ulteriori disturbi. Consiste nella registrazione grafica dell’attività elettrica del cuore. E’ questo il test strumentale più importante nella diagnosi di svariate patologie cardiache (aritmie, cardiopatia ischemica ecc.). Il medico procederà alla lettura del tracciato elettrocardiografico. Se non emergono controindicazioni si può procedere alla prova da sforzo rappresentata in questo caso da tre minuti di gradino di master (la cui altezza varia in rapporto a età e sesso) da eseguire secondo il ritmo proposto al fine di ottenere un adeguato incremento della frequenza cardiaca simulando in tal modo ciò che realmente avviene durante uno sforzo fisico. Avete delle domande?Haben Sie Fragen? oppure contattateci compilando il nostro modulo online.
2019-09-23T03:09:44Z
https://www.moving-center.com/visita-medica/
End of preview (truncated to 100 rows)

Dataset Card for Clean Italian mC4 🇮🇹

Dataset Summary

A thoroughly cleaned version of the Italian split of the multilingual colossal, cleaned version of Common Crawl's web crawl corpus (mC4). Based on the Common Crawl dataset. The original version was prepared by AllenAI, hosted at the address https://huggingface.co/datasets/allenai/c4, with subsequent preprocessing performed by Gabriele Sarti following a standard procedure for all dataset shards.

Preprocessing

The preprocessing of the dataset follows the procedure used by Yeb Havinga for training the model t5-base-dutch on a portion of the cleaned Dutch split of mC4. The original code, that was adapted for Italian in this case, is available on GitLab. In summary, the preprocessing procedure includes:

  • Removing documents containing words from a selection of the Italian and English List of Dirty Naught Obscene and Otherwise Bad Words.

  • Removing sentences containing:

    • Less than 3 words.

    • A word longer than 1000 characters.

    • An end symbol not matching end-of-sentence punctuation.

    • Strings associated to javascript code (e.g. {), lorem ipsum, policy information in Italian or English.

  • Removing documents (after sentence filtering):

    • Containing less than 5 sentences.

    • Containing less than 500 or more than 50'000 characters.

    • Not identified as prevalently Italian by the LangDetect package.

Using parallel processing with 96 CPU cores on a TPUv3 via Google Cloud to perform the complete clean of all the original Italian shards of mC4 (1024 of ~220Mb train, 8 of ~24Mb validation) required roughly 10 hours due to the demanding steps of sentence tokenization and language detection. The total size of compressed .json.gz files is roughly halved after the procedure.

Dataset Structure

Data Instances

An example from the dataset:

{
  'timestamp': '2020-02-22T22:24:31Z', 
  'url': 'https://altreconomia.it/una-rotonda-sul-pane/', 
  'text': 'Per raggiungere il campo attraversiamo la striscia d’asfalto che porta verso la provinciale numero 13. Mettiamo a rischio la nostra incolumità in un territorio di auto e camion. Sullo sfondo, i profili della Grigna e del Resegone. Più vicini, quelli del solito ipermercato di provincia, e delle villette a schiera che avanzano tra le coltivazioni. È lo sprawling, l’avanzata del cemento.\\nDa questo lato dalla strada, invece, è ancora regno contadino. Almeno per ora. Torniamo a Caponago (Mb), Brianza pura, dove ha avuto i natali il progetto “Spiga e madia”. Ne parlammo su Ae nel gennaio 2009: in un territorio “spaesato”, il Comitato “verso il Distretto di economia solidale della Brianza” (Desbri) e la “Retina” dei gruppi di acquisto locali danno vita a un progetto di produzione di frumento, molitura, panificazione e distribuzione in un raggio di 20 chilometri. Si comincia da zero, nel 2007, senza alcun di finanziamento, quando una famiglia del [...]. Il giochino vale almeno 3 miliardi di euro all’anno. La misura, introdotta in via straordinaria con la finanziaria 2005, è stata prorogata anche con l’ultimo decreto “milleproroghe”.'
}

Data Fields

The data contains the following fields:

  • url: url of the source as a string
  • text: text content as a string
  • timestamp: timestamp of extraction as a string

Data Splits

To build mC4, the original authors used CLD3 to identify over 100 languages. For Italian, the whole corpus of scraped text was divided in 1032 jsonl files, 1024 for training following the naming style c4-it.tfrecord-0XXXX-of-01024.json.gz and 8 for validation following the naming style c4-it-validation.tfrecord-0000X-of-00008.json.gz. The full set of preprocessed files takes roughly 215GB of disk space to download with Git LFS.

For ease of use under different storage capacities, the following incremental splits are available (sizes are estimates). Important: The sizes in GB represent the estimated weight for :

split train size (docs, words, download + preproc disk space) validation size
tiny 10M docs, 4B words (9 GB + 27 GB) 12k docs
small 20M docs, 8B words (18 GB + 54 GB) 24k docs
medium 50M docs, 20B words (47 GB + 135 GB) 48k docs
large 75M docs, 30B words (71 GB + 203 GB) 72k docs
full 103M docs, 41B words (109 GB + 279 GB) 96k docs

You can load any subset like this:

from datasets import load_dataset

mc4_it_tiny = load_dataset("gsarti/clean_mc4_it", "tiny")

Since splits are quite large, you may want to traverse them using the streaming mode available starting from 🤗 Datasets v1.9.0:

from datasets import load_dataset

mc4_it_full_stream = load_dataset("gsarti/clean_mc4_it", "full", split='train', streaming=True)
print(next(iter(mc4_it_full_stream))) # Prints the example presented above

Dataset Creation

Refer to the original paper for more considerations regarding the choice of sources and the scraping process for creating mC4.

Considerations for Using the Data

Social Impact of Dataset

With more than 200GB of cleaned Italian text and more than 41B estimated words, this is by far the largest available corpus for the Italian language. The second largest dataset available is OSCAR, which is only 69GB in size for its deduplicated variant. Using this corpus for training language models with adequate computational resources will allow researchers to reach parity with the performances observed for the English language. This can in turn have important repercussions for the development of commercial language technology applications for the Italian language.

Discussion of Biases

Despit the cleaning procedure aimed at removing vulgarity and profanity, it must be considered that model trained on this scraped corpus will inevitably reflect biases present in blog articles and comments on the Internet. This makes the corpus especially interesting in the context of studying data biases and how to limit their impacts.

Additional Information

Dataset Curators

Authors at AllenAI are the original curators for the mc4 corpus. For inquiries or requests regarding the Italian cleaned portion contained in this repository, please contact me at gabriele.sarti996@gmail.com

Licensing Information

AllenAI are releasing this dataset under the terms of ODC-BY. By using this, you are also bound by the Common Crawl terms of use in respect of the content contained in the dataset.

Citation Information

If you use this dataset in your work, please cite us and the original mC4 authors as:

@article{sarti-nissim-2022-it5,
    title={IT5: Large-scale Text-to-text Pretraining for Italian Language Understanding and Generation},
    author={Sarti, Gabriele and Nissim, Malvina},
    journal={ArXiv preprint 2203.03759},
    url={https://arxiv.org/abs/2203.03759},
    year={2022},
    month={mar}
}

@inproceedings{xue-etal-2021-mt5,
    title = "m{T}5: A Massively Multilingual Pre-trained Text-to-Text Transformer",
    author = "Xue, Linting  and
      Constant, Noah  and
      Roberts, Adam  and
      Kale, Mihir  and
      Al-Rfou, Rami  and
      Siddhant, Aditya  and
      Barua, Aditya  and
      Raffel, Colin",
    booktitle = "Proceedings of the 2021 Conference of the North American Chapter of the Association for Computational Linguistics: Human Language Technologies",
    month = jun,
    year = "2021",
    address = "Online",
    publisher = "Association for Computational Linguistics",
    url = "https://aclanthology.org/2021.naacl-main.41",
    doi = "10.18653/v1/2021.naacl-main.41",
    pages = "483--498",
}

Contributions

Thanks to @dirkgr and @lhoestq for adding this dataset.

Papers with Code

Models trained or fine-tuned on gsarti/clean_mc4_it